Rilancio un articolo di Igor Chudov pubblidcato sul suo Substack. Eccolo nella mia traduzione.

 

vaccini-covid-19

 

SOMMARIO: Il rapporto dell’UKHSA (l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, ndr) mostra che invece di “proteggere” le persone dal Covid-19, i vaccini Covid aumentano significativamente il rischio di ospedalizzazione nei mesi 7-9 dopo la vaccinazione.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito pubblica regolarmente “rapporti sull’efficacia dei vaccini”. I rapporti sono stati progettati per avere diverse sezioni statistiche destinate a evidenziare i successi dei vaccini. Stranamente, molte sezioni hanno dovuto essere interrotte perché i “successi vaccinali” si sono trasformati in spettacolari fallimenti. Ciò è accaduto con i tassi di casi e di decessi e con la sezione sulle gravidanze, che non è stata aggiornata per mesi ma che mostra un calo del 15% delle gravidanze nel Regno Unito rispetto all’anno precedente.

Tuttavia, un’altra sezione del rapporto ci permette di vedere qualcosa di interessante. Guardate l’ultimo rapporto sulla sorveglianza dei vaccini per la quinta settimana del 2023. Mostra i tassi di ospedalizzazione per varie età in base a quanto tempo fa è stata somministrata l’ultima dose. I tassi si riferiscono al gennaio 2023, ovvero ai dati più recenti.

 

 

Il dato più importante è che per gli over 50 il periodo più pericoloso dopo la vaccinazione è tra i 6 e i 9 mesi dopo l’ultima dose. Il rischio di ospedalizzazione è molto più elevato rispetto a prima dei sei mesi o dopo i nove mesi. L’aumento del rischio supera di gran lunga una piccola riduzione nei primi sei mesi.

Come nota a margine, questo grafico mostra che ulteriori richiami non riducono affatto il rischio per le persone sotto i 50 anni. Tuttavia, questi soggetti hanno un numero molto basso di ricoveri, il che rende i dati meno affidabili per queste età.

Quindi, le persone che fanno un richiamo di Covid hanno prima un rischio di ospedalizzazione leggermente ridotto per i primi sei mesi, poi un rischio di ospedalizzazione drammaticamente aumentato, quindi i tassi di ospedalizzazione “tornano alla normalità”, con la normalità che è molto alta. Vi sembra che il vaccino fornisca qualche beneficio? A me no!

Consideriamo, ad esempio, la fascia di età compresa tra i 65 e i 74 anni. Secondo il grafico sopra riportato, per i 6-9 mesi successivi alla vaccinazione, il tasso di ospedalizzazione è di circa 300 su 100.000 per un solo mese di esposizione (questo gennaio). Ciò significa che un britannico su trecento di età compresa tra i 65 e i 74 anni, a 6-9 mesi dall’ultimo richiamo, è stato ricoverato in ospedale per Covid questo gennaio.

Il tasso di ospedalizzazione di 300 su 100.000 è enorme! L’ultima volta che l’UKHSA ha riportato i tassi di ospedalizzazione per 100.000 persone è stato nel rapporto della 13a settimana del 2022, che mostrava i tassi di ospedalizzazione per gruppi di età simili (sempre per un periodo di quattro settimane):

 

 

Le fasce d’età non corrispondono esattamente, ma si può notare che le persone vaccinate di 65-75 anni hanno avuto un tasso di ospedalizzazione di circa 25 su 100.000 nel marzo scorso. Al contrario, il tasso di ospedalizzazione delle persone non vaccinate era di circa 40 per 100.000 nello stesso periodo.

Ora, le persone a 6-9 mesi dalla vaccinazione hanno un tasso di ospedalizzazione di 300 per 100.000 o circa 8-10 volte superiore a quello del marzo scorso.

Anche se i numeri non sono direttamente confrontabili, la loro disparità è enorme. Dovrebbe sollevare domande su cosa stia succedendo con i vaccini e sul perché aumentino così tanto i tassi di ospedalizzazione della COVID, in un determinato momento dopo l’ultima dose.

I tassi di ospedalizzazione complessivamente più elevati per tutte le età suggeriscono che la Covid sia stata più grave questo gennaio, rispetto allo scorso marzo. Anche in questo caso, tenendo presente che le fasce d’età non coincidono, è possibile confrontare i tassi nel grafico della Figura 13 di gennaio 2023 con quelli della Tabella 14 di marzo 2022. I tassi di ospedalizzazione per 100.000 persone vaccinate in tutti i gruppi di età sembrano essere aumentati di circa tre volte.

Si noti che ci sono stati più casi di Covid lo scorso marzo che in questo gennaio, secondo l’app britannica di conteggio Covid Zoe, che si basa sui sintomi registrati dagli utenti dell’app Zoe, non sui test ufficiali:

 

 

Quindi,

Il numero di infezioni da Covid nel mese di gennaio è stato dimezzato rispetto al marzo scorso, ma il tasso di ospedalizzazione per 100.000 abitanti nel mese di gennaio è stato tre volte superiore.

i tassi di ospedalizzazione per 100.000 abitanti a gennaio erano circa tre volte superiori,

Ciò suggerisce che 3/0,5 = sei volte la virulenza della malattia (una stima approssimativa).

Questa virulenza sei volte maggiore rappresenta il fatto che Covid sta diventando intrinsecamente più grave (la variante Geert), oppure i vaccini e/o le reinfezioni stanno contribuendo ad aumentare la mortalità, forse attraverso il meccanismo delle IgG4? Non possiamo dirlo da questi grafici.

Alcune possibilità sono discusse qui.

Credo che ci stiamo avvicinando alle risposte su ciò che sta accadendo con la mortalità, poiché i dati che emergono restringono il campo delle possibilità.

Secondo voi, quali sono le cause di questo peggioramento? Vaccini, nuove varianti, reinfezioni o tutto questo?

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments