Di seguito vi propongo un articolo di Per Shapiro, pubblicato su Brownstone Institute. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

vaccino_adolescenti

 

Ora abbiamo i dati messi nero su bianco dalla stessa Pfizer: già al momento del lancio dei vaccini si sapeva che non avrebbero protetto dalla diffusione dell’infezione. Eppure, milioni di persone hanno assunto il vaccino, soprattutto grazie alla forte pressione sociale esercitata dall’argomento della solidarietà. Pertanto, hanno anche rischiato effetti collaterali terribili, mentre i responsabili hanno improvvisamente negato che questo argomento assoluto non è mai stato cruciale.

Questa è stata solo una conferma di ciò che già sapevamo. Tuttavia, quando l’eurodeputato olandese Rob Roos ha posto una domanda “sì/no” alla rappresentante della Pfizer Janine Small, è stato comunque un momento storico.

Il vaccino era stato testato prima del lancio per verificare se proteggeva dalla diffusione della Covid-19?

La risposta è stata “No”, seguita da una risata imbarazzata e da un’insalata di parole: “Abbiamo dovuto muoverci con la velocità della scienza per capire cosa sta succedendo sul mercato…”.

Lasciatevelo dire. Pfizer ha sempre saputo che queste iniezioni non hanno un effetto comprovato sulla diffusione dell’infezione superiore a quello di un ghiacciolo.

Ancora una volta, non è una novità. Peter Doshi, uno dei redattori del British Medical Journal, ci aveva informato già due anni fa che gli studi clinici dei produttori di vaccini non erano stati concepiti per rispondere alle domande più importanti.

Tuttavia, l’annuncio al Parlamento europeo ha comunque scatenato una potente onda anomala, che dovrebbe travolgere alcuni di coloro che hanno diffuso e alimentato questa menzogna. Mi riferisco a capi di Stato e alti burocrati, epidemiologi ed esperti, caporedattori e celebrità. Solo per citarne alcuni.

Quando Johan Carlsson, il direttore generale dell’agenzia svedese per la salute pubblica (Folkhälsomyndigheten) in carica all’epoca, dichiarò in una conferenza stampa ben frequentata nel giugno 2021 che ora si raccomandava ai giovani dai sedici anni in su di assumere il vaccino Pfizer, citò tre ragioni principali:

“Il primo e più importante: i vaccini proteggono l’individuo dalla malattia…

Il secondo motivo è che la vaccinazione riduce il rischio di diffusione dell’infezione tra i giovani…

Il terzo motivo è che anche la diffusione dell’infezione ad altri gruppi di età diminuisce in qualche modo quando si abbassa il limite di età per l’offerta di vaccinazione”.

Carlsson è stato ingannato dai produttori di vaccini? O ha deliberatamente ingannato la stampa presente e il popolo svedese?

Quando una narrazione pubblica inizia a crollare, può avere conseguenze impreviste. Dopo tutto, se una menzogna di un funzionario pubblico viene smascherata e la gente è costretta a rendersi conto di essere stata profondamente ingannata, può sorgere una domanda successiva: Se possono mentire su una cosa così importante, su cos’altro hanno mentito?

Per evitare un effetto domino di questa conseguenza, ora cercano di minimizzare il danno, come ha fatto il “fact-checker” della Reuters con il seguente tweet:

“In rete si legge che Pfizer ha “ammesso” di non aver testato se il suo vaccino COVID-19 riducesse il rischio di diffusione dell’infezione prima di diffonderlo – cosa che non era tenuta a fare, né ha dichiarato di aver fatto”.

La verità è che l’hanno fatto, anche se a volte in modo ben confezionato. Nel gennaio 2021, poco dopo il lancio, Pfizer ha scritto su Twitter che i suoi vaccini “sono stati approvati d’urgenza per prevenire l’infezione da covid-19 a partire dai 16 anni”.

Nel maggio di quest’anno, l’amministratore delegato di Pfizer Albert Bourla ha partecipato a una discussione dal vivo al World Economic Forum. Alla domanda sul perché ci si dovrebbe vaccinare se ora esiste un trattamento per il Covid-19, Bourla ha risposto: “La cosa principale è non contrarre la malattia, e quindi bisogna vaccinarsi. In questo modo, si proteggono anche le persone che si amano”.

CJ Hopkins scrive su Off-Guardian che i “fact-checkers” dovrebbero essere chiamati “gaslighters”, poiché ciò che fanno realmente è impegnarsi nella manipolazione psicologica. Il gaslighting consiste nell’alimentare sistematicamente la vittima con informazioni false, facendole mettere in dubbio ciò che sa essere vero. Alla fine, la vittima finisce per dubitare della propria percezione, dei propri ricordi e persino della propria sanità mentale. In altre parole, una forma di pazzia.

Le “masse”, scrive Hopkins, “dopo essersi costrette a credere a qualsiasi cosa voi abbiate voluto far credere durante la fase di shock e terrore, devono costringersi a credere di non aver mai creduto a qualsiasi cosa voi abbiate voluto far credere allora, e a credere a qualsiasi cosa voi abbiate voluto far credere adesso”.

Il tipo di revisionismo storico in cui si impegna il “fact-checker” della Reuters; ne abbiamo visto un gran numero dopo la debacle del Parlamento europeo. Improvvisamente parte dei media mainstream fingono di non aver mai sentito parlare di promesse sulla protezione contro la diffusione dell’infezione.

Ho telefonato alla radio svedese e sono stato messo in contatto con la redazione del notiziario quotidiano Ekot. Chiedo da quanto tempo fossero a conoscenza della scoperta durante l’interrogatorio del rappresentante di Pfizer. La donna a cui sono stata passata ha liquidato la mia domanda dicendo che nessuna autorità ha affermato che il vaccino fosse in grado di proteggere dalla diffusione dell’infezione, ma che hanno solo sostenuto che protegge da malattie gravi e dalla morte.

Ho obiettato dicendo che il mantra dell’agenzia svedese per la salute pubblica, Folkhälsomyndigheten: “Protegge da malattie gravi e dalla morte”, è stato adottato alla fine del 2021. Prima di allora, il mantra includeva anche la protezione del vaccino contro la diffusione dell’infezione. Questo è facilmente verificabile attraverso le vecchie versioni del sito web dell’agenzia svedese per la salute pubblica, ad esempio dall’autunno del 2021, quando si scriveva:

“La vaccinazione protegge efficacemente dall’ammalarsi gravemente o dal morire a causa del covid-19. Protegge anche dal rischio di essere infettati e di infettare altri”.

Ma la donna al banco delle notizie insiste sul fatto che l’agenzia non ha mai affermato che il vaccino avrebbe protetto dalla diffusione dell’infezione. La conversazione sembra surreale. Le ricordo la conferenza stampa, molto partecipata, in cui l’allora direttore generale dell’agenzia per la salute pubblica affermava esattamente questo, ma lei mi riattacca. – Ho seguito la questione per tutta la durata della pandemia, quindi so di cosa sto parlando!

Non sono convinto che la giornalista abbia mentito deliberatamente. Potrebbe anche trattarsi di una seria negazione che entra in gioco quando la realtà diventa troppo pesante da sopportare. Mark Twain diceva che è più facile ingannare la gente che convincerla di essere stata ingannata. Lo scrittore Upton Sinclair aggiungeva che è impossibile far capire qualcosa a un uomo se il suo sostentamento dipende dal non capirla.

Per chiunque sia disposto a togliersi il paraocchi, l’annuncio di Pfizer dovrebbe far riflettere.

Mi chiedo cosa stiano dicendo oggi tutti quei presidi e quegli insegnanti che hanno fatto pressioni sui loro studenti perché facessero l’iniezione.

Quali saranno le reazioni dei datori di lavoro che hanno licenziato i non vaccinati o hanno negato loro il lavoro?

Cosa diranno ora tutti gli artisti e le celebrità che ci hanno esortato in costose campagne a “rimboccarci le maniche” e a “darci una mano” per poterci abbracciare di nuovo?

Quali saranno le scuse degli editoriali e degli editorialisti, da destra a sinistra, che hanno fatto a gara per condannare i non vaccinati?

Cosa dice oggi Peter Kadhammar? In una cronaca dell’Aftonbladet dello scorso autunno si è espresso a favore del fatto che i non vaccinati paghino la propria assistenza sanitaria, poiché “sabotano i tentativi della società di combattere una pandemia letale”.

Tutti voi, bulli ben pagati, come commentate il fatto che il vaccino non sia stato testato per fermare la diffusione dell’infezione?

E che dire delle amicizie che sono state rovinate e delle relazioni che sono state interrotte a causa dei rancori che i passaporti del vaccino e le notizie maliziose dei media hanno portato con sé?

Nel suo reportage “Livet i vaccinpassens skugga” (traduzione: “Vita all’ombra del passaporto vaccinale”), Diana Blom intervista alcuni di coloro che sono stati molestati ed esclusi socialmente sul posto di lavoro. Incontriamo anche studenti che hanno perso il loro tirocinio e un fedele frequentatore della chiesa a cui è stato rifiutato di partecipare alla funzione del giorno di Natale.

Oltre a tragedie senza senso, abbiamo assistito anche a farse assurde, come quando al campione di tennis Novak Djokovic, non vaccinato, è stato vietato di difendere il suo titolo agli Australian Open con la motivazione che era a rischio di infezione.

Anche se molte cose sembrano comiche, smettono di esserlo quando si pensa a tutte quelle centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che hanno fatto il vaccino perché obbligate a farlo. Quanti hanno sofferto di effetti collaterali? Quanti sono morti o hanno avuto conseguenze croniche?

Solo in Svezia, 104.000 persone hanno segnalato sospetti effetti collaterali, mentre è noto da studi scientifici che solo l’1-2% di tutti gli effetti collaterali viene segnalato.

Nelle mie interviste con il medico Sven Román, egli mi informa che la miocardite e la pericardite sono un effetto collaterale molto comune tra gli uomini di età compresa tra i 13 e i 18 anni dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccini a base di mRNA, che è stato osservato un aumento del numero di disturbi mestruali, che la fertilità può essere influenzata dal fatto che il numero di nascite per donna fertile in Svezia è diminuito drasticamente da quando è iniziata la vaccinazione e che molti patologi in tutto il mondo riportano un aumento dell’incidenza di tumori a rapida crescita in persone relativamente giovani.

Poiché un numero crescente di irregolarità sta diventando noto, credo che ci abitueremo a vedere più revisionismo storico del tipo che già conosciamo in altri campi sensibili.

Nel 2017 la televisione pubblica svedese SVT ha trasmesso in esclusiva l’apprezzato documentario americano The Vietnam War, di Ken Burns e Lynn Novick. Il titolo stesso è ingannevole, sia dal punto di vista morale che geografico. Secondo l’attivista Noam Chomsky, la guerra del Vietnam dovrebbe essere chiamata La crocifissione del Sud-Est asiatico, per cogliere la mostruosa distruzione che è stata il risultato del più potente impero militare-industriale della storia che, per oltre un decennio, ha usato tutta la sua forza contro una povera società contadina e contro i Paesi vicini del Laos e della Cambogia.

Se da un lato il documentario presenta forti testimonianze oculari e solo per questo vale la pena vederlo, dall’altro descrive questo crimine contro l’umanità utilizzando eufemismi come “tragico errore”, “migliori intenzioni” e “buona fede”. Anche Washington aveva le migliori intenzioni, ma purtroppo sono stati commessi degli errori. Sono cose che capitano.

Questo è il modo in cui credo che i revisionisti storici ritrarranno la criminalità – le menzogne deliberate e la discriminazione infondata – che ha causato a milioni di persone, che altrimenti non avrebbero mai fatto queste iniezioni, di soffrire ora di gravi problemi di salute.

Ritrarre i crimini degli Stati e delle autorità come incidenti sul lavoro è ben accetto, perché è in sintonia con il modo in cui la maggior parte delle persone vorrebbe che fosse il mondo. Non vogliamo credere che le autorità commettano intenzionalmente atti psicopatici. Il pensiero che i nostri decisori abbiano introdotto passaggi vaccinali pur sapendo che le iniezioni non proteggevano dalla diffusione dell’infezione è orribile.

La tendenza al wishful thinking che a volte si trasforma in negazione assomiglia alle dinamiche delle famiglie con problemi di abuso. Il bambino che parla spesso affronta la rabbia e le accuse di mentire. Gli altri figli vogliono mantenere l’immagine del padre come fornitore di sicurezza e protezione della famiglia.

Gli psicopatici possono anche alimentare l’immagine di persone impegnate e responsabili. Albert Bourla, VD di Pfizer, mi ricorda La maschera della sanità mentale, il primo libro che spiega dettagliatamente il fenomeno della psicopatia (pubblicato nel 1941). Come indica il titolo, gli psicopatici imparano a comportarsi come se fossero normali, altrimenti non potrebbero avere carriere di successo. Ma poiché tutto è teatro, a volte si rivelano e la maschera cade.

Questo è ciò che è accaduto durante la citata discussione al World Economic Forum a cui ha partecipato il CEO di Pfizer.

Bourla si lamenta di “un gruppo molto fanatico di anti-vaxxer” che vuole portare Pfizer in tribunale. Poi inizia a sproloquiare: “Affermeranno che il sole non è sorto perché le persone sono state vaccinate”.

La ” maschera della sanità mentale” cade per un momento.

Mi chiedo cosa direbbe Cindy Darell, la giocatrice di pallamano di Göteborg che ho intervistato di recente, dei modi scherzosi di Bourla, così privi di empatia. Era sana come un cavallo prima di fare le iniezioni. Ma da quando le ha prese, non è stata in grado di giocare per un anno intero. Ha avuto difficoltà respiratorie, pressione al petto e una sensazione di formicolio al fianco sinistro. La sua amica che ha preso anche la terza dose (Cindy si era fermata a due) ha avuto un arresto cardiaco.

Conosco una donna il cui figlio di 18 anni ha fatto l’iniezione per poter studiare all’estero. È morto nel sonno poco dopo. La madre è ancora sotto shock, ma sta pensando di fare causa alla Pfizer, se possibile. Cosa ne pensa di essere liquidata come una sciocca superstiziosa?

Dopo l’annuncio di Pfizer al Parlamento europeo il mese scorso, ho contattato su Facebook un amico che aveva espresso il suo pieno sostegno ai green pass del vaccino, all’epoca in uso. Ero convinto che avrebbe avuto dei ripensamenti ora che aveva scoperto che l’intero fondamento dei pass per i vaccini – che dovevano proteggere i vaccinati dai non vaccinati – era basato su una menzogna.

Ma lui pensava che l’argomento non fosse più un problema.

“Sono andato avanti! Non mi interessa più, né il Covid, né i vaccini o i pass vaccinali. Si goda la sua serata!”.

Un altro sostenitore del passaporto vaccinale che ho contattato non credeva che il messaggio di Pfizer fosse motivo di preoccupazione.

“Sono sicuro che durante la pandemia sono state prese molte decisioni sbagliate, ma ora la gente va avanti come sempre. Forse è arrivato il momento di voltare pagina?”.

Ancora una volta, penso al documentario americano sul Vietnam. L’ultima parte riguarda la fine della guerra. Il presidente Jimmy Carter non credeva che gli Stati Uniti dovessero né risarcire né scusarsi perché “la distruzione è stata reciproca”.

Naturalmente si potrebbe obiettare che gli Stati Uniti avevano perso 58.000 soldati mentre avevano ucciso circa 5 milioni di persone, che le truppe vietnamite non avevano mai invaso gli Stati Uniti, né spruzzato milioni di tonnellate di Agente Arancio sui campi della California e dell’Ohio, né annegato gli americani nudi nel napalm, ecc.

Il messaggio conclusivo del documentario è comunque che la “guerra” era stata devastante per entrambe le parti e che era giunto il momento di voltare pagina e andare avanti. Durante i titoli di coda viene suonata la hit dei Beatles Let It Be.

Immaginate se l’Olocausto fosse stato rappresentato in modo simile. Niente processo di Norimberga, niente agenzie Aftermath, niente campagne di sensibilizzazione, niente visite guidate ad Auschwitz, niente Giornata della Memoria il 27 gennaio. Solo un consiglio silenzioso per lasciarsi alle spalle la tragedia e andare avanti. Let It Be. Let It Be. (Lasciate che sia. Lasciare che sia).

Un altro che vorrebbe che voltassimo pagina e andassimo avanti è l’ex Primo Ministro svedese Magdalena Andersson. Circa un anno fa, ha esortato il popolo svedese a “sospendere tutti gli abbracci” ai non vaccinati. Così facendo, ha anche condonato il bullismo autorizzato dallo Stato.

È in buona compagnia. Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha paragonato i non vaccinati ai terroristi che girano per le strade con le mitragliatrici sparando (cioè infettando) gli innocenti. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito i non vaccinati razzisti.

La domanda ovvia è se questi capi di Stato oppressivi sapessero all’epoca che il vaccino non era stato testato dal punto di vista del controllo delle infezioni. Se sì, non dovrebbero essere ritenuti responsabili? E se essi stessi sono stati ingannati, non dovrebbero essere ritenuti responsabili coloro che li hanno ingannati?

Lasciate che sia. Ora vogliono che cambiamo argomento e passiamo oltre. Putin porta nuovi titoli orribili, e il “Ministero della Verità” è già impegnato a riscrivere la storia in nuovi tweet di gaslighting.

Come affermava George Orwell nella sua distopia 1984: Chi controlla il passato controlla il futuro. Chi controlla il presente controlla il passato.

 

P.S.

Poco prima di pubblicare questo articolo, ho ricevuto una risposta via e-mail dall’agenzia per la salute pubblica che confermava di essere a conoscenza del fatto che la Pfizer non aveva condotto alcuno studio sulla capacità del vaccino di proteggere dalla diffusione dell’infezione al momento della conferenza stampa del giugno 2021. L’agenzia per la salute pubblica, tuttavia, sostiene che il motivo della decisione non era la riduzione della diffusione dell’infezione, ma piuttosto “si basava sulla valutazione che il beneficio della vaccinazione era più importante quando si trattava di bambini in quel particolare momento della pandemia in cui la decisione è stata presa”. Quindi, non le tre ragioni che il Direttore Generale in carica all’epoca ha fornito durante la conferenza stampa e che ho citato sopra.

 

Per Shapiro è un reporter investigativo di lungo corso che ha lavorato soprattutto con la radio e la televisione pubblica svedese. Da circa due anni ha un proprio podcast “Folkets Radio”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments