Il dottor Josef Seifert ha rimproverato ai cardinali della Chiesa di non “proclamare quelle molte verità della fede che il Papa contraddice apertamente o tacitamente con le parole e anche con i fatti”.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Andreas Wailzer e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

 

 Un professore cattolico ha criticato Papa Francesco, accusandolo di “distruggere i fondamenti della fede e della morale”.
Il noto professore di filosofia e amico intimo di Papa Giovanni Paolo II, Josef Seifert, ha pubblicato una lettera aperta indirizzata ai cardinali della Chiesa cattolica, in cui invita i vescovi della Chiesa a resistere alle azioni eterodosse di Papa Francesco, come la firma del documento di Abu Dhabi.
“Papa Francesco – lo dico con il cuore sanguinante – non è il ‘garante della fede’, ma sta costantemente distruggendo sempre più le fondamenta della fede e della morale con questa e molte altre dichiarazioni e pronunciamenti”, ha scritto Seifert.
Il professore austriaco ha criticato in particolare il “Documento sulla fraternità umana per la pace nel mondo e la convivenza“, spesso chiamato documento di Abu Dhabi, che Francesco ha firmato insieme al Grande Imam di Al-Azhar. Il documento afferma che “il pluralismo e la diversità di religioni, colore, sesso, razza e lingua sono voluti da Dio nella sua saggezza, attraverso la quale ha creato gli esseri umani”.

“Ricordiamo la Dichiarazione sulla fraternità di tutti i popoli firmata da Papa Francesco insieme al Grande Imam Ahmad Mohammad Al-Tayyeb”, ha detto Seifert.
“Non sarebbe un’eresia e una terribile confusione affermare che Dio, così come ha voluto la differenza dei due sessi – cioè con la sua volontà positiva – ha voluto direttamente anche la differenza delle religioni e quindi tutte le idolatrie e le eresie? Sì, la Dichiarazione di Abu Dhabi non è forse peggiore dell’eresia, cioè dell’apostasia?”.
“Tutti voi cardinali e vescovi non dovreste dire il vostro fermo “non possumus” [non possiamo] quando Francesco chiede che questo “documento” sia la base per la formazione dei sacerdoti in tutti i seminari e le facoltà teologiche?”.
“Per quanto sia vero in sé ‘che il Papa è il Papa e il garante della fede’, questa affermazione non può essere applicata a un Papa che ha firmato la Dichiarazione di Abu Dhabi e l’ha diffusa in tutto il mondo, e che ha detto e fatto molte altre cose contrarie all’insegnamento coerente della Chiesa”.
“Come dovrei rispondere a un caro amico luterano profondamente credente, per la cui conversione prego da anni, quando mi scrive che con questa Dichiarazione di Abu Dhabi la Chiesa cattolica ha abbandonato il suolo del cristianesimo?”, ha chiesto.
“Non dovrebbero tutti i cardinali scrivere al Papa come un sol uomo e chiedergli di ritirare questa dichiarazione apostatica?”.
Il professore di filosofia ha anche sottolineato la promozione da parte di Francesco delle “unioni civili” tra persone dello stesso sesso, che contraddice direttamente l’insegnamento della Chiesa e dei suoi predecessori.
“La sua dichiarazione di promuovere le alleanze civili/unioni civili tra omosessuali contraddice direttamente le chiare affermazioni del Magistero della Chiesa (cfr. le considerazioni sulle bozze di riconoscimento legale della convivenza tra persone omosessuali del 3 giugno 2003, pubblicate sotto il pontificato di San Giovanni Paolo II), ma soprattutto la Sacra Scrittura e l’intera tradizione della Chiesa!”. Seifert ha dichiarato.
“Non dovreste tutti voi cardinali, come ha fatto meravigliosamente il vescovo Athanasius Schneider, compiere un vero atto d’amore per il Papa ed esprimerlo pubblicamente e con la stessa chiarezza con cui lo ha fatto lui?”.
Seifert ha ricordato ai cardinali della Chiesa cattolica che un giorno dovranno rispondere delle loro azioni (o inazioni) davanti al tribunale di Dio.
“Voi cardinali non dovrete tremare quando Cristo vi chiederà come avete potuto adempiere al solenne mandato missionario di Gesù, se non avete protestato contro la Dichiarazione di Abu Dhabi, che diceesattamente l’opposto delle parole di Gesù?”, ha scritto il professore.
Inoltre, Seifert ha criticato Francesco per aver contraddetto l’insegnamento della Chiesa sulla pena di morte e per aver cambiato il Catechismo della Chiesa cattolica.
Ha anche criticato il Papa per aver detto che le anime dannate vengono distrutte invece di andare all’inferno per l’eternità. Il Pontefice avrebbe fatto queste affermazioni in una delle sue famigerate interviste con il giornalista ateo Eugenio Scalfari.

“Tutti i cardinali non dovrebbero protestare in molti altri casi, ad esempio quando il Papa introduce arbitrariamente una modifica teologicamente ed ecclesiasticamente sbagliata nel Catechismo cattolico, che contraddice le chiare parole di Dio nella Sacra Scrittura (già nel Libro della Genesi) e molte affermazioni dottrinali dei papi sulla pena di morte, formulate in linea con la tradizione ininterrotta e anche i fatti storici”, ha scritto Seifert.
“O quando – contro molte parole forti di Gesù e dogmi della Chiesa cattolica – parla di un inferno vuoto o addirittura sostiene, come i Testimoni di Geova, che le anime dei peccatori impenitenti non vanno all’inferno ma vengono distrutte?”.
Il professore austriaco ha poi criticato Francesco per aver nominato membri della Pontificia Accademia per la Vita che contraddicono apertamente “il nucleo dell’insegnamento morale biblico e della Chiesa e le encicliche Humanae Vitae, Evangelium Vitae e Veritatis Splendor”.

“Come potete voi cardinali… tacere su questa e tante altre ‘desolazioni del santuario’ invece di fare molto di più dei laici e dei teologi critici nel fare tutto il possibile per proclamare quelle tante verità di fede che il Papa contraddice apertamente o tacitamente con le parole e anche con i fatti (come la celebrazione della Riforma, l’erezione della statua di Lutero in Vaticano, il francobollo celebrativo della Riforma, il culto della Pacha Mama nei Giardini Vaticani e nella Basilica di San Pietro, ecc. Pietro, ecc.)”.
Seifert è un rinomato professore di filosofia cattolica che nel 2017 è stato licenziato da un’università cattolica in Spagna per aver criticato apertamente Papa Francesco. Attualmente insegna ancora filosofia all’Università Ludwig-Maximilians di Monaco.


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments