Contrariamente a quanto sostenuto dal cortigiano papale Austen Ivereigh e da altri, Papa Francesco esercita l’autorità alla maniera di un superiore gesuita che, dopo aver ascoltato coloro che sceglie di ascoltare, prende la sua decisione.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Padre Raymond J. de Souza e pubblicato su National Catholic Register. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Papa Francesco (Foto AP Photo/Markus Schreiber)
Papa Francesco (Foto AP Photo/Markus Schreiber)

 

Il cortigiano papale Austen Ivereigh ha scritto due utilissime biografie del Santo Padre e un altro libro insieme a lui. Sarebbe scortese negargli una misura di celebrazione di Papa Francesco nel suo decimo anniversario.

Tuttavia, l’occasione non richiede che si facciano affermazioni discutibili e, purtroppo, Ivereigh ha fatto proprio questo, scrivendo che Papa Francesco ha “cercato una trasformazione della vita interna e della cultura della Chiesa cattolica, al centro della quale c’è una conversione del potere”.

Ivereigh sostiene che “non molto tempo fa il Vaticano era noto per i suoi modi altezzosi, il suo centralismo e il suo autoritarismo”. Ivereigh sostiene che il cambiamento climatico è arrivato in Vaticano e che i venti gelidi di Giovanni Paolo e Benedetto sono stati sostituiti dalla dolce e calda brezza di Papa Francesco.

Ivereigh è un uomo intelligente. Sa che, contrariamente a quanto si dice, questo è stato un pontificato di potere. Ha scritto una difesa preventiva.

I critici dello stile di governo del Santo Padre a volte ricorrono alla spiegazione che Papa Francesco esercita un potere grezzo alla maniera di un peronista argentino.

È piuttosto vero che esercita l’autorità alla maniera di un superiore gesuita che, dopo aver ascoltato coloro che sceglie di ascoltare, decide da solo.

Papa Francesco ha messo in atto il modello gesuita subito dopo l’elezione, convocando un proprio “consiglio di cardinali” che ha avuto accesso privilegiato a lui, aggirando tutte le consuete strutture di consultazione. Li ha ascoltati e poi ha deciso cosa fare.

Ricordiamo “I due Papi”, il film che ha elogiato Papa Francesco. Si apre con una scena affascinante del Santo Padre che cerca di prenotare un volo per Lampedusa per il suo primo viaggio. (Era abbastanza innocente, ma il modus operandi era già chiaro: nessuna questione era troppo banale – compresa la logistica del viaggio – perché il Santo Padre non ne avesse il controllo personale.

Le canonizzazioni non sono banali e comportano l’esercizio più solenne dell’autorità papale; un atto infallibile, in effetti. Ecco perché esiste una procedura così rigorosa per le cause di santità.

Poco dopo l’elezione, Papa Francesco ha deciso di rinunciare al requisito del miracolo per la canonizzazione del Beato Giovanni XXIII, forse per evitare che il Beato Giovanni Paolo II fosse canonizzato da solo. Avrebbe fatto la stessa cosa per il suo gesuita preferito, il beato Peter Faber, e ancora per i beati Junípero Serra, Joseph Vaz, Francois de Laval, Maria dell’Incarnazione, Margaret Costello e altri. Un maggior numero di santi è una benedizione, ma il fatto che così presto Papa Francesco abbia usato la sua autorità suprema in modo così frequente e straordinario è stato un segno importante di come avrebbe esercitato la sua autorità.

Papa Francesco ha rimosso l’autorità dei vescovi locali di approvare nuove comunità religiose nelle loro diocesi, ha cambiato il diritto canonico in modo da avere l’autorità di licenziare i vescovi e, notoriamente per quanto riguarda la Messa latina tradizionale, ha rimosso l’autorità di un vescovo di determinare ciò che accade nelle sue chiese parrocchiali – compreso il modo in cui vengono scritti i bollettini. Ora, invece della pratica vaticana di lunga data di convincere i vescovi locali a dimettersi volontariamente, Papa Francesco può semplicemente licenziarli, come ha fatto in Paraguay, a Porto Rico e a Memphis, nel Tennessee.

Più vicino a noi, in una nuova costituzione per la diocesi di Roma, Papa Francesco ha messo da parte il cardinale vicario e ha imposto che un nuovo consiglio pastorale si riunisca tre volte al mese in sua presenza, con l’ordine del giorno inviato in anticipo. È difficile credere che il Sommo Pontefice partecipi davvero a tali riunioni, ma per legge questa è la posizione predefinita. I nuovi parroci di Roma non possono più essere nominati dal cardinale vicario; ora sarà il Papa stesso a farlo, così come ad approvare i seminaristi per l’ordinazione.

Più in generale, in Italia Papa Francesco ha riorganizzato tutti i tribunali matrimoniali del Paese. Ha nominato commissari speciali per governare le case religiose. Dopo anni in cui i vescovi italiani hanno chiarito che non vedevano l’utilità di un processo sinodale nazionale – come in Germania o in Australia – Papa Francesco li ha costretti a farlo comunque.

Nella Curia romana, ha retrocesso o licenziato senza tanti complimenti non meno di cinque cardinali curiali dai loro incarichi: I cardinali Raymond Burke, Gerhard Müller, Angelo Becciu, Fernando Filoni e Peter Turkson. Scherzano tra di loro dicendo che fanno parte della “Curia da buttare”.

Il potere papale è stato ferocemente ridotto per diminuire la Pontificia Accademia per la Vita e l’ex Istituto Giovanni Paolo II per il Matrimonio e la Famiglia. L’Ordine di Malta – il Sovrano Ordine di Malta – è stato completamente preso in mano da Papa Francesco, che gli ha imposto una nuova costituzione e nuovi alti ufficiali.

La Curia romana stessa viene completamente scavalcata nella maggior parte delle iniziative del Santo Padre, emanate motu proprio – di “propria iniziativa”. In più di un’occasione, importanti cambiamenti di giurisdizione sono stati scoperti dai responsabili dei dipartimenti interessati quando hanno letto il bollettino stampa quotidiano della Santa Sede.

Ciò è particolarmente vero in termini di riforma finanziaria.

Quando il Santo Padre ha creato la Segreteria per l’Economia nel 2014, il cardinale Pietro Parolin è stato colto alla sprovvista. Due anni dopo, quando il dicastero dell’economia è stato privato di una giurisdizione chiave, il cardinale George Pell ha avuto lo stesso colpo di fulmine. La revisione contabile che il dipartimento del cardinale Pell aveva ordinato è stata sospesa dal Papa e, successivamente, il Santo Padre ha licenziato il primo revisore generale del Vaticano.

Recentemente, Papa Francesco ha decretato che tutti i beni di tutte le entità vaticane appartengono alla Santa Sede, non ai vari dipartimenti, alcuni dei quali hanno controllato i fondi per secoli. Ogni euro ora, in teoria, è soggetto al diretto controllo papale.

Quando si tratta di personale e denaro, la lunga prassi della Chiesa è che, quando è necessaria una riforma, Roma spesso centralizza. La dottrina è un’altra cosa, però, e nella sua esaltazione del potere papale, Francesco ha deciso di mettere da parte l’insegnamento del Concilio Vaticano II.

La nuova costituzione della Curia romana, Praedicate Evangelium, permette a chiunque di dirigere un dicastero vaticano, esercitando il potere di governo della Chiesa. Che ne è, allora, dell’insegnamento del Vaticano II secondo cui i vescovi governano in virtù della loro ordinazione e sono “vicari di Cristo” a pieno titolo?

Nella conferenza stampa che seguì la promulgazione del Praedicate Evangelium, uno dei suoi redattori, il gesuita Gianfranco Ghirlanda (ora cardinale), studioso di diritto canonico, dichiarò apertamente una posizione in contrasto con il Vaticano II:

“Il potere di governo nella Chiesa non viene dal sacramento dell’ordine sacro, ma dalla missione canonica”.

Il messaggio: Il potere non è sacramentale, ma papale. Il potere deriva da un mandato papale, non dai sacramenti.

Questa sfida diretta al Vaticano II è una questione grave, affrontata per decenni da teologi e giuristi canonici in un lavoro accademico. Papa Francesco ha tentato di risolvere la questione con un’affermazione, sostenuta da un’unica conferenza stampa. Non sorprende che al concistoro dei cardinali dell’agosto 2022 ci sia stata una significativa reazione, con molti cardinali che hanno sostenuto che il Papa non aveva il potere di fare ciò che aveva appena fatto.

Il paradosso di questo pontificato è che, nonostante il potere venga affermato sempre e ovunque, nelle grandi crisi si assiste a un fallimento spettacolare.

Il Santo Padre viene apertamente sfidato nella Chiesa siro-malabarese in India, dove le sue direttive liturgiche non hanno portato a una soluzione. In Nigeria, ha minacciato tutti i sacerdoti di una diocesi di sospenderli se non avessero accettato un nuovo vescovo. Ha fatto marcia indietro e ha trasferito il vescovo. E in Germania, con il Cammino sinodale, nonostante le ripetute iniziative del Santo Padre per chiuderlo, i vescovi sfiduciati hanno prodotto una crisi che molto probabilmente consumerà ciò che resta del pontificato.

Il pontificato di potere si è rivelato nelle grandi questioni stranamente impotente.

Padre Raymond J. de Souza

 

Padre Raymond J. de Souza è il direttore fondatore della rivista Convivium.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments