Nel Milwaukee, il 28 giugno 2021 il senatore repubblicano Ron Johnson ha consentito a diverse persone di testimoniare pubblicamente i gravi effetti collaterali subiti in seguito alla vaccinazione Covid. Tra questi, Maddie de Garay, volontaria a 12 anni per la sperimentazione del Pfizer ed oggi sulla sedia a rotelle e col sondino (qui il video sottotitolato in italiano). La notizia è riportata nell’articolo di Jason Calvi per FOX6 News.

In Alabama, invece, un gruppo di medici e pazienti, con l’ausilio degli America’s Frontline Doctors ha intentato una causa (qui) contro il dottor Fauci e altri funzionari e agenzie sanitarie federali nel tentativo di fermare la vaccinazione forzata COVID nei bambini. Tra i querelanti, i parenti di una donna affetta da Alzheimer, deceduta in seguito alla somministrazione del vaccino in un centro di residenza assistita e contro il parere dei familiari.

 

Stephanie de Garay e sua figlia, Maddie
Stephanie de Garay e sua figlia, Maddie

 

Diverse persone riferiscono che i vaccini COVID-19 hanno causato gravi effetti collaterali e il Sen. Ron Johnson (R-Wisconsin) ha ospitato alcuni di loro a Milwaukee lunedì 28 giugno.

L’evento ha attirato critiche. Il governatore Tony Evers (D-Wisconsin) ha detto che il senatore Johnson è “imprudente e irresponsabile” – e il commissario per la salute di Milwaukee ha accusato Johnson di sollevare “preoccupazioni fuorvianti“.

Mentre il senatore ha detto lunedì che la stragrande maggioranza dei vaccini sono stati somministrati in modo sicuro, ha aggiunto che tutti dovrebbero sentire le persone che segnalano problemi gravi.

Ha distribuito documenti basati sul Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), che secondo lui include 384.270 eventi avversi legati ai vaccini COVID-19, compresi 4.812 decessi. Questo database include rapporti non verificati dai medici e dal pubblico, che il CDC afferma che possono essere “incompleti, inaccurati, frutto di coincidenze o non verificabili“.

Tra coloro che si sono uniti al gruppo del senatore Johnson c’era Maddie de Garay, che si è offerta volontaria per la sperimentazione del vaccino Pfizer quando aveva 12 anni e ora è su una sedia a rotelle.

Perché non è tornata alla normalità? Stava benissimo prima di tutto questo. Ha fatto bene a cercare di aiutare tutti gli altri e qui non stanno aiutando lei“, ha detto Stephanie de Garay, la madre di Maddie.

La madre di Maddie ha detto che sua figlia è stata al pronto soccorso nove volte – ed è stata ricoverata tre volte.

Tutto quello che vogliamo è che Maddie sia vista, ascoltata e creduta, perché non lo è stata. E vogliamo che riceva le cure di cui ha disperatamente bisogno, in modo che possa tornare alla normalità“, ha detto Stephanie de Garay, in lacrime.

Anche altri si sono uniti al senatore Johnson lunedì per condividere le loro storie dopo aver ricevuto il vaccino COVID-19.

Ci si sente come se avessi una piccola scossa elettronica che ti attraversa il corpo, come se fossi bloccato su una sedia vibrante, come incollato, e non si ferma mai. Ho dei tremori alle mani che mi hanno fatto dubitare se sarò mai in grado di esercitare di nuovo la professione di igienista. E ho tanta paura di avere un problema neurologico dopo questo, come il Parkinson“, ha detto Kristi Dobbs, un’igienista dentale del Missouri, che aggiunge che i suoi effetti collaterali includono dolore, parestesia e palpitazioni.

Siamo il danno collaterale della pandemia. Come potete vedere, mi sto riprendendo. Posso camminare, il tocco della mano di mio figlio piccolo non sembra più che mi dia fuoco“, ha detto Brianne Dressen. È un’insegnante di scuola materna dello Utah, che si è offerta volontaria per la sperimentazione del vaccino AstraZeneca.

L’ex giocatore dei Green Bay Packers Ken Ruetggers ha sollecitato il senatore Johnson ad ospitare l’evento di lunedì. Sua moglie, Sheryl, ha detto che sta ancora sperimentando gravi reazioni neurologiche, tra cui dolore muscolare, intorpidimento, debolezza e parestesia.

Il vaccino è generalmente sicuro. Il senatore Johnson lo ha detto oggi. Questo è vero. Tuttavia, c’è una piccola percentuale che sta avendo alcune reazioni gravi. In questo caso, gravi reazioni neurologiche. E penso che abbiamo bisogno di vedere che questa è una responsabilità, un’opportunità di prendersi cura delle persone che hanno parte della soluzione collettiva“, ha detto Ken Ruetggers.

Johnson ha detto che il suo obiettivo è quello di dare a queste persone una piattaforma, in modo che la comunità sanitaria li riconosca e vada alla causa principale – per trovare una cura per questi problemi e per prevenire gravi effetti collaterali per coloro che riceveranno i vaccini in futuro.

Questa è più disinformazione che metterà la gente a rischio“, ha detto Charles Manning, un’infermiera registrata. “Sta inneggiando all’idea che si può essere danneggiati da qualcosa che statisticamente è più dannoso“.

Il Wisconsin Department of Health Services riferisce a FOX6 che 412, cioè il 95% delle morti per COVID-19 nello stato dal 1 marzo 2021 al 24 giugno 2021, sono avvenute tra persone che non sono completamente vaccinate.

FOX6 ha interrogato il senatore sulle critiche che sta mettendo in pericolo delle vite.

Non ho mai paura di trasmettere la verità, di fornire informazioni alla gente“, ha detto il senatore Johnson. “Penso che il pubblico americano dovrebbe essere in grado di disporre del consenso informato quando decide se prendere o meno un vaccino sperimentale, in un modo o nell’altro. Penso che sia importante riconoscere che ci sono persone che sono state danneggiate dal vaccino. E se non riconosciamo questo fatto, come fai a trattare le persone che non stai riconoscendo la causa principale del problema“.

Il commissario per la salute di Milwaukee, Kirsten Johnson, ha criticato il senatore. “Il senatore Ron Johnson, che ha confermato pubblicamente di non essere vaccinato, ha usato la sua piattaforma oggi per sollevare preoccupazioni fuorvianti riguardo al vaccino COVID-19. I fatti scientifici sul vaccino COVID-19 rimangono: è sicuro, è efficace e le complicazioni sono estremamente rare. Ancora più importante, salva la vita“.

Lo stesso senatore Johnson non è stato vaccinato, dicendo di avere gli anticorpi. Tuttavia, il CDC raccomanda a tutti – anche a coloro che hanno avuto il COVID-19 – di fare l’iniezione.

Il senatore dice che sta rispondendo ad un grido di queste persone per essere ascoltato. “Qualcuno deve farsi avanti e dire alla gente la verità che la gente non vuole sentire“.

FOX6 ha chiesto se questo fattore lo porterà a rimanere al Senato degli Stati Uniti, in modo da poter avere ancora un podio per parlare di questioni come questa. Per mesi, ha detto che non ha deciso se cercare un terzo mandato.

Questo sarebbe probabilmente uno dei fattori più importanti, sì“, ha risposto Johnson. “Se nessun altro è disposto a farsi avanti e parlare di verità impopolari, questa sarebbe una delle considerazioni“.

In Alabama, invece, diversi medici e altre persone che sono state danneggiate o hanno subito la perdita di un familiare come conseguenza della vaccinazione Covid, hanno intentato una causa contro il dottor Fauci, alcuni funzionari e agenzie sanitarie federali con l’obiettivo di fermare la vaccinazione forzata COVID dei bambini.

Un querelante in particolare include i rappresentanti di una donna deceduta di nome Dovi Sanders Kennedy, che presumibilmente è morta dopo aver ricevuto un vaccino COVID forzato.

Per quanto riguarda la signora Kennedy, i querelanti affermano che le è stato somministrato un vaccino COVID mentre si trovava in un centro di residenza assistita, nonostante le obiezioni della sua famiglia. I querelanti dicono che la Kennedy aveva l’Alzheimer e non avrebbe potuto capire cosa stava succedendo quando è stata vaccinata.

Inoltre, sostengono che anche se la Kennedy avesse capito che stava per essere vaccinata, non avrebbe comunque ricevuto il consenso informato sui pericoli del vaccino.

I querelanti sostengono che la Kennedy non aveva “patologie pregresse” ma è morta entro circa due settimane dalla somministrazione della seconda iniezione COVID.

I querelanti sostengono che i  “…vaccini COVID sono agenti biologici non approvati, non adeguatamente testati, sperimentali e pericolosi che hanno il potenziale di causare danni sostanzialmente maggiori del virus SARS-CoV-2 e della stessa malattia COVID-19“.

Essi affermano anche che il governo non ha seguito le linee guida federali appropriate per soddisfare i requisiti di autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino.

La causa è stata organizzata dagli America’s Frontline Doctors (AFLDS), un’organizzazione apartitica e senza scopo di lucro (si vedano anche alcuni precedenti articoli pubblicati su questo blog: qui e qui). L’AFLDS dice che il suo obiettivo è quello di promuovere la migliore qualità di assistenza sanitaria possibile dando autonomia ai medici che lavorano in prima linea. Il caso è stato presentato alla corte federale dell’Alabama dall’esperto avvocato Larry Becraft.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email