Secondo un nuovo studio, l’efficacia dei vaccini COVID-19 di Pfizer e AstraZeneca diventa negativa contro la COVID-19 grave mesi dopo la somministrazione.

Di seguito un articolo scritto da Zachary Stieber e publicato su The Epoch Times. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

vaccini-covid

 

Secondo un nuovo studio, l’efficacia dei vaccini COVID-19 di Pfizer e AstraZeneca diventa negativa contro la COVID-19 grave mesi dopo la somministrazione.

Una singola dose del vaccino Pfizer è stata valutata con un’efficacia del meno 121% il giorno 84 e del meno 85% il giorno 98. Una seconda dose di Pfizer ha resistito meglio, ma è comunque scesa sotto il 50% al 98° giorno, hanno concluso i ricercatori.

Una singola dose del vaccino AstraZeneca è risultata negativa al 70° giorno e una seconda dose è risultata negativa all’84° giorno, secondo lo studio pubblicato sull’International Journal of Epidemiology.

L’efficacia negativa significa che una persona vaccinata ha maggiori probabilità di manifestare una malattia rispetto a una persona non vaccinata.

Pfizer e AstraZeneca non hanno risposto alle richieste di commento.

I ricercatori hanno ottenuto le stime analizzando le cartelle cliniche di circa 12,9 milioni di persone in Inghilterra, Scozia, Galles e Irlanda del Nord. Il periodo di studio va dall’8 dicembre 2020 al 30 giugno 2021 – uno dei motivi per cui non sono stati inclusi i booster, disponibili solo nel 2021.

Steven Kerr, ricercatore senior presso l’Usher Institute dell’Università di Edimburgo, e gli altri ricercatori hanno teorizzato che le stime negative derivino da differenze comportamentali tra le popolazioni vaccinate e non vaccinate.

“Riteniamo che la spiegazione più probabile… sia che la vaccinazione abbia fatto credere ai destinatari di essere protetti, inducendoli a modificare il loro comportamento in modo da aumentare le probabilità di contrarre l’infezione”, hanno scritto. “Questi cambiamenti nel comportamento dovrebbero essere stati inizialmente superati dalla protezione offerta dalla risposta immunitaria stimolata dal vaccino, ma con il passare del tempo è probabile che la protezione sia diminuita e che l’impatto dei cambiamenti comportamentali sia diventato dominante”.

I ricercatori non hanno fornito alcuna prova a sostegno di questa teoria.

Il gruppo ha anche affermato che è possibile che la protezione di cui si gode dopo la guarigione dalla COVID-19 possa aver giocato un ruolo, indicando uno dei tanti studi che hanno concluso che l’immunità naturale è superiore alla vaccinazione.

 

Parte di una tendenza in crescita

Lo studio è l’ultimo a stimare l’efficacia negativa del vaccino, anche se altri hanno esaminato l’efficacia contro l’infezione.

I ricercatori di Moderna hanno affermato in un recente studio che l’efficacia del vaccino contro l’infezione diventa negativa dopo diversi mesi contro BA.2.12.1, BA.2, BA.4 e BA.5, che sono tutte sottovarianti della variante del coronavirus Omicron.

Un altro lavoro, che ha analizzato l’efficacia del vaccino contro l’infezione tra i bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, ha stimato che il vaccino di Pfizer diventa negativo dopo 18 o 20 settimane, a seconda che i bambini siano stati infettati anche da COVID-19.

I ricercatori del Qatar, esaminando l’efficacia dei vaccini Pfizer e Moderna, hanno stimato a giugno che la loro efficacia diventa negativa nel tempo.

Un altro lavoro, pubblicato a maggio da scienziati statunitensi, ha stabilito che l’efficacia del vaccino Pfizer diventa negativa per i bambini tra i 12 e i 15 anni dopo cinque mesi.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments