Sohrab Ahmari, giornalista iraniano-americano, autore di diversi libri, riflette su un caso concreto di una donna che è stata condannata in tribunale perché ha detto che il sesso è una questione biologica immutabile. Il giudice, in sostanza, ha detto che la concezione della sessualità che deriva dalla biologia, cioè dalla scienza, “non [è] degna di rispetto in una società democratica”. Sohrab Ahmari ne deduce che stiamo vivendo in un regime integrale.

L’articolo è stato pubblicato sul First Thing e lo propongo alla riflessione di tutti nella mia traduzione. 

 

Philip Bunce - Pippa (prima e dopo)

Philip Bunce – Pippa (prima e dopo)

 

Il calvario di Maya Forstater vi scandalizzerà. Dal gennaio 2015, la 45enne fiscalista britannica è stata consulente del braccio europeo del Center for Global Development (CDG), un think tank americano. Una volta terminato il suo contratto, il 31 dicembre 2018, il CDG ha deciso di non rinnovarlo. Il motivo: L’espressione da parte di Forstater della sua convinzione, da femminista di vecchia scuola, che il sesso è biologico e immutabile.

Sui social media, la Forstater aveva ingiuriato Philip Bunce, banchiere del Credit Suisse e padre sposato di due figli che si presenta regolarmente al lavoro come “Pippa”, una sgargiante caricatura della femminilità, completa di abiti di pizzo, calze a rete e alte scarpe di vernice. Quando “Pippa” è entrata al 32° posto del Financial Times nel 2018 nella lista dei 100 migliori dirigenti femminili britanniche del Financial Times, Forstater ha avuto la temerarietà di suggerire che avrebbe dovuto rifiutare l’onore.

Ha scritto: “Ho una domanda per i miei amici maschi di Twitter che si sono impegnati a non apparire nei panel di soli uomini. Se tu fossi invitato in un panel con Pip Bunce . . . e un altro ragazzo, diresti ‘sì’ o chiameresti gli organizzatori e diresti: ‘Scusa, non faccio manels’ [cioè, panel di soli uomini]”? In altre occasioni [Forstater] ha messo le cose in modo più deciso: “Non credo che essere donna/femmina sia una questione di identità o di sentimenti femminili. È biologia”.

Al suo think tank, le lamentele contro di lei sono volate. Ma Forstater ha tenuto duro. In una chat interna, ha dichiarato: “Mi è stato detto che è offensivo dire. . . donna significa ‘femmina umana adulta’. Tuttavia, poiché queste affermazioni [sic] sono vere, continuerò a dirle”. Tuttavia, è stata veloce a chiarire che in ambito professionale e interpersonale avrebbe onorato le preferenze di genere degli altri: “Non ho alcun desiderio o intenzione di essere scortese con le persone”.

Il CDG l’ha licenziata, nonostante questa [precisazione].

A marzo, Forstater ha citato in giudizio il think tank in base all’Equality Act del 2010, lo statuto antidiscriminazione dell’omnibus britannico. Per giudicare la causa, il Central London Employment Tribunal ha dovuto decidere se le sue convinzioni – che “il sesso è una realtà materiale” e che “essere donna è un fatto biologico immutabile, non un sentimento o un’identità” – equivalgano a fondamentali credenze filosofiche che hanno diritto alla protezione della legge. Allo stesso modo, il tribunale ha dovuto decidere se la mancanza di fede di Forstater nella prevalente ortodossia di genere – che “il genere batte efficacemente il sesso, in modo che ‘gli uomini trans sono uomini’ e ‘le donne trans sono donne’” – avesse ugualmente diritto alla protezione.

Detto in un altri termini, il caso ha messo sotto processo la biologia di base: la verità scientifica che gli organi sessuali hanno distinto l’uomo dalla donna sin dalle origini della specie umana. E la biologia è stata condannata. Il giudice del tribunale James Tayler ha ritenuto che il resoconto biologico del sesso è “incompatibile con la dignità umana e i diritti fondamentali degli altri” e “non degno di rispetto in una società democratica”.

Ripeto: l’opinione che il sesso biologico sia immutabile, e che maschio e femmina siano categorie biologiche intelligibili, non è ora “degna di rispetto in una società democratica”.

Il ragionamento del tribunale è un lungo esercizio di mendicare la domanda, imbottito di scientismo da capricci. Le persone transgender hanno ottenuto il diritto di ottenere certificati di riconoscimento di genere che confermano la loro nuova identità, scrive Tayler. Così, “se una persona ha fatto la transizione da maschio a femmina e ha un certificato di riconoscimento del genere, è legalmente una donna”. Questo non è qualcosa che [Forstater] ha il diritto di ignorare”.

Capito? Il governo ha creato un nuovo diritto che preclude ai cittadini l’affermazione di verità biologiche evidenti, e la ragione per cui i cittadini non possono affermare queste verità è che… il governo ha creato un nuovo diritto che preclude tali verità.

Per quanto riguarda la scienza, Tayler cita un un editoriale del New York Times – quel bastione del rigore scientifico e della peer-review (revisione tra pari, ndr) – che afferma che gli organi sessuali embrionali si sviluppano a partire “dall’equilibrio di potere tra reti di geni che agiscono insieme o in una particolare sequenza”, piuttosto che da un singolo gene. Ma questa è una completa non sequitur (errore di ragionamento, ndr) in questo contesto. Se reggono, le recenti scoperte hanno esattamente zero attinenza con la natura immutabile del sesso biologico.

Tayler solleva anche il caso di individui intersessuali e di altri nati con disturbi dello sviluppo sessuale. Forstater, lui dice, “ignora ampiamente le condizioni intersessuali”, che stanno spostando “l’opinione biologica da un approccio [sic] assolutista”. Le condizioni intersessuali non stanno facendo nulla del genere. Sono con noi da tempo immemorabile. E come ha dimostrato Ryan Anderson, queste condizioni non sono un argomento contro il sesso  binario normale più di quanto l’esistenza di una malattia cardiaca congenita sia un argomento contro la normale funzione del sistema cardiovascolare. Che alcune persone siano nate con malattie cardiache congenite non significa che il sistema cardiovascolare non abbia una condizione e una funzione normale. Allo stesso modo, l’esistenza di disturbi dello sviluppo sessuale non vizia la binarietà sessuale.

Uno dei più accaniti oppositori online di Forstater è stato Gregor Murray, un ex consigliere comunale di Dundee, Scozia, “che si descrive [sic] come una persona ‘non binaria’”, per dirla con Tayler. Forstater si riferiva a Murray come “lui”, e, in effetti, le fotografie online mostrano un tipo corpulento e barbuto. La Tayler rimprovera a Forstater per questo “mis-gendering” (riferirsi con “lui” anziché con “lei”, ndr) e per aver insistito sul fatto che “non c’è un obbligo legale generale per le persone a non credere ai propri occhi”, come ha detto al tribunale.

Credere ai propri occhi? Una tale “visione assolutista” del sesso e della biologia, ha ribadito Tayler, “non è degna di rispetto in una società democratica”.

Come ho detto, il caso di Maya Forstater vi scandalizzerà. Quello che la situazione richiede non è il calore della rabbia, ma la fredda, lucida sobrietà. Quella che potrebbe risvegliare la maggior parte dei cristiani alla realtà che stiamo faticando sotto un ordine religioso – uno che mette il potere temporale al servizio di un sistema di credenze spirituali o metafisiche e del suo clero.

Un regime integrale, se volete.

 

 

Facebook Comments