“Il fascino del transgenderismo è nella sua promessa, attraverso la transizione, di liberazione dalla datità del corpo. Attraverso l’intervento scientifico e l’ingegneria sociale, la carne troppo solida di un corpo psicologicamente angosciato viene rimodellata attraverso farmaci e chirurgia plastica. Il rifacimento del proprio corpo in un facsimile del sesso opposto offre la prospettiva di diventare una nuova persona. Questo può tentare alcuni, ma è, come Anderson ha abilmente mostrato, una speranza illusoria basata su un’ideologia incoerente.”

Un articolo di Nathanael Blake sul caso dell’epurazione dalla sua lista on line da parte di Amazon del libro di Ryan Anderson che critica il movimento transgender. L’articolo è stato pubblicato sul Catholic World Report, e lo offro alla riflessione dei lettori di questo blog.

 

Amazon - Ryan Anderson e il suo libro: "When Harry became Sally"
Amazon – Ryan Anderson e il suo libro: “When Harry became Sally”

 

Naturalmente stanno bandendo i libri. Se ve lo siete perso, Amazon ha bandito l’eccellente libro di Ryan Anderson, When Harry Became Sally: Responding to the Transgender Moment. E, naturalmente, gli scritti di alcuni dei più grandi mostri della storia sono ancora disponibili su Amazon. Il colosso libraio sta bene con (cioè vende libri scritti da, ndr)  Hitler, Stalin e Mao, ma considera troppo [pesante] la critica rispettosa ed erudita dell’ideologia transgender di Anderson.

Nel breve termine, Amazon ha portato l’attenzione (e vendite vivaci in altri punti vendita) al libro di Anderson, che è una buona notizia per il mio amico e collega. Ma come nota Abigail Shrier, i cui libri hanno affrontato simili cancellazioni, i cancellatori potrebbero avere successo nel lungo periodo. Il libro di Anderson può andare bene ora, ma il prossimo libro simile potrebbe non essere mai scritto perché pochi editori vorranno rischiare di far uscire libri che Amazon potrebbe escludere. La quota di mercato dominante di Amazon, combinata con il suo processo opaco di divieto dei libri, dissuaderà scrittori ed editori dall’offendere le ortodossie della sinistra culturale in ascesa.

Infatti, il loro potere, e quello dei loro alleati, è così grande che la messa al bando dei libri può sembrare un’esagerazione. I sostenitori dell’ideologia transgender dominano l’educazione, le grandi imprese, la finanza, le grandi tecnologie, l’intrattenimento, i media tradizionali e il Partito Democratico – perché preoccuparsi di cercare di soffocare un solo libro dissidente?

L’ovvia risposta iniziale è invertire la domanda: perché non usare il potere per punire i nemici, così come per premiare gli amici? Perché i bigotti dovrebbero avere un po’ di tregua? Questo ragionamento è naturale, e senza dubbio il commissario di Amazon che ha epurato il libro di Anderson ha provato un piacere moralistico nel farlo.

Ma queste persone si sentono anche spinte a precludere il dibattito e a mettere a tacere il dissenso a causa della fragilità della loro posizione. L’affermazione centrale (attuale) dell’ideologia transgender è che siamo in possesso di un’identità di genere innata che può non corrispondere al nostro sesso biologico – come se fossimo anime di genere inserite in corpi sessuati. Ci viene detto che le discrepanze devono essere trattate permettendo alle persone di vivere come il sesso in cui si identificano, spesso con trattamenti chirurgici e chimici per rifare il loro aspetto per meglio corrispondere alla loro identità. I dissidenti, come le atlete che si oppongono a gareggiare contro i maschi, o le donne abusate che non vogliono che uomini biologici condividano un ricovero con loro, sono etichettati come bigotti e gli viene detto di stare zitti.

Questa ideologia ha potenti sostenitori, ma è anche debole. La realtà esperienziale del sesso corporeo è fondamentale per chi siamo. La maggior parte di noi sperimenta il proprio corpo maschile o femminile come così intrinseco alla propria identità che difficilmente ci pensiamo. Se ci riflettiamo con una certa serietà, ci rendiamo conto che essere dell’altro sesso sarebbe essere una persona completamente diversa. Le affermazioni dell’ideologia transgender sono insostenibili; non possiamo nascere nei corpi sbagliati, perché noi siamo i nostri corpi.

Inoltre, non solo la realtà esperienziale del sesso corporeo è intessuta nella nostra esistenza, ma è ciò che genera la nostra esistenza. Tutti noi siamo stati concepiti attraverso il dimorfismo sessuale della specie umana. Anche la fecondazione in vitro richiede gameti di uomini e donne; e gli embrioni umani che ne risultano possono svilupparsi solo nell’utero di una donna.

Oltre a queste difficoltà esperienziali, i sostenitori dell’ideologia transgender devono confrontarsi con l’ovvia verità che gran parte dell’attuale momento transgender è il risultato del contagio sociale che agisce su adolescenti vulnerabili. Le recenti esplosioni della disforia di genere e dell’identificazione LGBT, specialmente tra le giovani donne, sono guidate socialmente – aiutate e sostenute da organizzazioni come Planned Parenthood, che ha aggiunto la transizione di genere al suo business dell’aborto. Le teorie sull’identità di genere innata e immutabile non spiegano perché interi gruppi di ragazze adolescenti si dichiarino improvvisamente transgender.

Ma ci sono alcune persone che sperimentano un’angoscia profonda e persistente sul loro sesso, e desiderano un altro corpo, alternativamente sessuato. Coloro che sperimentano tale sofferenza hanno bisogno di una risposta sensibile e compassionevole, che il libro di Anderson fornisce. Parlare e scrivere su questi argomenti con verità e gentilezza richiede un buon giudizio e un buon carattere. Dobbiamo sforzarci di essere rispettosi mentre insistiamo sul fatto che la cultura non dovrebbe celebrare l’ideologia transgender e che la legge non dovrebbe imporre i suoi dettami.

Capire come dovremmo rispondere a coloro che soffrono di disforia di genere richiede una riflessione sugli apparenti paradossi della nostra esistenza. Essere umani è essere incarnati, ma i nostri corpi possono tradirci. Così, i nostri corpi e sistemi corporei, compresi i nostri sistemi riproduttivi, possono essere disordinati, caotici o danneggiati in modi che inibiscono il normale sviluppo e funzionamento. Ma queste condizioni non producono alternative al dimorfismo sessuale umano, semplicemente lo deformano.

Il fascino del transgenderismo è nella sua promessa, attraverso la transizione, di liberazione dalla datità del corpo. Attraverso l’intervento scientifico e l’ingegneria sociale, la carne troppo solida di un corpo psicologicamente angosciato viene rimodellata attraverso farmaci e chirurgia plastica. Il rifacimento del proprio corpo in un facsimile del sesso opposto offre la prospettiva di diventare una nuova persona. Questo può tentare alcuni, ma è, come Anderson ha abilmente mostrato, una speranza illusoria basata su un’ideologia incoerente.

Ma questo non significa che non ci sia speranza. Nell’affermare la verità che siamo fatti maschio e femmina, i cristiani devono anche dichiarare le promesse evangeliche di liberazione dalla sofferenza, dai disturbi e dalla decadenza dei nostri corpi. I cristiani, tra tutte le persone, dovrebbero capire cosa significa lottare con la carne e sperare nella sua rigenerazione in una nuova vita. In queste settimane quaresimali siamo particolarmente chiamati a meditare sul nostro peccato e sul sacrificio di Cristo, preparandoci così alla celebrazione della Pasqua e al trionfo di Cristo sulla morte e sul peccato.

Al centro di queste contemplazioni ci sono i misteri dell’Incarnazione e della Risurrezione. Il primo contiene la scandalosa dichiarazione che la Parola divina (logos) si è fatta carne (sarx). La seconda ci assicura che la resurrezione di Cristo prefigura la nostra. Il rinnovamento trasformativo è disponibile per tutti nel cristianesimo. I nostri corpi, così come le nostre anime, sono redenti e risuscitati nella gloria attraverso l’espiazione di Cristo. La proclamazione di questa verità prevarrà anche contro le porte dell’inferno. Certamente non sarà vinta dalle macchinazioni di una libreria online troppo cresciuta.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1