Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jennifer Roback Morse e pubblicato su National Catholic Register. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Ogni anno, per il Mese dell’Orgoglio, i rivoluzionari sessuali vedono quanto in basso possono arrivare. Per il 2023, il premio va all’edizione britannica della rivista Glamour, che ha presentato sulla copertina di giugno una foto di quello che sosteneva essere un uomo incinto. Ero pronto a scrivere un articolo in cui si affermava che questo articolo è pura propaganda e che tutti dovrebbero ignorarlo. Poi ho letto l’intervista a Logan Brown, il presunto uomo incinto, e la lettera che ha scritto alla figlia appena nata. Mi si è spezzato il cuore.

Ho scoperto che lei e la sua compagna, Bailey Mills, non solo sono entrambe “non binarie”. Hanno anche l’ADHD (Disturbo da Deficit di Attenzione Iperattività, ndr) e sono nello spettro autistico. Logan e Bailey hanno 20 anni, 40 anni in meno di me e mio marito. Non ho potuto fare a meno di ripensare a tutta la distruzione che l’ideologia gender ha portato nelle nostre vite.

L’ideologia gender è l’idea che il sesso del corpo sia inconsistente e possa essere sovrascritto con una sufficiente ingegneria medica, tecnologica e sociale. Per me e mio marito, l’ideologia di genere significava che dovevamo essere “uguali” in tutto. In pratica, questo significava che avevamo conti bancari separati. Lui doveva fare la metà di tutte le faccende domestiche che io consideravo importanti. Ci sorprendevamo ogni volta che uno dei due voleva qualcosa di profondamente diverso dall’altro.

Posso dire onestamente che la prima volta che ci siamo resi conto che uomini e donne sono diversi è stato quando abbiamo sperimentato l’infertilità. Non riuscire a concepire significava qualcosa di molto diverso per me, in quanto donna, rispetto a lui, in quanto uomo.

Quando finalmente arrivarono i figli, uno nato e uno adottato, le differenze tra me e mio marito divennero ancora più evidenti. Mi ero vantata di essere una “dura” in classe. I miei studenti laureati mi chiamavano “la donna drago”. Questa parte della mia personalità si è completamente disintegrata quando sono arrivati i bambini. Volevo che i nostri figli fossero a loro agio. Mio marito voleva che si comportassero bene.

Nostro figlio, che era stato gravemente trascurato, aveva bisogno che fossimo uniti. I suoi bisogni divennero più importanti del mio impegno astratto per la “parità”. Alla fine, ho cambiato il mio nome con quello di mio marito.

Logan e Bailey hanno abbracciato una versione ancora più tossica dell’ideologia gender. Ormai dovremmo essere tutti convinti che non solo possiamo annullare il sesso del corpo. Una società buona e rispettabile dovrebbe sopprimere il sesso del corpo, se questo interferisce con altri valori più importanti, come l’uguaglianza o l’autonomia personale. Io e mio marito abbiamo cercato di ignorare l’impatto dei nostri corpi di genere, in nome della “parità”. Questi giovani ci provano in nome dell’autonomia personale.

Logan Brown ha dichiarato nella sua intervista: “Ciò che mi fa sentire forte come uomo trans è che chiunque io dica di essere, è esattamente chi sono. Nessuno potrà mai portarmelo via”. Lei, e altri come lei, credono di poter risolvere i loro problemi trasformando radicalmente i loro corpi. Logan ha subito una doppia mastectomia perché “non ero felice del mio petto”. Ora non potrà mai avere la gioia di allattare il suo bambino. Non può nemmeno provarci. Non ha idea di cosa si sia persa.

La rivista Glamour introduce l’intervista a Logan Brown con questa frase:

“Il numero Pride di GLAMOUR celebra l’alleanza che esiste tra le donne (cisgender o meno) e le persone transgender attraverso le nostre esperienze comuni – in particolare la gravidanza, l’assistenza sanitaria e il parto – qualcosa di cui non si parla spesso per quanto riguarda la comunità transgender”.

Chiariamo: Logan Brown è una donna che ha subito una doppia mastectomia e che stava ricevendo trattamenti ormonali. Ha temporaneamente interrotto il testosterone a causa di non meglio specificati “problemi di salute”. Ha una relazione intima con un uomo che è un drag performer su TikTok. È rimasta incinta. Ha dato alla luce una bambina.

Ora Logan è madre. Bailey è padre. I bambini riescono a farci uscire dal nostro egocentrismo. E non fatevi illusioni: L’egocentrismo distorto è al centro dell’esperienza transgender. La Logan ha dichiarato dopo aver scoperto di essere incinta:

“È stato come se tutto il mio mondo si fosse fermato. Tutto, tutta la mia virilità (sic) per cui ho lavorato duramente, per così tanto tempo, mi è sembrato completamente cancellato”.

Descrivendo la sua esperienza in ospedale:

“Mi sento come se tutti mi guardassero. Il personale mi ha scambiato per un’altra persona e nessuno si è voltato verso di me e mi ha detto: “Stai bene?”. Nessuno mi ha chiesto come ci si sente a essere un uomo trans incinto”.

Non si rende conto del motivo per cui le infermiere non glielo hanno chiesto: è più importante per il bambino che per lei. Come madri, impariamo a superare l’idea che tutto debba essere sempre incentrato su di me.

La maternità può svezzarci dai nostri impegni ideologici astratti e dal nostro egocentrismo. I bambini ci rendono consapevoli che il sesso del nostro corpo non è solo qualcosa di sostanziale, ma anche bello. I nostri corpi femminili non sono qualcosa di cui vergognarsi, ma qualcosa di cui gioire. I nostri bambini hanno bisogno delle loro mamme in un modo diverso da quello in cui hanno bisogno dei loro papà. A loro non importa nulla delle nostre fantasie ideologiche.

A prescindere dall’impatto della maternità su Logan e della paternità su Bailey, mi sento di fare questa previsione. A meno che tutto non vada al 100% secondo il piano gender-ideologico, Glamour non sarà presente per loro. Se l’esperienza genitoriale li porterà a rivedere i loro impegni, Glamour non ne parlerà. Se il bambino ha problemi medici dovuti all’esposizione prenatale agli ormoni intersessuali, Glamour non ne parlerà.

A meno che, naturalmente, gli ideologi non trovino un modo per dare la colpa dei problemi alla “transfobia”.

Da parte mia, spero solo che questi giovani permettano al loro bambino di cambiarli. Se lo fanno, potrebbero scoprire che possono avere ogni sorta di “alleanza” anche con persone al di fuori della “comunità transgender”. Logan e Bailey possono “uscire” dal mondo che si sono creati, in cui sono chiunque dicano di essere.

Lascio l’ultima parola a Logan, dalla sua lettera alla figlia:

“Mi sento come se fossi appena uscita da un sogno in cui sono stata negli ultimi giorni. … La guardo e penso: ‘Wow, sei davvero preziosa’”.

Infatti.

Jennifer Roback Morse

 

Jennifer Roback Morse, Ph.D., è fondatrice e presidente del Ruth Institute, che aiuta le vittime della rivoluzione sessuale a riprendersi dalle loro esperienze e a diventare sostenitori di un cambiamento positivo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments