Un nuovo studio ha stimato che centinaia di casi di infiammazione cardiaca si verificano ogni milione di seconde dosi del vaccino COVID-19 di Moderna nel gruppo a più alto rischio.

Di seguito rilancio un articolo di Zachary Stieber, pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccino-Moderna
vaccino-Moderna

 

Un nuovo studio ha stimato che centinaia di casi di infiammazione cardiaca si verificano ogni milione di seconde dosi del vaccino COVID-19 di Moderna nel gruppo a più alto rischio.

I ricercatori hanno stimato circa 269,5 casi di miocardite, una forma di infiammazione cardiaca, negli uomini di età compresa tra i 18 e i 29 anni.

La miocardite è una patologia grave che può portare alla morte.

I ricercatori hanno tratto i numeri da un sistema di sorveglianza della salute pubblica istituito dalle autorità della British Columbia, in Canada.

Nello studio di coorte basato sulla popolazione, i ricercatori hanno cercato i casi di miocardite, pericardite e miopericardite subito dopo aver ricevuto un vaccino Moderna o COVID-19 di Pfizer, che utilizzano entrambi la tecnologia dell’RNA messaggero. La pericardite è un’infiammazione del tessuto vicino al cuore, mentre la miopericardite si verifica quando si verificano sia la miocardite che la pericardite.

I ricercatori hanno escluso le persone che non hanno ricevuto la serie primaria di due dosi, che hanno ricevuto una o più dosi al di fuori della British Columbia e che hanno avuto una miocardite entro un anno prima della vaccinazione.

Dei 3,1 milioni di persone rimanenti, 59 hanno sviluppato una miocardite e 41 una pericardite tra i sette e i 21 giorni dopo la vaccinazione.

I ricercatori hanno preso i numeri e li hanno tradotti in tassi per milione utilizzando la modellazione.

I tassi più alti di miocardite si sono verificati tra i giovani maschi, che da tempo sono ritenuti i più a rischio di infiammazione cardiaca post-vaccinazione.

Il tasso di Moderna è stato di 269,5 per milione di seconde dosi tra i maschi di età compresa tra i 18 e i 29 anni. Il tasso di Pfizer era di 58 per milione di seconde dosi tra i maschi della stessa fascia d’età.

I tassi sono diminuiti nelle fasce di età più avanzate. I tassi per i maschi di età compresa tra i 30 e i 39 anni, ad esempio, erano di 54 per milione (Moderna) e 11,3 per milione (Pfizer).

Tra le donne di età compresa tra i 18 e i 29 anni, i tassi erano 27,4 per Moderna e 4,8 per Pfizer. Tra le donne di età compresa tra 30 e 39 anni, i tassi erano 27,8 per Moderna e 11,4 per Pfizer.

I tassi di base, ovvero i tassi nella popolazione generale, sono di appena 2 per milione nelle persone di età compresa tra i 18 e i 39 anni, il che significa che la vaccinazione aumenta la probabilità di incidenza.

Gli esperti, negli Stati Uniti e altrove, hanno affermato che sia il vaccino Pfizer che quello Moderna sono causalmente legati alla miocardite e alla pericardite.

Rispetto al vaccino Pfizer, il vaccino Moderna è stato collegato a una probabilità più che doppia di sviluppare le patologie infiammatorie, secondo i ricercatori.

Pfizer e Moderna non hanno risposto alle richieste di commento entro l’orario di stampa.

“I nostri risultati possono avere implicazioni politiche per quanto riguarda la scelta del vaccino offerto”, hanno dichiarato i ricercatori.

Naveed Janjua, epidemiologo e direttore esecutivo dell’analisi presso il Centro per il controllo delle malattie della Columbia Britannica, ha guidato lo studio, finanziato dalle autorità canadesi. È stato pubblicato dal Journal of the American College of Cardiology.

Tra i limiti dello studio c’è il fatto che si trattava di uno studio osservazionale e i ricercatori hanno dichiarato di non poter dire se i casi di infiammazione fossero legati alla vaccinazione.

Alcuni esperti, tra cui gli autori, hanno minimizzato l’infiammazione post-vaccinazione, affermando che i casi spesso si risolvono nel tempo e che i benefici dei vaccini – principalmente la protezione da malattie gravi, dato che non offrono più una protezione contro le infezioni – superano i rischi. Altri sostengono che, soprattutto tra i più giovani, i rischi superano i benefici.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments