I raduni di preghiera silenziosi nei pressi di un consultorio abortivo non possono essere vietati, ha stabilito mercoledì un tribunale tedesco.

Di seguito vi propongo nella mia traduzione un articolo scritto da A.C. Wimmer, pubblicato su Catholic News Agency.

 

Pavica Vojnović (a destra) e Lidia Rieder fuori dal tribunale di Mannheim. | ADF Internazionale
Pavica Vojnović (a destra) e Lidia Rieder fuori dal tribunale di Mannheim. | ADF Internazionale

 

I raduni di preghiera silenziosi nei pressi di un consultorio abortivo non possono essere vietati, ha stabilito mercoledì un tribunale tedesco.

La decisione annulla un divieto emesso nel 2019 dalla città di Pforzheim, nel sud-ovest della Germania, e confermato nel maggio 2021 da una sentenza di un tribunale di grado inferiore.

Il 31 agosto il tribunale amministrativo di Mannheim aveva stabilito che “le autorità potevano subordinare una riunione a tale condizione solo se la sicurezza pubblica fosse stata messa direttamente in pericolo se la riunione si fosse tenuta. Non era questo il caso”.

L’organizzatore della preghiera ha accolto con favore la decisione.

“Ogni vita umana è preziosa e merita di essere protetta. Sono rincuorata dal fatto che potremo riprendere le nostre veglie di preghiera a sostegno delle donne e dei loro figli non nati nel luogo in cui riteniamo sia più sensato”, ha dichiarato Pavica Vojnović.

L’attivista pro-vita ha guidato le veglie di preghiera del gruppo 40 Giorni per la Vita.

Vojnović ha presentato il ricorso legale in difesa dei diritti fondamentali alla libertà di religione, di espressione e di riunione con il sostegno dell’organizzazione per i diritti umani ADF International.

Pro Familia, un’associazione membro dell’International Planned Parenthood Federation, gestisce il centro.

“Questa è una chiara vittoria non solo per 40 Giorni per la Vita, ma anche per tutti coloro che si occupano della protezione dei diritti umani fondamentali. Il popolo tedesco ha il diritto di riunirsi ed esprimersi pacificamente, compresa la preghiera silenziosa, nelle strade pubbliche”, ha dichiarato Lidia Rieder, responsabile legale di ADF International, che ha sostenuto il caso di Vojnović.

Nel 2019, il comune di Pforzheim, nello stato federale del Baden-Württemberg, ha negato al gruppo di preghiera il permesso di tenere veglie vicino al centro.

Due volte all’anno, circa 20 persone si riuniscono per pregare per 40 giorni per le donne che devono abortire e per i loro figli non ancora nati. I partecipanti alla veglia non hanno impedito a nessuno di entrare nell’edificio o di bloccare il marciapiede nell’area circostante.

Quando il consultorio ha chiesto alla polizia di controllare gli attivisti, non ha riscontrato alcuna violazione. Ma la direzione del centro ha chiesto di spostare la veglia a una certa distanza o di vietarla del tutto.

L’organizzazione 40 Giorni per la Vita è stata fondata da David Bereit nel 2004 come gruppo locale di difesa della vita a Bryan-College Station, in Texas. Il gruppo è cresciuto fino a diventare un’organizzazione internazionale che organizza campagne cristiane di preghiera e attivismo per porre fine all’aborto.

La decisione del tribunale in Germania segue la recente vittoria di Rosa Lalor, una nonna del Regno Unito. È stata arrestata mentre camminava e pregava in silenzio vicino a una struttura abortiva a Liverpool durante il lockdown del COVID. L’accusa ha ritirato tutte le accuse dopo un lungo procedimento legale.

“La messa a tacere dell’espressione pro-vita, compresa la preghiera, è un problema ricorrente in tutta Europa. Quando il governo inizia a proibire la preghiera silenziosa in certi luoghi, entriamo nel campo della polizia dei crimini di pensiero – una proposta spaventosa per tutti. È imperativo difendere diligentemente le nostre libertà fondamentali negli spazi pubblici, opponendoci ai tentativi di minare le riunioni pacifiche e l’espressione delle proprie convinzioni”, ha dichiarato Felix Böllmann, senior counsel di ADF International.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments