Dopo un’impasse durata mesi, una scuola media gesuita di Worcester, nel Massachusetts, si è vista revocare lo status di scuola cattolica dal vescovo locale per aver disubbidito al suo ordine di smettere di sventolare bandiere a sostegno dell’orgoglio LGBT e del movimento Black Lives Matter.

Di seguito un articolo di Kevin J. Jones, pubblicato sulla  Catholic News Agency. Eccolo nella mia traduzione. 

 

La bandiera di Black Lives Matter e quella dell'orgoglio LGBT sventolano fuori dalla Nativity School of Worcester, una scuola media gesuita della diocesi di Worcester, Massachusetts, nell'aprile del 2022. | Joe Bukuras/CNA
La bandiera di Black Lives Matter e quella dell’orgoglio LGBT sventolano fuori dalla Nativity School of Worcester, una scuola media gesuita della diocesi di Worcester, Massachusetts, nell’aprile del 2022. | Joe Bukuras/CNA

 

Dopo un’impasse durata mesi, una scuola media gesuita di Worcester, nel Massachusetts, si è vista revocare lo status di scuola cattolica dal vescovo locale per aver disubbidito al suo ordine di smettere di sventolare bandiere a sostegno dell’orgoglio LGBT e del movimento Black Lives Matter.

“Lo sventolio di queste bandiere davanti a una scuola cattolica invia al pubblico un messaggio confuso e scandaloso sulla posizione della Chiesa su queste importanti questioni morali e sociali”, ha dichiarato il vescovo di Worcester Robert McManus in un decreto del 16 giugno.

“Alla Nativity School di Worcester è proibito, da questo momento in poi, di identificarsi come una scuola ‘cattolica’ e non può più usare il titolo ‘cattolico’ per descriversi”, ha dichiarato. “La Messa, i sacramenti e i sacramentali non possono più essere celebrati nei locali della Nativity School o essere sponsorizzati dalla Nativity School in qualsiasi edificio o cappella della Diocesi di Worcester”.

Il diritto canonico stabilisce che “nessuna scuola, anche se di fatto cattolica, può fregiarsi del titolo di ‘scuola cattolica’ se non con il consenso dell’autorità ecclesiastica competente”.

McManus ha detto che è suo “sacro dovere e intrinseca responsabilità” determinare quando una scuola agisce in modo contrario agli insegnamenti cattolici e “non rispetta la mia legittima autorità di custode e supervisore dell’educazione cattolica nella diocesi di Worcester”.

Nel suo decreto il vescovo ha elaborato le sue preoccupazioni specifiche sulle bandiere.

“Ritengo che la bandiera del ‘Gay Pride’ rappresenti il sostegno al matrimonio gay e a uno stile di vita LGBTQ+”, ha dichiarato McManus.

“La Chiesa cattolica insegna che ogni vita è sacra e certamente sostiene in modo inequivocabile la frase ‘Black Lives Matter’ (‘le vite dei neri contano’) e afferma con forza che tutte le vite contano”, ha continuato il vescovo.

“Tuttavia, il movimento ‘Black Lives Matter’ (BLM)ha cooptato la frase e promuove una piattaforma che contraddice direttamente l’insegnamento sociale cattolico sull’importanza e il ruolo della famiglia nucleare e cerca di distruggere la struttura familiare in chiara opposizione agli insegnamenti della Chiesa cattolica”.

La scuola ha dichiarato che farà appello alla decisione e continuerà a sventolare le bandiere, affermando che qualsiasi decisione della diocesi non influirà sulle sue attività.

Giovedì i notiziari televisivi della scuola hanno mostrato le bandiere ancora sventolanti, insieme alla bandiera americana.

 

L’organizzazione BLM in discussione

La Nativity School di Worcester, gestita dai gesuiti, accoglie ragazzi dai cinque agli otto anni. Ha un corpo studentesco prevalentemente afroamericano e latinoamericano e gli studenti frequentano senza pagare le tasse scolastiche. È gestita privatamente e non fa parte del sistema scolastico diocesano.

Dal gennaio 2021 la scuola esponeva una bandiera arcobaleno dell’orgoglio LGBT e una versione della bandiera Black Lives Matter. Nel marzo 2022 uno sconosciuto ha strappato le bandiere. McManus ha affrontato la controversia sulle bandiere il 3 aprile, avvertendo la scuola che avrebbe potuto perdere il suo status di scuola cattolica.

La frase “Black Lives Matter” è salita alla ribalta dopo la controversa uccisione di Trayvon Martin nel 2012, che è stata dichiarata legittima difesa. È stata invocata in concomitanza con i disordini del 2014 a Ferguson, nel Missouri, provocati dall’uccisione di un nero da parte della polizia, Michael Brown, che alla fine è stata ritenuta legittima difesa. Dopo l’omicidio di George Floyd nel 2020 da parte di un agente di polizia di Minneapolis, è diventato un grido di battaglia per i nemici della brutalità della polizia e del razzismo.

La dichiarazione di McManus del 16 giugno non spiegava la sua preoccupazione che il movimento Black Lives Matter minasse la famiglia. Tuttavia, la più grande organizzazione ufficiale che porta lo slogan, la Black Lives Matter Global Network, ha promosso l’ideologia LGBT e si oppone alla famiglia nucleare. Fino a quando il testo non è stato rimosso nel settembre 2020, il sito web del gruppo affermava che, nell’ambito del suo lavoro di giustizia sociale e antirazzista, l’organizzazione mirava a “smantellare il privilegio cisgender”, “distruggere la struttura familiare nucleare prescritta dall’Occidente” e promuovere “una rete di affermazione queer”. L’organizzazione sta attualmente combattendo contro le accuse di cattiva gestione finanziaria.

In una dichiarazione del 3 aprile, McManus ha affermato che l’emblema di Black Lives Matter “è stato a volte cooptato da alcune fazioni che instillano anche una sfiducia a tutto campo nei confronti della polizia e di coloro che sono incaricati di far rispettare le nostre leggi”.

 

La risposta della scuola

In una lettera del 15 giugno alla comunità scolastica, Thomas McKenney, presidente della Nativity School, ha descritto l’azione di McManus come “un cambiamento nel rapporto della Nativity con la diocesi di Worcester e il nostro continuo impegno a fornire un’istruzione eccellente radicata nella tradizione gesuita”.

McKenney ha detto che la scuola è “interamente finanziata dalla generosità di individui, fondazioni e aziende”. Non riceve alcun finanziamento diocesano e la sua governance e il controllo delle operazioni scolastiche sono “completamente indipendenti dalla diocesi”.

“Sappiate che qualsiasi decisione presa dalla diocesi non cambierà la missione, le operazioni o l’impatto di Nativity”, ha detto alla comunità scolastica.

McKenney ha detto che la scuola ha iniziato a sventolare la bandiera in risposta alla “richiesta degli studenti della scuola media di esprimere il loro sostegno per rendere le nostre comunità più giuste e inclusive”.

“In quanto scuola multiculturale, le bandiere rappresentano l’inclusione e il rispetto di tutte le persone. Queste bandiere affermano semplicemente che tutti sono i benvenuti a Nativity e che questo valore di inclusione è radicato nell’insegnamento cattolico”, ha detto.

“Papa Francesco ha elogiato l’avvicinamento e l’inclusione delle persone LGBTQ+. La Conferenza episcopale degli Stati Uniti sostiene lo spirito e il movimento di “Black Lives Matter”. Entrambe le bandiere sono ora ampiamente comprese per celebrare la dignità umana dei nostri parenti, amici e vicini che hanno affrontato e continuano ad affrontare odio e discriminazione”.

“Sebbene qualsiasi simbolo o bandiera possa essere cooptato da gruppi o organizzazioni politiche, sventolare le nostre bandiere non è un’approvazione di alcuna organizzazione o ideologia, ma sventolano a sostegno delle persone emarginate”.

Il decreto di McManus proibisce alla Nativity School di raccogliere fondi presso le istituzioni diocesane. Alla scuola è stato anche impedito di essere elencata o pubblicizzata nell’elenco della diocesi. Inoltre, il nome del vescovo emerito di Worcester Daniel P. Reilly deve essere rimosso dal consiglio di amministrazione della scuola.

Secondo NBC News Boston, Raymond Delisle, un portavoce della diocesi, ha detto che McManus “stava solo cercando delle alternative alle bandiere per poter trasmettere gli stessi punti, ovvero che le vite dei neri contano, che Dio ama tutti. Ma deve per forza essere fatto con i loghi specifici, se volete, di una particolare organizzazione con cui abbiamo delle divergenze?”.

McKenney ha detto che la scuola “cercherà di appellarsi alla decisione della diocesi di rimuovere la nostra identità cattolica attraverso i canali appropriati previsti dalla Chiesa in circostanze come questa”.

“Allo stesso tempo, dopo una significativa deliberazione e discernimento da parte del consiglio, del gruppo dirigente, del corpo docente e dei partner, Nativity continuerà a esporre le bandiere in questione per dare una testimonianza visibile della solidarietà della scuola con i nostri studenti, le nostre famiglie e le loro comunità. L’impegno verso la nostra missione, fondata e animata dai valori del Vangelo, dall’insegnamento sociale cattolico e dalla nostra eredità gesuita, ci obbliga a farlo”.

L’amministrazione senior del College of the Holy Cross di Worcester, gestito dai gesuiti, ha sviluppato la scuola, aperta nel 2003 per far fronte ai bassi tassi di diploma dei ragazzi che provengono da famiglie economicamente insicure.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments