La scorsa settimana un tribunale del Regno Unito ha stabilito che è nell’interesse di una donna incinta con gravi difficoltà di apprendimento che si sottoponga ad un aborto. Un tribunale britannico ha preso la stessa decisione in un caso simile all’inizio di quest’anno, anche se la decisione è stata annullata dopo la sua pubblicazione. Ce ne parla lo staff del  Catholic News Agency in questo articolo che vi propongo nella mia traduzione.

 

Corte di Appello del Regno Unito

Corte di Appello del Regno Unito

 

La scorsa settimana un tribunale del Regno Unito ha stabilito che è nell’interesse di una donna incinta con gravi difficoltà di apprendimento che si sottoponga ad un aborto. Un tribunale britannico ha preso la stessa decisione in un caso simile all’inizio di quest’anno, anche se la decisione è stata annullata dopo la sua pubblicazione. 

Si ipotizza che la donna non identificata in questo caso sia incinta di 12 settimane. Lei, insieme al suo trust NHS e al consiglio locale, non è stata identificata dal tribunale o dai media, al fine di proteggere la sua privacy.

La sentenza della corte è stata emessa venerdì 11 ottobre, dopo un’udienza presso la Corte di protezione del Regno Unito, che gestisce i casi portati in materia di cura e decisione per le persone giudicate non in grado di agire da sole. Il trust del NHS responsabile delle cure della donna ha chiesto al tribunale il permesso di effettuare un aborto. Nella sua petizione, il trust ha sostenuto che continuare la gravidanza sarebbe dannoso per la donna. 

Eloise Power, l’avvocato che rappresenta il trust del NHS, ha testimoniato che i medici e gli operatori sanitari della donna sostengono la cessazione della sua gravidanza. 

La donna vive nel nord dell’Inghilterra e ha trascorso la maggior parte della sua vita in affidamento. I suoi custodi, che sono descritti come “cristiani e praticanti”, sostengono l’aborto, secondo PA Media, un servizio via cavo nel Regno Unito. 

Anche altri 30 professionisti del settore medico, tra cui medici e assistenti sociali, che sono stati consultati per questo caso, hanno convenuto che l’aborto sia nell’interesse della donna, secondo PA Media. 

Il giudice David Basil Williams ha scritto nella sua sentenza che l’aborto sarebbe una “significativa interferenza” nell’autonomia corporea della donna, ma ha anche detto di essere d’accordo che esso sia nel suo migliore interesse, e che continuare la gravidanza potrebbe nuocere alla sua salute fisica e mentale. Inoltre, ha autorizzato il personale medico a bloccare la donna e ad amministrare l’anestesia generale durante l’aborto, se necessario.

La Corte della Protezione è competente per le cause che coinvolgono cittadini britannici che si ritiene non abbiano la capacità mentale di prendere decisioni per sé stessi. La donna incinta è nella ventesima settimana di gravidanza, ma sperimenta una capacità intellettuale gravemente ridotta, hanno riferito i media britannici. 

La polizia sta indagando se la gravidanza della donna è stata causata da un atto di violenza sessuale. Poiché i suoi assistenti medici e la sua famiglia affidataria sono a favore dell’aborto, non è previsto alcun ricorso contro la decisione.

Questo caso è simile a quello che ha fatto notizia a giugno, quando la Corte di protezione ha stabilito che una donna con disabilità intellettiva avrebbe  dovuto essere sottoposta ad un aborto alla 22a settimana di gravidanza. Il caso ha suscitato indignazione internazionale, poiché la donna e sua madre erano entrambe contrarie all’aborto per motivi religiosi. 

La decisione in quel caso è stata osteggiata dalla famiglia della donna e dagli assistenti sociali ed è stata ribaltata tre giorni dopo la sua pubblicazione.

 

__________________________________





 

Facebook Comments
1