Di seguito rilancio un articolo scritto da Ramon Tomey, pubblicato su Natural News. Eccolo nella mia traduzione. 

 

vaccinazione covid

 

Un numero crescente di medici ha espresso il proprio rifiuto di farsi iniettare il richiamo del coronavirus di Wuhan (COVID-19), citando la mancanza di prove cliniche.

Il dottor Todd Lee della McGill University in Canada è uno di questi medici che ha rifiutato i richiami. Lee ha contratto il ceppo B11529 omicron nonostante fosse triplo vaccinato.

“Ho preso il mio ultimo vaccino COVID-19 con prove di livello RCT (randomized clinical trial) che ridurranno il mio rischio di malattia grave”, ha twittato. Lee ha alluso alla mancanza di risultati per i richiami aggiornati, che sono stati autorizzati per l’uso sia negli Stati Uniti che in Canada nell’autunno dello scorso anno sulla base di dati provenienti da esperimenti sui topi.

“Prestate molta attenzione a notare che questo non è un sentimento anti-vaccino. Si tratta di ‘fornire prove di beneficio per giustificare l’uso continuo’, il che è molto diverso. Va solo a favore di un prodotto da 30 miliardi di dollari all’anno somministrato a centinaia di milioni di persone”, ha aggiunto.

Anche il dottor Vinay Prasad dell’Università della California San Francisco (UCSF) ha dichiarato che non prenderà altri booster a meno che non siano disponibili dati di studi clinici. “Ho preso almeno una dose contro la mia volontà”, ha raccontato. “È stato immorale e scientificamente fallimentare”.

L’epidemiologa Tracy Beth Hoeg, anch’essa dell’UCSF, si è unita a Lee e Prasad nell’opporsi ai booster. Ha raccontato di aver avuto una reazione avversa alla prima dose del vaccino Moderna COVID-19 e di aver assunto la seconda dose “contro la sua volontà”.

“Se potessi tornare indietro, non avrei fatto nessun vaccino COVID-19”, ha twittato Hoeg.

“Sono stata contenta che i miei genitori settantenni abbiano potuto vaccinarsi contro la COVID, ma non ho ancora visto dati non confermati che li consigliassero sul richiamo bivalente. Avrei voluto vedere un RCT per il bivalente per le persone della loro età e per gli adulti con condizioni di salute che li mettono a rischio”.

Altri esperti chiedono lo stop alle iniezioni di mRNA COVID

Altri esperti, invece, hanno chiesto di fermare l’uso dei vaccini a RNA messaggero (mRNA), in particolare quelli di Pfizer e Moderna.

“A questo punto, tutti i programmi di vaccinazione con mRNA COVID dovrebbero essere interrotti immediatamente”, ha dichiarato il professore del Massachusetts Institute of Technology Retsef Levi in una dichiarazione video (vedere qui la traduzione in italiano a nostra cura, ndr).

“Dovrebbero fermarsi perché non sono riusciti a mantenere nessuna delle loro promesse sull’efficacia. E, cosa ancora più importante, dovrebbero fermarsi a causa delle prove sempre più evidenti e indiscutibili che causano un livello di danni senza precedenti, compresa la morte di giovani e bambini”. (Articolo correlato: I 5 motivi principali per NON fare il richiamo del vaccino Covid, mai).

Levi si riferiva alla miocardite o all’infiammazione del muscolo cardiaco in seguito alla vaccinazione, che le autorità hanno riconosciuto essere legata alle dosi di COVID-19. A sostegno della sua affermazione ha citato due studi.

Il primo studio citato da Levi ha rilevato che quasi tre bambini su 10 a cui è stato iniettato il vaccino COVID-19 a base di mRNA di Pfizer hanno sofferto di problemi cardiaci. Il secondo studio, invece, ha rilevato la presenza di antigeni proteici della SARS-CoV-2 nel sangue dei giovani vaccinati.

Il dottor Joseph Fraiman, medico e ricercatore della Louisiana, ha commentato che “le persone non dovrebbero ricevere i [vaccini] al di fuori di uno studio clinico“.

“Vedo la probabilità che i danni possano superare i benefici nel gruppo che dovrebbe beneficiare maggiormente del vaccino”, ha affermato. “Non vedo come si possa essere certi che i benefici siano superiori ai danni a livello di popolazione, o anche nei gruppi ad alto rischio. Non vedo le prove a sostegno di questa affermazione”.

“Dato che è improbabile che cause alternative causino miocardite entro una settimana dalla vaccinazione, questa è essenzialmente una prova definitiva che stiamo assistendo a morti cardiache improvvise a causa dei vaccini”.

Fraiman e i suoi colleghi hanno rianalizzato gli studi originali sui vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna che hanno portato alla loro approvazione. In uno studio sottoposto a revisione paritaria hanno concluso che i soggetti vaccinati erano a maggior rischio di eventi avversi gravi.

Visitate DangerousMedicine.com per altre storie sui vaccini COVID-19 e sui booster.

Guardate qui sotto il professore di oncologia Dr. Angus Dalgleish che chiede la fine urgente dei booster COVID-19 a causa dell’esplosione dei tumori dopo la vaccinazione.

 

 

 


ATTENZIONE: Questo articolo, molto probabilmente, subirà la censura dei social e dei motori di ricerca. Per questo, condividetelo ANCHE sui vostri contatti e chat. Grazie!


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments