Tu non puoi morire

Vocazione di San Matteo (particolare) - Caravaggio

 

 

Tu non puoi morire

 
Quando (*) dalla tua voce, 
d’improvviso, 
ho riscoperto il mio cuore, 
come un soffio ho percepito
la mia anima.   
E l’anima non muore mai:
si affatica, si perde a volte, 
sembra scomparire, 
ma è il respiro, 
impercettibile, 
della vita. 
Da lei nascono il bene, il male, 
e il desiderio. 
Anche se il corpo invecchia
e muore, lei vive 
dà forma, svela:
l’anima, intelligenza e cuore, 
son io, sei tu, tu, tu… 
In essa quella Tua voce, 
come polla sorgiva, 
risuona, incontenibile. 

 

di Giorgio Canu

 

(*)Riccione, settembre 1976

(giorgiocanupoesie)