In una tavola rotonda ospitata mercoledì dal senatore statunitense Ron Johnson, la dottoressa Janci Lindsay ha affermato che “a questo punto non possiamo dire che [le iniezioni] siano sicure o efficaci”.

Di seguito un articolo di Ashley Sadler, pubblicato su Lifesitenews, che vi propongo nella mia traduzione. 

 

 

Un’esperta di tossicologia con oltre 30 anni di esperienza scientifica ha lanciato mercoledì un severo avvertimento sui potenziali danni riproduttivi che, secondo lei, potrebbero essere causati dai vaccini mRNA COVID. Ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per determinare gli effetti delle iniezioni sulla riproduzione.

In una tavola rotonda ospitata mercoledì dal senatore statunitense Ron Johnson del Wisconsin, la dottoressa Janci Lindsay ha avvertito che i vaccini COVID-19 potrebbero “potenzialmente sterilizzare un’intera generazione” o “essere trasmessi alle generazioni successive come trasferimento involontario di geni”.

Di conseguenza, Lindsay ha sostenuto che è “assolutamente irresponsabile continuare a fare queste iniezioni” ai bambini e alle persone in età fertile “senza indagare su questo”, spiegando che “non c’è modo di dire, a questo punto, che siano sicuri o efficaci”.

Ha concluso il suo breve intervento chiedendo un’indagine sul potenziale pericolo dei vaccini per la riproduzione umana.

La dottoressa Janci Lindsay ha conseguito un dottorato di ricerca in Biochimica e Biologia Molecolare presso la University of Texas Graduate School of Biomedical Sciences e ricopre il ruolo di direttore di Tossicologia e Biologia Molecolare per la società di consulenza Toxicology Support Services, LLC. a Sealy, Texas.

Secondo il sito web dell’azienda, Lindsay vanta “una vasta esperienza nell’analisi del profilo molecolare delle risposte farmacologiche in relazione al rapporto dose/risposta”. Secondo il suo profilo, la dottoressa ha anche condotto valutazioni del rischio e valutato “il profilo tossicologico di una varietà di prodotti industriali e di consumo”.

Durante la discussione di mercoledì, alla quale si sono uniti anche il dottor Peter McCullough e il dottor Robert Malone, Lindsay ha affermato che le iniezioni di COVID di Pfizer e Moderna non rimangono solo nel braccio nel punto di iniezione, ma si diffondono in tutto il corpo.

“Inizialmente ci era stato detto che sarebbe rimasto nel braccio, ma non è così. Finisce per essere distribuito in tutto il corpo sia per Moderna che per Pfizer”, ha detto, aggiungendo l'”avvertenza” che il contenuto del vaccino di Moderna non è stato trovato nei reni.

“Ora, quali sono questi tessuti? Il cervello, la milza, le ghiandole endocrine, il midollo osseo, il sangue in modo preferenziale, le ovaie e i testicoli”, ha continuato. “Ora, cosa succede quando le terapie geniche raggiungono le ovaie e i testicoli? Beh, non lo sappiamo perché purtroppo non è stato studiato adeguatamente”.

Secondo Lindsay, i vaccini hanno il “potenziale di causare immensi danni riproduttivi e potenzialmente sterilizzare un’intera generazione”.

“Questo non è stato esaminato e deve essere esaminato”, ha detto Lindsay. “Ora chiedo che si indaghi su questo”.

Le argomentazioni di Lindsay, che si oppongono alla narrazione prevalente sulle iniezioni di COVID-19, sono state accolte senza sorpresa da critiche. Il sito HealthFeedback ha sostenuto che le argomentazioni di Lindsay sono “imprecise”, spiegando che “i vaccini COVID-19 non sono una terapia genica in quanto non possono modificare il DNA umano” e che “i vaccini COVID-19 non causano problemi di fertilità negli uomini o nelle donne”.

Tuttavia, non tutti gli esperti concordano sul fatto che i vaccini a base di mRNA non siano effettivamente terapie geniche.

Nel settembre dello scorso anno, il Dr. Malone, pioniere della tecnologia dell’mRNA, ha sostenuto che l’uso dell’mRNA nei vaccini COVID equivale a una “terapia genica applicata ai vaccini” e ha appoggiato le preoccupazioni degli scettici che, a suo dire, “hanno il diritto di essere diffidenti nei confronti di una nuova tecnologia che non è ben compresa”, ha riferito LifeSiteNews.

Nel frattempo, nell’ottobre del 2021, il presidente della divisione farmaceutica di Bayer ha definito la tecnologia mRNA presente nei vaccini COVID di Pfizer e Moderna una “terapia cellulare e genica”, e ha scherzato sul fatto che senza la comparsa del coronavirus il grande pubblico non si sarebbe rimboccato le maniche per prenderla.

“Se due anni fa avessimo fatto un sondaggio tra il pubblico – ‘saresti disposto a prendere una terapia genica o cellulare e iniettarla nel tuo corpo?’ – probabilmente avremmo avuto un tasso di rifiuto del 95%”, ha detto.

Inoltre, alcuni esperti non sono d’accordo con coloro che hanno smentito le preoccupazioni per il potenziale impatto dei vaccini sulla riproduzione umana.

Un recente studio che ha riscontrato alti tassi di anomalie mestruali dopo la vaccinazione ha contribuito ad alimentare le preoccupazioni sull’impatto dei vaccini sul sistema riproduttivo femminile. Inoltre, uno studio sottoposto a revisione paritaria ha riscontrato un calo della fertilità maschile nei mesi immediatamente successivi al ricevimento dell’iniezione di mRNA COVID di Pfizer.

A febbraio, uno studio svedese ha suggerito che la tecnologia mRNA potrebbe potenzialmente integrarsi nelle cellule del DNA, contraddicendo l’assicurazione del CDC che i vaccini COVID non modificheranno il DNA.

A novembre, il dottor James A. Thorp, ostetrico-ginecologo e medico specializzato in medicina materno-fetale, ha definito il lancio dei vaccini COVID per le mamme in gravidanza “il più grande disastro nella storia dell’ostetricia e di tutta la medicina”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email