Avevamo già parlato della probabile nomina alla Corte Suprema degli Stati Uniti di Amy Coney Barrett e del fuoco di fila cui ha dovuto sottostare a causa della sua fede cattolica e della sua numerosa famiglia. Le previsioni si sono avverate e ieri il presidente degli USA, Donald Trump, l’ha nominata alla più alta Corte degli USA.

Ecco un articolo di  Christine Rousselle, pubblicato sul Catholic News Agency, nella mia traduzione. 

 

Trump e Amy Coney Barrett

 

Il presidente Donald Trump ha presentato ufficialmente il giudice Amy Coney Barrett come suo candidato a ricoprire il posto vacante alla Corte Suprema sabato, dopo la morte del giudice Ruth Bader Ginsburg la scorsa settimana.

Trump ha presentato il giudice Barrett, una cattolica, il 26 settembre, in una conferenza stampa nel Roseto della Casa Bianca poco dopo le 17.00. 

Presentando Barrett, Trump ha detto che la nomina di un giudice della Corte Suprema è uno dei suoi “compiti più importanti” come presidente.

“Questa è la mia terza nomina”, ha detto Trump, “ed è davvero un momento di grande orgoglio”.

“Oggi è un onore per me nominare una delle menti legali più brillanti e dotate della nostra nazione”, ha detto Trump, rendendo omaggio a Barrett come “una donna di ineguagliabile successo, con un intelletto imponente, eccellenti credenziali e una fedeltà incrollabile alla costituzione” e “eminentemente qualificata” per il servizio nella più alta corte della nazione.

Parlando dopo il presidente, Barrett ha detto di essere stata “profondamente onorata” dalla nomina e ha definito il momento come “un’occasione piuttosto travolgente”.

“Mi impegno ad assumermi le responsabilità di questo lavoro al meglio delle mie capacità”, ha promesso. “Sono veramente onorata dalla prospettiva di servire la Corte Suprema”.

Trump ha anche reso omaggio al giudice Ginsburg, dicendo che “la nazione ha pianto la perdita” di un “gigante legale e pioniere delle donne”.

Anche la Barrett ha reso omaggio a Ginsburg nelle sue stesse osservazioni, osservando che la Giustizia “ha iniziato la sua carriera in un periodo in cui le donne non erano le benvenute nella professione legale”, e “ha frantumato i soffitti di vetro” per condurre una vita di “enorme talento e conseguenze”.

Il giudice è stato presentato dal presidente sabato sera, dove è stata raggiunta dai membri della sua famiglia e dai colleghi della facoltà di legge dell’Università di Notre Dame.

Barrett, 48 anni, è attualmente in servizio presso la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Settimo Circuito, carica alla quale Trump l’ha nominata nel 2017. 

Ora si prevede che la commissione della magistratura del Senato programmerà le udienze prima del voto in Senato. I leader repubblicani hanno indicato che si muoveranno rapidamente per programmare le udienze di conferma davanti alla commissione giudiziaria e portare la nomina di Barrett a una votazione completa.

Il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell ha detto all’inizio di questa settimana che “il Senato voterà su questa nomina quest’anno”, ma non ha specificato se si aspetta che il voto avvenga prima o dopo le elezioni di novembre.

Nata a New Orleans, la maggiore di sette figli, Barrett si è laureata al Rhodes College prima di ricevere una borsa di studio completa per la Notre Dame Law School dove si è laureata prima della classe. 

Barrett è stata poi cancelliera del giudice Laurence Silberman e del giudice della Corte Suprema Antonin Scalia, prima di diventare avvocato privato. È tornata alla Notre Dame Law School e ha tenuto lezioni nel 2002 prima di diventare professore nel 2010. 

La selezione di Barrett è stata ampiamente anticipata, con molti media che l’hanno nominata come candidata principale per la nomina. Ha già affrontato l’esame e le critiche dei media per la sua fede cattolica. 

Durante l’audizione per la sua nomina nel 2017, la senatrice Dianne Feinstein (D-CA) l’ha interrogata sulla sua fede e sui suoi valori personali, dicendo che “quando si leggono i suoi discorsi, la conclusione che si trae è che il dogma vive a voce alta dentro di lei. E questo è preoccupante”.

Barrett e suo marito hanno sette figli, di cui due adottati da Haiti. In un’intervista del 2019 a un evento per ex allievi di Notre Dame a Washington, DC, Barrett ha detto che crescere i figli è “il luogo dove si ha il maggiore impatto sul mondo” e che non poteva immaginare nulla di più grande. In attesa della sua nomina, nei giorni scorsi le critiche dei media si sono rivolte anche alle dimensioni della famiglia del giudice

Durante le udienze di conferma di Barrett, sono state sollevate anche domande sull’associazione di Barrett con l’organizzazione laica People of Praise (Popolo della preghiera, ndr). 

People of Praise è stato definito dai media una “setta” e criticata per una pratica, che da allora è stata cambiata, che chiamava i leader “capi” e “ancelle” – entrambi riferimenti a passi biblici. 

People of Praise è stata fondata nel 1971 come parte di una “grande emergenza di ministeri laici e movimenti laici nella Chiesa cattolica”, dopo il Concilio Vaticano II, ha detto alla CNA il vescovo Peter Smith, membro dell’organizzazione.

Il gruppo iniziò con 29 membri che formarono un “patto” – un accordo, non un giuramento, di seguire principi comuni, di dare il cinque per cento del reddito annuale al gruppo e di incontrarsi regolarmente per progetti spirituali, sociali e di servizio.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1