Oggi, venerdì 24 gennaio, nell’anniversario della sentenza Roe Vs Wade (RvW) che ha obbligato gli Stati Uniti a legalizzare l’aborto in tutti gli Stati, si terrà a Washington l’annuale Marcia per la Vita. Con un tweet il Presidente Trump ha annunciato la sua partecipazione dopo aver proclamato il 22 gennaio, data della famigerata sentenza RvW, “Giornata Nazionale della Sacralità della Vita Umana”.

I dettagli ce li racconta un articolo di LifeSiteNews che abbiamo tradotto per voi.

Annarosa Rossetto

Il Presidente Donald Trump parla in videoconferenza alla Marcia per la vita 2019 1

Il Presidente Donald Trump parla in videoconferenza alla Marcia per la vita 2019 (CNS)

 

Per la prima volta nella storia, un presidente degli Stati Uniti parteciperà di persona e parlerà all’annuale Marcia per la Vita che si terrà venerdì a Washington DC.

Il presidente Trump ha annunciato oggi che parlerà alla March for Life 2020 che avrà luogo il 24 gennaio, un evento annuale a cui partecipano centinaia di migliaia di persone per protestare contro la legge sull’aborto.

“Siamo profondamente onorati di dare il benvenuto alla 47a edizione annuale della March for Life al presidente Trump”, ha dichiarato Jeanne Mancini, presidente della Marcia per la Vita USA.

“Sarà il primo presidente della storia a partecipare e siamo davvero entusiasti di fargli sperimentare di persona quanto i nostri manifestanti siano appassionati difensori della vita e dei nascituri”, ha continuato.

“Dalla nomina di giudici e amministratori federali pro-life, alla riduzione dei finanziamento dell’aborto con i soldi dei contribuenti qui e all’estero, alla richiesta di porre fine agli aborti tardivi, il presidente Trump e la sua amministrazione sono stati campioni coerenti  a favore della vita e il loro sostegno alla Marcia per la Vita è stato incrollabile. Siamo grati per tutti questi traguardi pro-life e non vediamo l’ora di ottenere in futuro ulteriori vittorie per la vita”, ha aggiunto.

Trump ha twittato oggi che vedrà la “grande folla” venerdì.

Ci vediamo venerdì … Grande folla! https://t.co/MFyWLG4HFZ
– Donald J. Trump (@realDonaldTrump) 22 gennaio 2020

 

Il tema di marzo di quest’anno è Life Empowers: Pro-Life is Pro-Woman (La Vita è Emancipazione: essere Pro-Life è essere Pro-Donne)

In un’apparizione a sorpresa l’anno scorso tramite un intervento via video, il presidente Trump si è rivolto ai sostenitori della vita alla March for Life 2019, dicendo loro che “ogni vita merita di essere protetta” e che metterà il veto a qualsiasi legislazione per “indebolire la protezione della vita umana”che arrivi alla sua scrivania.

“Oggi ho firmato una lettera al Congresso per chiarire che se faranno arrivare alla mia scrivania una legislazione che indebolisca la protezione della vita umana, metterò un veto. E abbiamo le forze  per sostenere veti del genere. Ogni bambino è un dono sacro di Dio”, aveva detto nel videomessaggio preregistrato.

“Oggi sono molto orgoglioso di dare il benvenuto a decine di migliaia di famiglie, studenti e persone di ogni fede e provenienza nella capitale della nostra nazione per la 46a Marcia annuale per la Vita”, aveva affermato il Presidente in quell’occasione.

Trump è considerato da molti attivisti pro-life veterani il presidente più pro- life della storia.

Come presidente, Trump ha ripristinato e ampliato il divieto di aiuti ai paesi stranieri per gli enti che si occupano di aborto (inclusa la International Planned Parenthood Federation), ha eliminato i gruppi che eseguono o propongono l’aborto dai fondi di pianificazione familiare del Titolo X, ha annullato le normative dell’era Obama che impedivano agli Stati di togliere fondi alla Planned Parenthood e ha emanato leggi per proteggere gli Americani dall’obbligo di sovvenzionare, su mandato del governo, l’aborto nei piani di assicurazione sanitaria.

Il presidente ha anche denunciato con forza l’aborto, richiamando l’attenzione sull’opposizione dei democratici alla legislazione anti-infanticidio e chiedendo al Congresso di inviargli da firmare una legge per il divieto di aborto tardivo. Anche la maggior parte dei giudici da lui nominati  sono noti pro-life.

Inoltre, l’amministrazione ha costantemente lavorato per difendere la vita e contrastare l’aborto alle Nazioni Unite, dall’opposizione sui temi dell’agenda per l’aborto all’affermazione che l’aborto non è un diritto umano nella risoluzione contro gli abusi e alla promozione dell’educazione all’astinenza .

Quest’anno, Trump ha dichiarato il 22 gennaio, anniversario della decisione Roe v. Wade del 1973 che impone l’aborto su richiesta in tutto il paese, come “Giornata Nazionale della Sacralità della Vita Umana”.

In una dichiarazione pubblicata ieri , Trump ha dichiarato che “ogni persona – i nati e i non nati, i poveri, gli scoraggiati, i disabili, gli infermi e gli anziani – ha un valore intrinseco” e ha affermato che gli Stati Uniti “ribadiscono con orgoglio e con fermezza il proprio impegno per proteggere il prezioso dono della vita in ogni fase, dal concepimento alla morte naturale “.

Ha poi ribadito i risultati a favore della Vita della sua amministrazione in patria e all’estero.

La dichiarazione faceva riferimento agli sforzi della sua amministrazione per costruire “una coalizione internazionale per rimuovere il concetto di aborto come diritto umano fondamentale” e affermava che la sua amministrazione si sarebbe “opposta a qualsiasi progetto che tentasse di far valere un diritto globale all’aborto su richiesta, fino al momento della nascita, finanziato dai contribuenti.”

“Non ci stancheremo mai di difendere la vita innocente – in patria o all’estero”, ha promesso.

 

Facebook Comments
image_print
1