L’annuncio non menziona alcuna causa della patologia cardiaca potenzialmente fatale.

Di seguito riportiamo un articolo di Kennedy Hall, pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Miocardite e bambini
screenshot da YouTube

 

All’inizio di settembre, il New York Presbyterian Hospital ha pubblicato uno spot che ritraeva una ragazza a cui era stata diagnosticata e che soffriva di miocardite, un’affezione cardiaca associata alla vaccinazione COVID in età giovanile.

 

 

Lo spot mostra la giovane ragazza che osserva la vetrina di un negozio di abbigliamento e sogna ad occhi aperti di disegnare moda.

Nello spot la ragazza dice: “Un giorno ho avuto un mal di pancia così forte che non volevo fare nulla e il team del New York Presbyterian mi ha detto che in realtà era il mio cuore, gravemente gonfio, una cosa chiamata miocardite”.

Lo spot si conclude dicendo che i medici le hanno somministrato farmaci “e hanno usato macchinari per controllare il mio battito cardiaco” e hanno salvato la ragazza da un esito fatale.

L’annuncio non menzionava alcuna causa della condizione cardiaca potenzialmente fatale.

Il dottor Vinay Prasad, professore all’UC San Francisco, ha ritwittato l’annuncio collegando la proliferazione della miocardite nei bambini alle vaccinazioni: “Perché qualcuno dovrebbe cercare di normalizzare la miocardite, quando è facile cercare di ridurla? Abbassare le dosi. Distanziare le dosi. Niente moderna e meno dosi nei giovani. Esenzioni per le dosi future per chi ha già avuto la COVID19”.

 

 

Prasad ha criticato la promozione dell’iniezione di mRNA COVID ai giovani, producendo un video su YouTube lo scorso dicembre che denunciava i pericoli dell’iniezione ai bambini, visti i rischi di infiammazione cardiaca.

 

 

“La gente continua a discutere su quale sia la cosa peggiore, la COVID-19 o la vaccinazione, quando si tratta di miocardite: Quale sia la cosa peggiore, la COVID-19 o la vaccinazione, quando si tratta di miocardite… la vaccinazione non dovrebbe essere alla pari di qualsiasi malattia vera e propria, dovrebbe essere molto, molto più sicura”.

Sebbene sia ancora un sostenitore dei vaccini per coloro che ritengono di essere a maggior rischio di COVID, Prasad ritiene che coloro che sono stati infettati in precedenza non dovrebbero essere spinti a sottoporsi al vaccino e che i giovani, soprattutto gli uomini, dovrebbero stare alla larga dai vaccini.

A gennaio, LifeSiteNews ha riferito che un giovane di 17 anni di Toronto è morto dopo aver accusato un grave gonfiore cardiaco a causa del vaccino Pfizer. Una seconda autopsia ha confermato, secondo il padre del ragazzo, che il giovane è effettivamente morto a causa del gonfiore cardiaco indotto dal vaccino.

 

 

Nota: Di Vinay Prasad, un ematologo-oncologo e professore associato di epidemiologia e biostatistica alla University of California, San Francisco, abbiamo parlato spesso su questo blog (vedi qui). 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments