Se hai tra i 20 e i 30 anni, il rischio è più alto ad essere vaccinato con AstraZeneca che a non essere vaccinato, ha detto lo scienziato francese Axel Kahn.

Di Jeanne Smits, corrispondente da Parigi per LifeSiteNews. Traduzione di Wanda Massa.

 

Axel Kahn, scienziato e genetista
Axel Kahn, scienziato e genetista

 

Se hai tra i 20 e i 30 anni, il rischio è maggiore di essere vaccinato da Astra-Zeneca che di non essere vaccinato“.

Questa dichiarazione degna di nota è stata pronunciata mercoledì scorso sull’emittente televisiva nazionale finanziata con fondi pubblici France 5 da un accademico, le cui credenziali e il cui curriculum sono al di là di ogni sospetto dal punto di vista dell'”Establishment”.

Il genetista e presidente della Lega del Cancro Axel Kahn ha parlato con tranquilla autorità:

Ho questa analisi su AstraZeneca. Si dà il caso che io abbia lavorato nel settore dei vaccini: a un certo punto, sono stato il responsabile scientifico di un grande gruppo internazionale che aveva praticamente l’intera industria dei vaccini nel suo portafoglio. Quindi è un campo che conosco bene.

Fin dall’inizio, sapevo che dovevamo stare molto attenti con i vaccini adenovirali rispetto ad altri vaccini, e quello che è successo è normale“.

Kahn stava commentando gli effetti avversi – e, in alcuni casi, mortali – del vaccino COVID-19 della AstraZeneca dopo che almeno 23 casi di rara trombosi, tra cui otto morti, hanno colpito giovani e anziani in Francia.

Quando il vaccino di AstraZeneca è stato usato per la prima volta pubblicamente, è stato riservato alle persone sotto i 65 anni e in particolare ai giovani operatori sanitari che hanno riportato molteplici effetti collaterali che includevano forti mal di testa, febbre e altri sintomi pseudo-influenzali.

La situazione è diventata più preoccupante dalla fine di marzo.

AstraZeneca può ora essere somministrato solo a persone di 55 anni e oltre in Francia. Altri paesi europei hanno adottato approcci molto diversi:

In Spagna, il vaccino è solo per le età 55-65 eccetto i “lavoratori prioritari” come medici o poliziotti. In Germania e nei Paesi Bassi, AstraZeneca è solo per gli individui di 60 anni e più.

Axel Kahn ha spiegato ulteriormente il suo caso:

Cosa sono gli adenovirali? Ci sono tre vaccini che sono vaccini vivi con la sequenza Spike – la spicula – che è andata in un virus vivo che è l’adenovirus: con Astra Zeneca, è un adenovirus di scimpanzé, con Johnson & Johnson e Sputnik, sono adenovirus umani.

Quello che è successo è normale, normale e benefico, voglio dire, per la fiducia nel vaccino. Perché ci sono stati alcuni allarmi; questo si chiama farmacovigilanza. Per qualsiasi farmaco c’è la farmacovigilanza. Ci sono stati degli allarmi e questi allarmi sono stati di buona qualità, perché oggi tutti sono d’accordo che se hai tra i 20 e i 30 anni, almeno questo è assolutamente certo: il rischio è maggiore di essere vaccinato con Astra-Zeneca che non essere vaccinato. Questo è quanto. È così chiaro“. 

Kahn ha raccomandato il vaccino di AstraZeneca per i giovani all’inizio di febbraio, dicendo alla stampa francese che offriva una protezione particolarmente buona in questa categoria di età. Ma quando diversi paesi europei hanno deciso di sospendere la campagna di AstraZeneca, era più dubbioso. Quando l’Agenzia Europea dei Medicinali ha deciso di promuovere il vaccino come “sicuro da usare” dopo la sospensione attuata in diverse parti d’Europa, Kahn ha detto allora al mensile L’Usine nouvelle:

L’ipotesi meno implausibile è che si tratti di un’infezione da adenovirus dello scimpanzé. Anche se il vettore utilizzato da AstraZeneca è un adenovirus che è normalmente difettoso per la replicazione, il compromesso di utilizzare un adenovirus-vettore contro il quale non c’è immunità precedente – perché gli esseri umani non lo hanno mai incontrato – è che un’infezione può apparire con segni più significativi. Gli adenovirus sono noti per dare questi segni. Io stesso ho usato ampiamente l’adenovirus-vettore in esperimenti di terapia genica … quindi sapevo quali erano i possibili effetti collaterali quando si usa una dose troppo grande“.

Più di un mese dopo, ha raggiunto la conclusione che c’è un problema piuttosto grave con AstraZeneca nei giovani che non può compensare il pericolo di un’infezione da COVID: Kahn ha ricordato che c’è bassissimo rischio di morte per COVID nelle persone sotto i 30 anni. (leggi anche qui)

Parlando con France 5 mercoledì scorso, Kahn ha presentato questa conclusione come prova che la valutazione dell’iniezione di AstraZeneca per i giovani ha funzionato perfettamente e ha effettivamente fatto il suo lavoro, non commentando la mancanza di esperienza e di prospettiva per quanto riguarda tutti gli usi degli attuali “vaccini” contro il COVID, per lo più dispositivi sperimentali che utilizzano l’ingegneria genetica in vari modi.

Si è espresso in questo modo:

E così questa è una farmacovigilanza che ha portato all’osservazione di un pericolo specifico, che è abbastanza raro, ma poiché la morte per COVID nei giovani è pure abbastanza rara, questo è da considerare consequenzialmente. Questo ha permesso ad Astra Zeneca di essere riservato ad una popolazione in cui il rapporto beneficio-rischio rimane favorevole“.

La conduttrice del programma ha interposto una domanda:

E quindi abbiamo fatto bene ad avvertire anche se questo ha creato diffidenza?

Kahn ha replicato:

Certo che abbiamo fatto bene a lanciare l’allarme! La cosa peggiore per la fiducia nel vaccino, la cosa peggiore di tutte è che la gente abbia l’impressione di essere ingannata. Da questo punto di vista, l’Agenzia Europea dei Medicinali, secondo me, era completamente fuori strada.

Non era un’agenzia per i farmaci, faceva propaganda per qualcosa, tutto qui. E abbiamo dovuto davvero fare molta pressione su di loro per riconoscere ciò che stava diventando sempre più ovvio da un punto di vista scientifico, cioè che nei giovani, dove il rischio di morire di COVID è relativamente basso, data la frequenza e la mortalità di questi rari incidenti, era meglio non usare questi vaccini nei giovani“.

Questo va almeno in parte a mettere in discussione la risposta vaccinale alla crisi del COVID-19 e sottolinea la posizione militante dell’agenzia europea del farmaco sulla questione.

Nel frattempo, venerdì scorso, sono stati trasmessi in Francia i risultati dell’autopsia di uno studente universitario di Nantes, morto giorni dopo aver ricevuto l’iniezione di AstraZeneca. Sabato, l’avvocato della famiglia della vittima ha dichiarato formalmente che il rapporto dell’autopsia “ha dato forza all’ipotesi che c’era un legame causale” tra l’iniezione e il decesso.

La perizia mostra che la causa della morte è stata una trombosi addominale a livello della milza, con una coagulazione molto recente“, ha sottolineato Etienne Boittin, l’avvocato della famiglia.

Il rapporto non menziona “nessuna infezione, virus, cancro o tumore che avrebbe potuto generare trombosi“, ha aggiunto: “Il rapporto dell’autopsia non dice che l’iniezione di AstraZeneca ha causato la diminuzione. Ma elimina una serie di possibili cause e rafforza il caso di un legame causale tra l’iniezione di AstraZeneca e il verificarsi della morte“.

Il giovane, che era in piena salute, è stato vaccinato l’8 marzo ed è morto il 18 marzo. Non aveva alcuna malattia o debolezza che lo avrebbe reso vulnerabile al COVID-19.

Boittin spera che le indagini continuino e che un “giudice istruttore” apra ufficialmente un processo, dopo che almeno tre famiglie di vittime hanno presentato denuncecontro una o più persone sconosciutein seguito alla vaccinazione e alla morte dei loro cari.

Ha chiarito che “circa 15” decessi inspiegabili dopo un’iniezione di AstraZeneca in Francia sono stati portati alla sua attenzione, soprattutto sotto i 60 anni di età.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1