Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jonathon Van Maren e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

transgender
transgender – Donna biologica che si è sottoposta a mastectomia, cioè all’asportazione chirurgica del seno, per adattare il corso alla sua percezione si sentirsi un uomo.

 

L’81% di coloro che hanno subito interventi chirurgici che hanno cambiato la loro vita negli ultimi cinque anni ha riferito di aver provato dolore semplicemente per i normali movimenti nelle settimane e nei mesi successivi, e le cicatrici fisiche ed emotive possono durare per anni.

 

Un nuovo studio sugli effetti collaterali degli interventi chirurgici per il cambio di sesso dei transgender ha rivelato, ancora una volta, che ci troviamo nel bel mezzo del più grande scandalo medico degli ultimi secoli. Condotto dai ricercatori dell’Università della Florida e dall’organizzazione sanitaria no-profit Brooks Rehabilitation, lo studio ha rilevato che l’81% di coloro che si sono sottoposti a interventi di cambio di sesso negli ultimi cinque anni ha riferito di aver provato dolore semplicemente per i normali movimenti nelle settimane e nei mesi successivi – e che si stanno manifestando anche molti altri effetti collaterali.

Questo non sorprende chi di noi ha ascoltato le testimonianze di persone che hanno subito la de-transizione, come Chloe Cole, e di altri che sono andati sotto i ferri, come Scott Newgent (che ha descritto le sue terribili esperienze post-operatorie nel mio podcast recente). La dottoressa Meryl Alappattu, docente di fisioterapia all’Università della Florida, ha parlato dei suoi risultati provvisori in un seminario privato online riportato dal Daily Mail. Il rapporto completo sarà pubblicato nel 2023 e i risultati riportati sono terrificanti. Lo studio ha rilevato che coloro che si sono sottoposti a interventi di cambio di sesso hanno avuto problemi alla vescica, dolore durante i rapporti sessuali e altri problemi significativi.

“C’è un’alta percentuale che riferisce dolori muscoloscheletrici, difficoltà di movimento e disfunzioni del pavimento pelvico”, ha dichiarato Alappattu. “In termini di informazioni sull’efficacia di questi tipi di trattamento… abbiamo ancora molto lavoro da fare”. Come ha osservato il Daily Mail:

La modifica chirurgica dei genitali maschili e femminili per farli corrispondere a quelli del sesso opposto – nota come vaginoplastica e falloplastica – è ampiamente considerata una procedura difficile e problematica. Le donne che si sottopongono alla transizione per diventare uomini possono scegliere di farsi costruire un pene con tessuto estratto dalle braccia, sebbene anche questa procedura sia complessa e il risultato sia comunque nettamente diverso da un pene biologico. L’asportazione dei seni delle donne in transizione è più semplice, ma può comportare dolore, infezioni e problemi come la rottura dei punti di sutura, soprattutto nelle pazienti in sovrappeso.

Questo non è del tutto esatto, almeno in Nord America. Le cosiddette “cure per l’affermazione del genere” non sono descritte come “dure e problematiche”, ma come una soluzione semplice ed efficace alla disforia di genere che non può essere messa in discussione da nessuno nel campo medico, politico o accademico. Se lo si fa, si mettono a rischio le carriere, ed è per questo che in Canada non c’è stata alcuna discussione pubblica su questi trattamenti.

I ricercatori hanno studiato 21 persone che si identificano come non binarie o transgender di età compresa tra i 20 e i 70 anni e che si sono sottoposte al trattamento negli ultimi cinque anni. La maggior parte dei partecipanti allo studio aveva subito vaginoplastiche o mastectomie. È emerso che il 57% trovava dolorosi i rapporti sessuali; l’81% accusava dolori acuti alle spalle, al bacino, al petto, all’inguine e alla parte bassa della schiena (a volte anche anni dopo l’intervento); e il 29% soffriva di “incontinenza urinaria o di un bisogno frequente e urgente di andare in bagno”.

Alappattu ha sottolineato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio gli effetti collaterali e che, sebbene la fisioterapia possa alleviare i “danni” in alcuni casi, non è chiaro come si possano affrontare i danni a lungo termine. Molti di coloro che si sottopongono a questi interventi chirurgici, dopo aver creduto alla visione di “soluzione semplice” dei “trattamenti per l’affermazione del genere” promossa dal movimento LGBT e dai suoi alleati progressisti, sono scioccati nello scoprire che cambiare sesso non è così semplice come viene pubblicizzato. La dottoressa Alexandra Hill, esperta dell’Università della Florida, ha detto all’incontro privato che molti pazienti sono sorpresi di quanto sia lungo il processo di guarigione. Come ha osservato il Mail:

Allo stesso modo, molti pazienti che si sottopongono alla creazione di una neo-vagina sono sorpresi di scoprire che devono inserire un “dilatatore” nel canale per un’ora al giorno dopo l’intervento. Senza l’uso del dilatatore, che assomiglia a un giocattolo sessuale, la neo-vagina può gradualmente accorciarsi in profondità, ha detto il dottor Hill. Alcune donne trans devono usarli per il resto della loro vita. È una cosa di cui molte persone non si rendono conto”, ha aggiunto.

Il servizio del Mail ha anche ribadito ciò che ho sottolineato più volte in questo spazio: che chi assume ormoni cross-sessuali e bloccanti della pubertà in giovane età è probabilmente incapace di provare “qualsiasi tipo di piacere sessuale da adulto”, oltre a eliminare la fertilità naturale. In breve, questo esperimento medico sta creando migliaia di giovani che saranno stati messi in condizione, dai loro genitori e dai medici, di prendere una decisione che potenzialmente impedirà loro di provare piacere sessuale o di avere figli prima di avere l’età per votare o per comprare un drink.

Jonathon Van Maren


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments