Quasi 9.300 persone in più del solito sono morte da luglio per condizioni non legate al coronavirus. L’articolo che segue è di Julia O’Driscoll, ed è pubblicato su The Week. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

ambulanza medici
David Cliff/NurPhoto via Getty Images

 

Gli esperti chiedono un’inchiesta urgente per sapere se le migliaia di morti non-Covid da luglio avrebbero potuto essere evitate.

Le ultime cifre dell’Office for National Statistics (ONS) mostrano una “devastante impennata” di circa 20.800 morti aggiuntive in Inghilterra e Galles negli ultimi quattro mesi rispetto alla media dello stesso periodo nei cinque anni fino al 2019, ha detto Metro. Di questi decessi in più, definiti “morti in eccesso”, il 45% non era legato al coronavirus.

Anche se un tasso di mortalità più elevato è previsto in questo periodo dell’anno, le preoccupazioni stanno crescendo che i ritardi del NHS durante la pandemia hanno lasciato i pazienti “con condizioni precedentemente curabili che soffrono di malattie che ora sono diventate fatali”, ha detto il Telegraph.

Il cancelliere Rishi Sunak il mese scorso ha impegnato 5,9 miliardi di sterline di fondi extra del NHS per aiutare ad affrontare la crisi sanitaria. Ma quasi sei milioni di persone in Inghilterra rimangono in lista d’attesa per procedure non urgenti, “il numero più alto mai registrato”, ha continuato il giornale.

E i tempi di attesa delle ambulanze sono anche “ad un livello record”. I registri dell’NHS mostrano che i pazienti con attacco cardiaco stanno ora aspettando una media di 53 minuti per l’arrivo dei soccorsi. Il tempo obiettivo del NHS per raggiungere una sospetta vittima di infarto o ictus è di 18 minuti.

Kevin McConway, professore emerito di statistica applicata alla Open University, ha detto che la recente impennata dei decessi in eccesso include “un numero considerevole di morti nelle case delle persone, rispetto alla media del 2015-19”.

“Nella settimana più recente, ci sono state 891 morti in eccesso a casa che non hanno coinvolto Covid-19 – che è di circa 127 al giorno”, ha detto al Telegraph.

Il Times ha riferito la scorsa settimana che le ultime cifre mostrano che “le case private sono l’unica situazione in cui i decessi in Inghilterra e Galles sono stati costantemente sopra la media pre-pandemica in ogni mese da gennaio 2020 a giugno 2021”.

I dati ONS suggeriscono che queste morti extra nelle case sono state guidate da condizioni tra cui malattie cardiache e demenza, che sono state le principali cause di morte in Inghilterra e Galles a settembre, seguite da Covid-19.

Sarah Caul, capo dell’analisi della mortalità presso il dipartimento non ministeriale, ha detto che la pandemia “sembra aver avuto un effetto indiretto” sui tassi di morte al di fuori delle strutture sanitarie.

“Questo potrebbe essere dovuto a una combinazione di fattori che possono includere l’interruzione del servizio sanitario, la scelta delle persone di stare lontano dalle strutture sanitarie o i malati terminali che rimangono a casa piuttosto che essere ricoverati in altre strutture per le cure di fine vita”, ha aggiunto Caul.

“Sono necessarie più indagini per capire questo”.

Il suo appello per un’indagine sui tassi di morte superiori alla media è stato ripreso dal professor Carl Heneghan, un esperto di medicina basata sull’evidenza all’Università di Oxford.

“Se si guarda dove l’eccesso sta accadendo, si trova nelle condizioni come la malattia ischemica del cuore, la cirrosi epatica e il diabete, che sono tutti potenzialmente reversibili”, ha detto a The Telegraph. “Questo va oltre il semplice guardare i numeri grezzi e i certificati di morte”.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email