Di seguito l’opinione del vaticanista Phil Lawler pubbicata su Catholic Culture. Eccola nella mia traduzione.

 

Papa Francesco intervistato dall'Associated Press
Papa Francesco intervistato dall’Associated Press 25.01.2023

 

Un altro mese, un’altra intervista papale, un’altra ondata di confusione. In una lunga sessione con l’Associated Press, Papa Francesco ha rilasciato una serie di dichiarazioni sconcertanti e/o fuorvianti su argomenti quali l’omosessualità, gli abusi sacerdotali, la politica del Vaticano nei confronti della Cina e le dimissioni papali.

Nel servizio principale dell’AP, il titolo si concentrava sulla dichiarazione del Papa: “Essere omosessuali non è un crimine”. La maggior parte dei media laici sembrava concordare sul fatto che questa fosse la dichiarazione più degna di nota dell’intervista. Ma ciò che il Papa ha detto non fa notizia.

Molteplici strati di confusione

La Chiesa non ha mai insegnato che essere omosessuali – cioè provare attrazione fisica per membri dello stesso sesso – sia un male. Gli atti omosessuali sono moralmente un male. Poiché non distingue tra l’orientamento omosessuale e gli atti omosessuali, la sua dichiarazione potrebbe essere interpretata – e senza dubbio è stata interpretata – come una rottura della condanna della Chiesa degli atti omosessuali.

Papa Francesco è sembrato fare una distinzione appropriata durante l’intervista, ma anche su questo punto la sua dichiarazione è stata confusa:

Non è un crimine. Sì, ma è un peccato. Bene, ma prima distinguiamo tra peccato e crimine.

La Chiesa insegna che gli atti omosessuali sono peccaminosi. Sono crimini? Questa è una questione che spetta ai governi secolari – non alla Chiesa – decidere. È possibile che un atto gravemente immorale (ad esempio, l’aborto) sia legale in alcune società, mentre un atto virtuoso (ad esempio, pregare in una clinica abortista) possa essere definito un crimine. Il codice penale stabilito da un governo secolare non cambia gli insegnamenti morali della Chiesa.

Parte della confusione in questo caso può essere attribuita alla domanda posta al Papa. Secondo il rapporto dell’AP, il Pontefice “ha criticato le leggi che criminalizzano l’omosessualità come ‘ingiuste'”. Anche qui, però, le cose si ingarbugliano rapidamente, perché è difficile immaginare come un governo possa far rispettare un divieto sull’orientamento omosessuale, se non perseguendo il comportamento omosessuale. Torniamo quindi alla distinzione cruciale che il Papa non ha colto: non tra un peccato e un crimine, ma tra una tentazione e un peccato.

Tuttavia, il senso generale delle osservazioni del Papa è chiaro, quando dice che i vescovi che hanno sostenuto i divieti sull’omosessualità “devono avere un processo di conversione”. L’articolo dell’AP, che suggerisce che il Papa vuole che la Chiesa adotti un atteggiamento più accogliente nei confronti degli omosessuali, è accurato. Ciò che non è accurato è il trattamento che il Papa stesso fa della questione.

Scaricabarile sugli abusi

Interrogato sugli abusi sessuali, Papa Francesco confessa di aver dovuto subire una “conversione” sulla questione, avvenuta dopo che “la bomba è scoppiata” durante il suo viaggio in Cile nel 2018, ed è stato costretto a riconoscere che aveva sbagliato a respingere le denunce. Si tratta di un’ammissione sorprendente: il riconoscimento che per metà del suo pontificato fino ad oggi era stato disposto ad accettare le conclusioni dei vescovi che avevano protetto i predatori. È stato solo nel 2018, dice il Papa, cinque anni dopo essere salito al soglio di Pietro e aver promesso di ritenere responsabili i prelati, che “ho visto la corruzione di molti vescovi in questo”.

Un intervistatore più aggressivo avrebbe potuto incalzare il Papa sui suoi precedenti, ponendo domande scomode sulla sua protezione del famigerato vescovo Zanchetta, per esempio. Ma l’intervista dell’AP si è concentrata su un altro caso imbarazzante: quello di padre Marko Ivan Rupnik. Anche in questo caso, la risposta del Papa alle domande è stata molto confusa.

Padre Rupnik è stato invitato a predicare un ritiro quaresimale alla Curia romana nel 2020, dopo essere stato punito dai suoi superiori gesuiti e dopo che la Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) aveva aperto un processo penale che alla fine ha portato alla sua scomunica. La scomunica è stata revocata meno di un mese dopo essere stata decretata. È difficile capire come il sacerdote gesuita possa essere stato invitato a predicare in Vaticano, o come la sua scomunica possa essere stata revocata così rapidamente, senza l’approvazione del Romano Pontefice. Eppure Papa Francesco dice di non avere “nulla a che fare con questo” caso disciplinare.

O forse sì? A una lettura più attenta dell’intervista dell’AP, sembra che il Papa stia dicendo di non essere stato coinvolto in una successiva decisione della CDF di non portare avanti un altro caso contro padre Rupnik, perché i termini di prescrizione erano scaduti. Ma, come continua l’intervista, Papa Francesco continua a dire che “rinuncia ‘sempre’ alla prescrizione per i casi che riguardano minori e adulti vulnerabili, ma tende a insistere sul mantenimento delle garanzie legali tradizionali per i casi che riguardano altri”. Quindi è stata la CDF a decidere di non rinunciare alla prescrizione nel caso Rupnik? O quel dicastero stava seguendo la direttiva del Papa?

Tra l’altro, il caso originale della CDF contro Rupnik non riguardava solo l’abuso sessuale, ma anche l’abuso del confessionale. È stato quest’ultimo crimine per il quale è stato scomunicato. Se la nuova denuncia fosse simile, la spiegazione del Papa per invocare la prescrizione sarebbe irrilevante.

Messaggi contrastanti sul cammino sinodale

Sulla delicata questione del cammino sinodale dei vescovi tedeschi e sul pericolo di un vero e proprio scisma che potrebbe provocare, Papa Francesco è stato cauto, dicendo che “l’esperienza tedesca non aiuta”. Ha messo in guardia dal pericolo “che si diffonda qualcosa di molto, molto ideologico”. Tuttavia, anziché affrontare direttamente il problema e sottolineare le questioni su cui i vescovi tedeschi chiedono cambiamenti fondamentali nell’insegnamento della Chiesa, il Papa ha minimizzato i problemi dottrinali. Ha invece dato l’impressione che la gerarchia tedesca si stia semplicemente muovendo troppo velocemente.

“Dobbiamo essere pazienti, dialogare e accompagnare queste persone nel vero cammino sinodale”, ha detto il Papa. Questo approccio è la migliore risposta all’iniziativa dei vescovi tedeschi, ha spiegato, “affinché non finisca male in qualche modo, ma sia anche integrata nella Chiesa”. Se le idee radicali dei vescovi tedeschi potessero essere “integrate nella Chiesa” a un ritmo più moderato, nulla nell’intervista dell’AP suggerisce che Papa Francesco si opporrebbe.

Philip F. Lawler

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments