Danzica

   

   Tu… e le stelle

     

     (…a Beatrice)

Una valigia, mille calcoli, 
la casa, gli orari,
saluti agli amici
e si piange, 
i soldi, 
i biglietti, la sveglia:
si parte. 
 
Tu spensierata e bella, 
camice bianco con pure il fonendo, nove mesi:
e guardo le stelle. 
 
Cosa c'è tra me, te e le stelle? 
Il non-ancora, il dopo, l'altrove, 
perché ogni cosa è un partire;
il tuo futuro, che illumina il mio. 
 
Madonna, Madonna nera, 
ora che viene da Te, 
nella tua terra adorata, 
guidala col tuo dolce sguardo, 
tienila sotto il tuo manto
e insegnale a guardare lassù, 
il Cielo da cui tutto nasce. 
È questo il bene più grande
che chiedo ogni giorno per lei.

 

    di Giorgio Canu

    (da giorgiocanupoesie)

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1