Malta è l’unica delle nazioni dell’Unione europea in cui l’aborto è illegale.

Nonostante le pressioni delle lobby abortiste e gli investimenti internazionali, il popolo e il Presidente della Repubblica, insieme alla maggioranza dei parlamentari, resistono convintamente nella difesa della vita dal concepimento alla morte naturale, sostenuti e incoraggiati dalla Chiesa Cattolica.

Domenica 13 Settembre il vescovo ausiliare Joseph Galea Curmi ha pregato pubblicamente perché le nazioni che in passato hanno abolito la schiavitù, possano fare lo stesso con l’aborto, che è la mercificazione della persona umana più debole e innocente.

Ce ne parla Micaiah Bilger nell’articolo pubblicato il 14 settembre su lifenews, che riportiamo di seguito nella traduzione di Wanda Massa.

 

Joseph Galea Curmi, vescovo

 

Un vescovo cattolico a Malta ha incoraggiato i cristiani a porre fine alle violazioni dei diritti umani dell’aborto, così come hanno fatto della schiavitù, domenica, durante una funzione speciale in ricordo dei bambini non nati che sono stati abortiti.

Il Times of Malta riferisce che il vescovo ausiliare Joseph Galea Curmi dell’arcidiocesi di Malta ha esortato la gente ad agire mentre il piccolo Paese insulare deve affrontare un’intensa pressione internazionale per legalizzare l’aborto volontario.

Oggi, in diverse parti del mondo, compresa Malta, c’è una mentalità che accetta e promuove le persone che mettono fine alla vita degli altri prima della nascita. È una mentalità diffusa“, ha detto il vescovo.

Speriamo e preghiamo che verrà un momento in cui, come quando varie società hanno aperto gli occhi e iniziato a lavorare contro la schiavitù, lo stesso sarà fatto quando si tratterà di proteggere la vita umana“, ha continuato.

Malta è l’ultimo Paese in Europa che protegge la vita dei nascituri, dopo l’abbandono dell’Irlanda e l’Irlanda del Nord è stata costretta a cancellare le leggi a favore della vita nel 2018 e nel 2019. Gli aborti sono illegali nella maggior parte dei casi in Polonia, ma Malta rimane l’unico Paese che vieta completamente l’aborto.

Galea Curmi ha pregato che il Paese non “ceda alla pressione contro la vita“, secondo il rapporto. Ha pregato per le madri e i bambini, nati e non nati, e per coloro che li sostengono. Il vescovo pregava anche che medici e infermieri lavorassero per proteggere ogni vita umana come parte della loro professione.

Malta ha resistito per anni alle pressioni internazionali per legalizzare l’aborto. Nel 2013, i gruppi a favore dell’aborto hanno accusato Malta di “tortura” perché il Paese protegge la vita dei nascituri. L’accusa è stata formulata dalla Commissione internazionale dei giuristi, un’organizzazione per i diritti umani, in un rapporto al Consiglio per i diritti umani. Ha anche affermato che Malta sta mettendo inutilmente in pericolo la vita delle donne vietando l’aborto.

L’aborto è un abuso dei diritti umani che uccide esseri umani unici e viventi all’interno del grembo materno. Si stima che nel 2019 circa 42,3 milioni di aborti abbiano distrutto la vita dei nascituri in tutto il mondo.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1