Perché gli appelli per la rimozione di una statua di San Nicola di Myra a Bari, in Italia, che è stata donata da Vladimir Putin nel 2003, sono sbagliati e vanno nella direzione errata. L’articolo è pubblicato su  Catholic World Report

 

I ragazzi giocano davanti alla statua di San Nicola a Bari, in Italia, in questa foto del 6 luglio 2018. La statua è stata donata nel 2003 dal presidente russo Vladimir Putin. (foto del SNC/Paul Haring)
I ragazzi giocano davanti alla statua di San Nicola a Bari, in Italia, in questa foto del 6 luglio 2018. La statua è stata donata nel 2003 dal presidente russo Vladimir Putin. (foto del SNC/Paul Haring)

 

 

di Ines Murzaku

 

“Ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni, ma quella statua [di San Nicola di Myra] è un segno di un evento storico e gli eventi storici non possono essere cancellati”. Così P. Giovanni Distante, priore della Basilica Pontificia di San Nicola a Bari – una città dell’Italia meridionale intimamente legata a San Nicola – ha risposto alla potenziale rimozione di una statua molto amata di San Nicola. Il santo in questione è il precursore di San Nick, o Babbo Natale, ed è uno dei più celebri santi cristiani venerati nelle chiese orientali e occidentali. Ed è un punto di unità, che sana lo scisma tra la cristianità orientale e occidentale dall’XI secolo.

Perché la statua di San Nicola rischia di essere cancellata?

Nel 2003, il presidente russo Vladimir Putin ha donato alla città di Bari la statua di bronzo di San Nicola, opera dell’importante artista georgiano Zurab Konstantinovich Tsereteli, con una dedica firmata su una targa che onora i cittadini di Bari e la secolare unità tra la Russia e Bari:

Possa questo dono essere non solo la testimonianza della venerazione del grande Santo da parte dei russi, ma anche una costante aspirazione dei popoli dei nostri paesi a consolidare l’amicizia e la cooperazione.

Una petizione online, che ha ricevuto 17.600 firme, ha chiesto la rimozione della targa come gesto di solidarietà con il popolo ucraino. Altri, tra cui Nicola Colaianni, professore di diritto canonico all’Università di Bari ed ex parlamentare, hanno chiesto lo smontaggio e la rimozione della statua di San Nicola dalla piazza centrale di fronte alla basilica, in un luogo discreto, dove i visitatori dovrebbero andare appositamente a vederla.

Come ormai sappiamo, le cancellazioni generano cancellazioni. Per esempio, l’Università di Milano Bicocca ha cancellato un corso su Fyodor Dostoevsky (la decisione è stata poi ritrattata dall’università). Come ha osservato un recente saggio su The Atlantic, l’Occidente sta perseguendo una strategia di “cancellazione della Russia”: “isolare il paese con sanzioni ufficiali coordinate e una rapida cascata di boicottaggi unilaterali del settore privato non coordinati, altamente moralizzati”.

Ma cosa c’entrano San Nicola e Fëdor Dostoevskij con l’attuale aggressione russa? Perché i cristiani si mettono contro i cristiani? Se c’è qualcosa da imparare da queste due illustri figure, è che l’umanità e il dialogo autentico sono essenziali per risolvere l’attuale conflitto.

San Nicola non ha nulla a che fare con l’aggressione russa contro l’Ucraina, ma ha molto a che fare con l’ecumenismo e il dialogo tra ortodossi e cattolici, Oriente bizantino e Occidente latino. Il santo popolare ha costruito ponti di comunicazione tra Oriente e Occidente nel corso dei secoli, ponti che sono ancora necessari per superare il conflitto e aprire i canali di comunicazione. Nelle recenti parole di Papa Francesco, “Che le armi siano deposte! Che la tregua pasquale abbia inizio”. La stessa unità è necessaria per la città di Bari e i cittadini baresi, conosciuti come Baresi, che sono stati divisi sulla rimozione della statua del loro amato santo.

Qual è il legame speciale della Russia con San Nicola e Bari?

San Nicola, il Taumaturgo (270-343), di Myra (l’attuale Turchia), secondo la tradizione fu uno dei partecipanti al Concilio di Nicea (325), firmò il Credo Niceno e colpì Arius sul volto dopo aver sentito le bestemmie del famoso eretico contro il Figlio di Dio. La venerazione di San Nicola acquisì importanza nell’impero bizantino tra l’VIII e il IX secolo. Le chiese erano dedicate a San Nicola, e le sue icone venivano ricordate per aver compiuto miracoli. C’è una forte evidenza storica di dedicazione a San Nicola a Bari – un’importante roccaforte dell’Impero Bizantino – prima della conquista normanna della città, e ben prima della traslazione delle reliquie da Myra (Turchia) nel 1087. L’imperatore Costantino IX Monomachos (1042-55) costruì una chiesa all’interno delle mura della città che pose Bari sotto la protezione di San Nicola. Almeno cinque chiese dedicate a San Nicola furono erette a Bari e nelle sue vicinanze prima del 1087. Secondo le fonti bizantine, San Nicola è uno dei diversi santi che appaiono nell’Exultet di Bari (un rotolo contenente l’inno cantato il Sabato Santo durante la benedizione del cero pasquale). San Nicola è anche reputato come protettore dei marinai, un patrocinio molto rilevante per una città sulla costa italiana che si affaccia sul mare.

Il cristianesimo arrivò in Russia attraverso Bisanzio, e con esso il culto di San Nicola. Così, il cristianesimo e San Nicola andarono di pari passo nella cristianizzazione della Russia. Nel 1036 una chiesa e un monastero furono dedicati al santo a Kiev. Anche in Russia i miracoli erano legati alle icone del santo. Nel 1113, Mstislav I di Kiev, figlio di Vladimir Monomakh Gran Principe della Rus’ di Kiev, perso nei boschi dopo la caccia, trovò la via del ritorno quando seguì una luce proveniente da un’icona di San Nicola. La Leggenda di Kiev, scritta da un contemporaneo intorno al 1093, esamina le ragioni della traslazione delle reliquie di “un uomo pio, il grande vescovo San Nicola” da Myra (Turchia) a Bari (Italia) nel 1087 da 62 marinai:

… Gli Ismaeliti, avendo già invaso per decreto divino e disegno dell’Altissimo il territorio greco al di là del mare, partendo dal Khersonese fino ad Antiochia e Gerusalemme, uccisero ogni uomo che trovarono attraverso tutte le loro città e villaggi, donne e bambini li presero in schiavitù e bruciarono le loro case. Misero a sacco chiese e monasteri, prendendo le città sotto il loro potere. Poi devastarono anche Licia, dove riposava il corpo di San Nicola, corpo prezioso, corpo venerabile, che faceva miracoli meravigliosi e gloriosi. Un uomo così pio non poteva fermare lo spreco della sua città e delle chiese? Ma egli non volle opporsi al decreto divino. Al contrario, disse: “Che il Signore faccia ciò che conviene ai suoi occhi”.

La traslazione delle reliquie del santo è celebrata dalla Chiesa ortodossa il 9 maggio e dalla Chiesa latina il 22 maggio. Vale la pena notare che la traslazione da Myra a Bari è avvenuta 33 anni dopo il cosiddetto scisma tra Oriente e Occidente. La venerazione del santo, che è persistita anche dopo lo scisma, offre alle chiese un ricordo costante della cristianità un tempo unita. Undici anni dopo la traslazione delle reliquie a Bari, papa Urbano II scelse Bari e la cripta di San Nicola per convocare un concilio a cui parteciparono vescovi latini e greci, cercando di trovare il consenso sulla processione dello Spirito Santo per risolvere la controversia del Filioque.

Storicamente, San Nicola ha attirato un flusso ininterrotto di pellegrini dalle chiese d’Oriente, e soprattutto pellegrini russi. Il pellegrinaggio alle reliquie di San Nicola ha acquisito la stessa importanza del pellegrinaggio alle tombe degli apostoli Pietro e Paolo a Roma da parte dei fedeli provenienti dall’Oriente. Inoltre, la città di Bari divenne una tappa obbligatoria per i pellegrini diretti in Terra Santa. Come gesto di unità, appena cinque anni fa, le reliquie sono state trasferite da Bari a Mosca e San Pietroburgo, dando a milioni di russi l’opportunità di venerare queste reliquie prima che fossero riportate a Bari.

San Nicola è un patrimonio comune di santità per l’Oriente e l’Occidente; non è un santo locale ma universale, un santo senza frontiere, un santo ecumenico per eccellenza venerato sia dagli ortodossi che dai cattolici. Anche se il santo è morto da 1679 anni, le sue reliquie e la sua statua non solo portano una nuova speranza ai pellegrini, ma contribuiscono a ciò che San Giovanni Paolo II ha chiamato il risanamento delle memorie storiche tra Oriente e Occidente e la promozione delle relazioni ecumeniche tra la Chiesa cattolica e le Chiese ortodosse orientali. Questo è ciò che Papa Francesco ha definito ecumenismo della preghiera, ecumenismo del camminare. San Nicola e la sua storia ecumenica non possono essere cancellati. La storia non può essere riscritta. Rimuovere la statua non promuoverebbe la pace; invece, sarebbe uno sforzo per cancellare una raffigurazione e un simbolo di una presenza portatrice di pace molto potente in un momento in cui i devoti di San Nicola hanno più bisogno di guarigione.

Ucraini e russi potrebbero usare San Nicola e la loro comune, secolare venerazione per il santo come punto di partenza per il dialogo per porre fine alla guerra insensata. Cancellare un simbolo della città che ha significato apertura e dialogo incita alla violenza e alle divisioni. La statua dovrebbe essere lì per rimanere, come un ricordo dell’unità che San Nicola ha ispirato durante i giorni più difficili di divisione tra Oriente e Occidente. La sua intercessione – e la statua, il ricordo visibile della sua intercessione – può ispirare il dialogo e la guida paterna verso l’unità della famiglia.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments