“…non pensiamo che gli scienziati debbano promuovere ‘l’unità’ (‘Sosteniamo l’appello del direttore generale dell’OMS a promuovere l’evidenza scientifica e l’unità sulla disinformazione e le congetture’). Come mostrato sopra, le ipotesi relative alla ricerca non sono disinformazione e congetture. Ancora più importante, la scienza abbraccia ipotesi alternative, argomenti contraddittori, verifica, confutabilità e controversia. Partire da questo principio rischia di stabilire dogmi, abbandonare l’essenza della scienza e, peggio ancora, aprire la strada a teorie del complotto. Invece, la comunità scientifica dovrebbe portare questo dibattito in un luogo a cui appartiene: le colonne delle riviste scientifiche.”

Un accorato appello di scienziati pubblicato sulla autorevole rivista The Lancet. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Coronavirus, variante Mu
Coronavirus, variante Mu

 

Il 5 luglio 2021, su The Lancet è stata pubblicata una corrispondenza intitolata “La scienza, non la speculazione, è essenziale per determinare come il SARS-CoV-2 abbia raggiunto gli esseri umani”.La lettera ricapitola gli argomenti di una precedente lettera (pubblicata nel febbraio 2020) degli stessi autori,che ha sostenuto in modo schiacciante l’ipotesi che il nuovo coronavirus che causa la pandemia di COVID-19 abbia avuto origine nella fauna selvatica. Gli autori hanno associato qualsiasi visione alternativa alle teorie della cospirazione affermando: “Siamo uniti per condannare fermamente le teorie della cospirazione che suggeriscono che il COVID-19 non ha un’origine naturale”. La dichiarazione ha esercitato un effetto di silenziamento sul più ampio dibattito scientifico, anche tra i giornalisti scientifici.La lettera del 2021 non ripeteva la proposta secondo cui gli scienziati aperti a ipotesi alternative erano teorici della cospirazione, ma affermava: “Crediamo che l’indizio più forte derivante da prove nuove, credibili e sottoposte a revisione paritaria nella letteratura scientifica sia che il virus si è evoluto in natura, mentre i suggerimenti di una fonte di fuga da laboratorio della pandemia rimangono senza prove scientificamente convalidate che lo supportino direttamente nelle riviste scientifiche peer-reviewed”. In realtà, questo argomento potrebbe essere letteralmente ribaltato. Come verrà mostrato di seguito, non esiste un supporto diretto per l’origine naturale di SARS-CoV-2 ed è plausibile un incidente correlato al laboratorio.
 
Finora non ci sono prove scientificamente convalidate che supportino direttamente un’origine naturale. Tra i riferimenti citati nelle due lettere di Calisher e colleghi, tutti tranne uno mostrano semplicemente che SARS-CoV-2 è filogeneticamente correlato ad altri betacoronavirus. Il fatto che l’agente eziologico del COVID-19 discenda da un virus naturale è ampiamente accettato, ma questo non spiega come sia arrivato a infettare l’uomo. La questione dell’origine prossimale di SARS-CoV-2, ovvero il virus finale e l’ospite prima del passaggio all’uomo, è stata espressamente affrontata in un solo articolo di opinione molto citato, che supporta l’ipotesi dell’origine naturale,ma soffre di un errore logico:oppone due ipotesi – ingegneria di laboratorio contro zoonosi – implicando erroneamente che non ci sono altri scenari possibili. L’articolo fornisce poi argomenti contro l’ipotesi dell’ingegneria di laboratorio, che non sono conclusivi per i seguenti motivi. In primo luogo, presuppone che l’ottimizzazione del dominio di legame del recettore per l’ACE2 umano richieda una conoscenza preliminare delle mutazioni adattative, mentre la selezione in colture cellulari o modelli animali porterebbe allo stesso effetto. In secondo luogo, l’assenza di tracce di sistemi di reverse engineering non preclude l’editing del genoma, che viene eseguito con le cosiddette tecniche seamless., Infine, l’assenza di una colonna portante precedentemente nota non è una prova, dal momento che i ricercatori possono lavorare per diversi anni sui virus prima di pubblicare il loro genoma completo (è stato il caso di RaTG13, il virus conosciuto più vicino, che è stato raccolto nel 2013 e pubblicato nel 2020 ).Sulla base di questi argomenti indiretti e discutibili, gli autori concludono a favore di un’origine prossimale naturale. Nell’ultima parte dell’articolo, evocano brevemente la selezione durante il passaggio (cioè esperimenti volti a testare la capacità di un virus di infettare colture cellulari o animali modello) e riconoscono i casi documentati di fughe di laboratorio di SARS-CoV, ma respingono questo scenario, basato sull’argomento che la forte somiglianza tra i domini di legame del recettore di SARS-CoV-2 e i pangolini fornisce una spiegazione più parsimoniosa delle mutazioni specifiche. Tuttavia, l’ipotesi del pangolino da allora è stata abbandonata, quindi l’intero ragionamento dovrebbe essere rivalutato.
 
Sebbene prove considerevoli supportino le origini naturali di altri focolai (ad es. Nipah, MERS e l’epidemia di SARS del 2002-2004), mancano prove dirette per un’origine naturale di SARS-CoV-2. Dopo 19 mesi di indagini, manca ancora il progenitore prossimale di SARS-CoV-2. Non sono stati identificati né il percorso dell’ospite (virus, ndr) dai pipistrelli all’uomo, né il percorso geografico dallo Yunnan (dove sono stati campionati i virus più strettamente correlati alla SARS-CoV-2) a Wuhan (dove è emersa la pandemia). Più di 80.000 campioni raccolti da siti di fauna selvatica e allevamenti di animali cinesi sono risultati tutti negativi.Inoltre, la comunità di ricerca internazionale non ha accesso ai siti, ai campioni o ai dati grezzi. Sebbene lo studio congiunto OMS-Cina abbia concluso che l’origine del laboratorio era “estremamente improbabile”Il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha dichiarato che tutte le ipotesi sono rimaste sul tavolo, compresa quella di una fuga di laboratorio.
 
Un’origine correlata alla ricerca è plausibile. È necessario affrontare due questioni: l’evoluzione del virus e l’introduzione nella popolazione umana. Da luglio 2020, diversi articoli scientifici sottoposti a revisione paritaria hanno discusso la probabilità di un’origine del virus correlata alla ricerca. Alcune caratteristiche insolite della sequenza del genoma SARS-CoV-2 suggeriscono che potrebbero derivare dall’ingegneria genetica,, un approccio ampiamente utilizzato in alcuni laboratori di virologia.In alternativa, l’adattamento all’uomo potrebbe derivare da una selezione di laboratorio non diretta durante il passaggio seriale in colture cellulari o animali da laboratorio, compresi i topi umanizzati.Topi geneticamente modificati per mostrare il recettore umano per l’ingresso di SARS-CoV-2 (ACE2) sono stati utilizzati in progetti di ricerca finanziati prima della pandemia, per testare l’infettività di diversi ceppi virali.La ricerca di laboratorio include anche approcci più mirati come esperimenti di guadagno di funzione che si basano su virus chimerici per testare il loro potenziale per attraversare le barriere delle specie.
 
Una contaminazione correlata alla ricerca potrebbe derivare dal contatto con un virus naturale durante la raccolta sul campo, il trasporto dal campo a un laboratorio,caratterizzazione di pipistrelli e virus dei pipistrelli in laboratorio o da un virus non naturale modificato in laboratorio. Ci sono casi ben documentati di fughe di agenti patogeni dai laboratori. La raccolta sul campo, l’indagine sul campo e la ricerca in laboratorio su potenziali patogeni pandemici richiedono protezioni ad alta sicurezza e una cultura della sicurezza forte e trasparente. Tuttavia, gli esperimenti sui coronavirus correlati alla SARS vengono eseguiti di routine a livello di biosicurezza 2, che è conforme alle raccomandazioni per i virus che infettano animali non umani, ma è inappropriato per esperimenti che potrebbero produrre virus adattati all’uomo per effetto della selezione o mutazioni orientate.
 
Mancano prove schiaccianti per un’origine zoonotica o correlata alla ricerca: non è ancora possibile un giudizio. Sulla base dell’attuale letteratura scientifica, integrata dalle nostre analisi dei genomi e delle proteine ​​del coronavirus, riteniamo che attualmente non ci siano prove convincenti per scegliere tra un’origine naturale (cioè un virus che si è evoluto ed è stato trasmesso all’uomo esclusivamente tramite il contatto con animali selvatici o d’allevamento) e un’origine correlata alla ricerca (che potrebbe essersi verificata ai siti di campionamento, durante il trasporto o all’interno del laboratorio e potrebbe aver coinvolto virus naturali, selezionati o ingegnerizzati).
 
Una valutazione basata sull’evidenza, indipendente e priva di pregiudizi richiederà una consultazione internazionale di esperti di alto livello senza conflitti di interesse, provenienti da varie discipline e paesi; il mandato sarà quello di stabilire i diversi scenari e le ipotesi associate, e quindi proporre protocolli, metodi e dati necessari per chiarire la questione dell’origine del SARS-CoV-2. Al di là di questo problema, è importante continuare a discutere sul rapporto rischio-beneficio delle attuali pratiche di ricerca sul campo e di laboratorio, compresi gli esperimenti di guadagno di funzione, nonché le attività umane che contribuiscono agli eventi zoonotici. 
 
Le riviste scientifiche dovrebbero aprire le loro colonne ad analisi approfondite di tutte le ipotesi. Come scienziati, dobbiamo valutare tutte le ipotesi su base razionale e pesare la loro probabilità sulla base di fatti e prove, senza speculazioni sui possibili impatti politici. Contrariamente alla prima lettera pubblicata su The Lancet da Calisher e colleghi,non pensiamo che gli scienziati debbano promuovere “l’unità” (“Sosteniamo l’appello del direttore generale dell’OMS a promuovere l’evidenza scientifica e l’unità sulla disinformazione e le congetture”). Come mostrato sopra, le ipotesi relative alla ricerca non sono disinformazione e congetture. Ancora più importante, la scienza abbraccia ipotesi alternative, argomenti contraddittori, verifica, confutabilità e controversia. Partire da questo principio rischia di stabilire dogmi, abbandonare l’essenza della scienza e, peggio ancora, aprire la strada a teorie del complotto. Invece, la comunità scientifica dovrebbe portare questo dibattito in un luogo a cui appartiene: le colonne delle riviste scientifiche.
 
JvH, CDB, ED e JH hanno contribuito in egual modo. Hanno scritto la prima versione del manoscritto, integrato le modifiche degli altri autori e gestito le interazioni con gli editori. Tutti gli altri autori hanno contribuito alla stesura del manoscritto e ne hanno riconosciuto l’ultima versione. Non dichiariamo interessi concorrenti.
 
 
  1. 1.
    • Calibro CH 
    • Carroll D 
    • Colwell R 
    • et al.
    La scienza, non la speculazione, è essenziale per determinare come il SARS-CoV-2 abbia raggiunto gli esseri umani.
    Lancetta. 2021; 398 : 209-211
  2. 2.
    • Calibro C 
    • Carroll D 
    • Colwell R 
    • et al.
    Dichiarazione a sostegno degli scienziati, dei professionisti della sanità pubblica e dei professionisti medici della Cina che combattono il COVID-19.
    Lancetta. 2020; 395 : e42-e43
  3. 3.
    • Pinzatrice PD
    L’ipotesi di fuga di laboratorio COVID-19: i media sono caduti vittima di una campagna di disinformazione?.
    BMJ. 2021; 374 n1656
  4. 4.
    • Andersen KG 
    • Rambaut A 
    • Lipkin WI 
    • Holmes EC 
    • Garry RF
    L’origine prossimale di SARS-CoV-2.
    Nat Med. 2020; 26 : 450-452
  5. 5.
    • Salard Mi 
    • Halloy J 
    • Casane D 
    • Decroly E 
    • van Helden J
    Tracciare le origini della SARS-COV-2 nelle filogenesi del coronavirus: una revisione.
    Environ Chem Lett. 2021;https://dx.doi.org/10.1007%2Fs10311-020-01151-1 pubblicato online il 4 febbraio )
  6. 6.
    • Non sei 
    • Curtis KM 
    • Fritz EA 
    • et al.
    Genetica inversa con un cDNA infettivo a tutta lunghezza del coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave.
    Proc Natl Acad Sci USA. 2003; 100 : 12995-13000
  7. 7.
    • Cockrell AS 
    • Beall A 
    • Non sei 
    • Barico R
    Sistemi di genetica inversa efficienti per una rapida manipolazione genetica di coronavirus infettivi emergenti e preemergenti.
    in: Perez DR Reverse Genetics of RNA Viruses. Springer , New York, New York, NY 2017 : 59-81
  8. 8.
    • Zhou P 
    • Yang XL 
    • Wang XG 
    • et al.
    Un focolaio di polmonite associato a un nuovo coronavirus di probabile origine da pipistrello.
    Natura. 2020; 579 : 270-273
  9. 9.
    • Scegli SW 
    • Zhou J 
    • Tian X 
    • et al.
    I pangolini sono i capri espiatori della trasmissione dell’epidemia di COVID-19-CoV e delle prove patologiche?.
    Conserva Lett. 2020; 13 e12754
  10. 10.
    • Frutos R 
    • Serra-Cobo J 
    • Chen T 
    • Devaux CA
    COVID-19: è ora di scagionare il pangolino dalla trasmissione di SARS-CoV-2 all’uomo.
    Infetta Genet Evol. 2020; 84 104493
  11. 11.
    • Lee J 
    • Hughes T 
    • Lee MH 
    • et al.
    Nessuna prova di coronavirus o altri virus potenzialmente zoonotici nei pangolini della Sonda ( Manis javanica ) che entrano nel commercio di animali selvatici attraverso la Malesia.
    EcoSalute. 2020;pubblicato online il 23 novembre. )
  12. 12.
    • CHI
    Studio globale convocato dall’OMS sulle origini di SARS-CoV-2: termini di riferimento per la parte cinese.
    Organizzazione mondiale della sanità , Ginevra, Svizzera 2020 (consultato il 14 settembre).
  13. 13.
    • Gruppo di studio congiunto OMS-Cina
    Studio globale convocato dall’OMS sulle origini di SARS-CoV-2: parte della Cina.
    Organizzazione Mondiale della Sanità , Ginevra, Svizzera 2021
  14. 14.
    • CHI
    L’OMS chiede ulteriori studi, dati sull’origine del virus SARS-CoV-2, ribadisce che tutte le ipotesi restano aperte.
  15. 15.
    • Segreto R 
    • Deigin Y
    La struttura genetica di SARS-CoV-2 non esclude un’origine di laboratorio: la struttura chimerica di SARS-COV-2 e il sito di scissione della furina potrebbero essere il risultato di manipolazione genetica.
    BioSaggi. 2020; 43 e2000240
  16. 16.
    • Deigin Y 
    • Segreto R
    L’origine naturale dichiarata di SARS-CoV-2 è minata da problemi con le sequenze genomiche dei suoi ceppi relativi: le sequenze di coronavirus RaTG13, MP789 e RmYN02 sollevano molteplici domande che devono essere affrontate in modo critico dalla comunità scientifica.
    BioSaggi. 2021; 43 2100015
  17. 17.
    • Menachery VD 
    • giovane BL 
    • Debbink K 
    • et al.
    Un ammasso simile alla SARS di coronavirus di pipistrello circolanti mostra il potenziale per l’emergenza umana.
    Nat Med. 2015; 21 : 1508-1513
  18. 18.
    • Salard Mi 
    • Halloy J 
    • Casane D 
    • van Helden J 
    • Decroly É
    Retroverrà le origini del SARS-CoV-2 nelle phylogénies del coronavirus.
    Medicina/Scienze. 2020; 36 : 783-796
  19. 19.
    • Sirotkin K 
    • Sirotkin D
    Potrebbe SARS-CoV-2 essere sorto tramite il passaggio seriale attraverso un ospite animale o una coltura cellulare? Una potenziale spiegazione per gran parte del genoma distintivo del nuovo coronavirus.
    BioSaggi. 2020;https://dx.doi.org/10.1002%2Fbies.202000091 )
  20. 20.
    • Sari G 
    • van de Garde MDB 
    • van Schoonhoven A 
    • et al.
    Il virus dell’epatite E mostra più alterazioni genomiche nella coltura cellulare che in vivo.
    Patogeni. 2019; 8 : 255
  21. 21.
    • Daszak 
    • Peter
    Comprensione del rischio di emergenza del coronavirus dei pipistrelli. Concessione NIH 5R01AI110964-04.
    https://grantome.com/grant/NIH/R01-AI110964-04
    Data: 2014
    Data di accesso: 13 luglio 2021
  22. 22.
    • Centro 
    • Zeng LP 
    • Yang XL 
    • et al.
    La scoperta di un ricco pool genetico di coronavirus correlati alla SARS dei pipistrelli fornisce nuove informazioni sull’origine del coronavirus SARS.
    PLoS Pathog. 2017; 13 e1006698
  23. 23.
    • Schou S 
    • Hansen AK
    Infezioni da virus Marburg ed Ebola nei primati non umani di laboratorio: una revisione della letteratura.
    Comp Med. 2000; 50 : 108-123
  24. 24.
    • Siengsanan-Lamont J 
    • Blacksell SD
    Una revisione delle infezioni acquisite in laboratorio nell’Asia-Pacifico: comprensione del rischio e della necessità di una migliore biosicurezza per le malattie veterinarie e zoonotiche.
    Trop Med Infect Dis. 2018; 3 : 36
  25. 25.
    • Klotz LC 
    • Silvestro EJ
    Le conseguenze di una fuga in laboratorio di un potenziale patogeno pandemico.
    Fronte Sanità Pubblica. 2014;https://dx.doi.org/10.3389%2Ffpubh.2014.00116 pubblicato online il 14 agosto. )
  26. 26.
    • Heymann DL 
    • Aylward RB 
    • Wolff C
    Agenti patogeni pericolosi in laboratorio: dal vaiolo alle battute d’arresto della SARS di oggi e al mondo libero dalla polio di domani.
    Lancetta. 2004; 363 : 1566-1568
  27. 27.
    • Sewell DL
    Infezioni associate al laboratorio e biosicurezza.
    Clin Microbiol Rev. 1995; 8 : 389-405
  28. 28.
    • Zeng LP 
    • Gao YT 
    • Ge XY 
    • et al.
    Il coronavirus WIV1 simile alla sindrome respiratoria acuta grave di pipistrello codifica per una proteina accessoria extra, ORFX, coinvolta nella modulazione della risposta immunitaria dell’ospite.
    J Virol. 2016; 90 : 6573-6582
  29. 29.
    • Segreto R 
    • Deigin Y 
    • McCairn K 
    • et al.
    Dovremmo scartare l’origine di laboratorio di COVID-19?.
    Ambiente Chem Lett. 2021; 19 : 2743-2757
  30. 30.
    • Piplani S 
    • Singh PK 
    • Winkler DA 
    • Petrovsky N
    Confronto in silico delle affinità di legame della proteina spike-ACE2 di SARS-CoV-2 tra le specie e le implicazioni per l’origine del virus.
    Rappresentanza Sci 2021; 11 13063
  31. 31.
    • Relman DA
    Opinione: Per fermare la prossima pandemia, dobbiamo svelare le origini del COVID-19.
    Proc Natl Acad Sci USA. 2020; 117 : 29246-29248
  32. 32.
    • Bloom JD 
    • Chan YA 
    • barico RS 
    • et al.
    Indaga sulle origini del COVID-19.
    Scienza. 2021; 372 : 694
Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email