Rilancio ampri stralci di una intervista rilasciata a CWR da mons. Paprocki, vescovo della diocesi di Springfield, Illinois, USA, sul motu poprio Traditioni Custodes. 

Il vescovo Thomas J. Paprocki di Springfield, Ill, al centro, nella Basilica di San Pietro in Vaticano il 12 dicembre 2019. (CNS photo/Paul Haring)
Il vescovo Thomas J. Paprocki di Springfield, Ill, al centro, nella Basilica di San Pietro in Vaticano il 12 dicembre 2019. (CNS photo/Paul Haring)

 

Dopo che papa Francesco ha pubblicato il suo motu proprio Traditionis custodes il 16 luglio , che ha posto restrizioni alla celebrazione della Messa tradizionale in latino, il vescovo Thomas Paprocki della diocesi di Springfield, Illinois, è stato uno dei primi vescovi americani a rispondere rapidamente. Con un decreto del 19 luglio , Mons. Paprocki ha offerto una dispensa che consente alla Messa tradizionale in latino di continuare senza restrizioni in due parrocchie della sua diocesi, e successivamente un altro decreto che consente di continuare in una terza delle 129 parrocchie da lui supervisionate.

Mons. Paprocki, 68 anni, è nato e cresciuto a Chicago ed è stato ordinato sacerdote per l’arcidiocesi di Chicago nel 1978. È stato ordinato vescovo ausiliare dell’arcidiocesi nel 2003 ed è diventato vescovo di Springfield nel 2010. È canonista e insegna diritto canonico alla Notre Dame Law School.

CWR: Lei ha indicato nel suo decreto che riteneva che le messe tradizionali latine contribuissero al bene spirituale della diocesi.

Monsignor Paprocki: Sì. Dobbiamo ricordare che anche nella forma Ordinaria c’è una diversità di stili liturgici. In una parrocchia, potresti trovare la messa accompagnata da musica popolare, con chitarre e tamburi e altri strumenti contemporanei, e in un’altra potresti trovare un organo e un coro che cantano inni tradizionali. Nel nostro mondo di oggi, le persone sono mobili. Se non gli piace quello che trovano in una chiesa, possono facilmente andare in un’altra.

La forma straordinaria è uno stile diverso. Mi sono spesso chiesto cosa attrae le persone. È il fatto che a loro piace il rito tridentino, o le caratteristiche che lo accompagnano, come l’incenso, il canto gregoriano e lo stile architettonico? Quando ero a Chicago, ho avuto l’esperienza di andare una volta al mese a celebrare la Messa in forma Ordinaria in latino presso la chiesa di San Giovanni Canzio che aveva molte delle caratteristiche del rito tridentino, tra cui il latino, la celebrazione della Messa ad orientem e il bellissimo rito gregoriano canto.

CWR: Lei ha rilasciato il suo decreto subito dopo l’uscita di Traditionis custodes . Questo motu proprio era qualcosa che Lei si aspettava o è stata una sorpresa? E perché ha risposto così velocemente?

Monsignor Paprocki: È stata una sorpresa. Ne ho sentito parlare da uno dei sacerdoti della mia diocesi che celebra la Messa in Forma Straordinaria. Mi ha mandato un’e-mail e mi ha chiesto che effetto avrebbe avuto su di lui. Ha incluso un link al servizio di informazione vaticano dove è stato dato l’annuncio del motu proprio.

Ho pensato che il modo in cui è stato gestito il rilascio del motu proprio fosse sfortunato. Diceva ai vescovi diocesani che era loro responsabilità occuparsi della regolamentazione della Messa in forma straordinaria. Avrei apprezzato qualche preavviso.

Ho ricevuto la notizia un venerdì e ho emesso il mio decreto il lunedì successivo. Per quanto mi riguarda, ho pensato di ritardare la mia risposta di qualche giorno, poiché sabato e domenica i vescovi hanno rilasciato dichiarazioni al riguardo. Ma mi ha dato la possibilità di pensarci su dal punto di vista canonico per alcuni giorni. Uno dei motivi per cui ho risposto lunedì è che stavo ricevendo richieste, ad esempio dal prete che ho menzionato, che chiedeva: “In che modo [il motu proprio] mi riguarda?”

C’era in particolare una disposizione nel motu proprio a cui dovevo rivolgermi, l’articolo 3, comma 2, secondo il quale il vescovo “definisce uno o più luoghi dove i fedeli aderenti a questi gruppi possono radunarsi per la celebrazione eucaristica ( non però nel chiese parrocchiali e senza l’erezione di nuove parrocchie personali)” (il corsivo è mio ).

In entrambe le situazioni che ho citato, Santa Rosa e Santa Caterina, la Messa in forma straordinaria viene celebrata nelle chiese parrocchiali. I sacerdoti lì volevano essere obbedienti e mi hanno chiesto cosa dovessero fare. Un sacerdote che mi ha inviato un’e-mail venerdì ha indicato che aveva in programma una messa straordinaria la mattina successiva.

Normalmente, quando viene promulgata una nuova legge, c’è un periodo di tempo di circa un mese in cui le persone sono informate della legge e possono apportare modifiche. Questo motu proprio ha avuto effetto immediato, e i nostri sacerdoti avevano messe in forma straordinaria programmate per il giorno successivo e la domenica. Ho detto loro di andare avanti e lunedì ho emanato il decreto che emetteva una dispensa in modo che potessero continuare a offrire la Messa in futuro. Sebbene non lo conosciamo nel diritto americano, il diritto della Chiesa si basa sul diritto europeo che consente tale dispensa in casi particolari. Questo motu proprio ha toccato subito due nostre parrocchie, poi una terza, per la quale ho emessoi un decreto separato. Il decreto non è un palese disprezzo del motu proprio, ma una dispensa che ci permette di continuare quello che stiamo facendo.

Parti del motu proprio sono confuse. Abbiamo l’articolo 3, paragrafo 2, che ho appena citato, e poi abbiamo l’articolo 3, paragrafo 5, che dice che il vescovo «proceda adeguatamente a verificare che le parrocchie canonicamente erette a beneficio di questi fedeli siano efficaci per la loro crescita spirituale e determinare se conservarli o meno”.

Se fossi autorizzato a conservare le Messe in forma Straordinaria, dove verrebbero celebrate se non nelle chiese parrocchiali? Non credo che sia intenzione del Santo Padre cacciare le persone dalle chiese e far loro celebrare la messa in una palestra o in una sala parrocchiale, o farci ridisegnare le chiese come santuari o oratori. Sto cercando di conciliare questi paragrafi nel modo più semplice e vantaggioso.

CWR: Come ha avuto il tempo di leggere e riflettere su Traditionis custodes . Cosa ne pensa?

Monsignor Paprocki: Ne ho parlato con molte persone. Chi ha consigliato il Santo Padre su questo motu proprio non lo ha consigliato bene. Come canonista che insegna alla Notre Dame Law School, posso dire che questo non è un documento ben scritto.

Credo anche che ci sia un malinteso su ciò che pensano le persone che vanno alle Messe in forma straordinaria. Nella mia esperienza, non rifiutano il Concilio Vaticano II o la validità del nuovo rito della Messa.

Vorrei sottolineare che c’è differenza tra accettare la validità del Concilio Vaticano II e credere che abbia fallito nei suoi obiettivi. Stephen Bullivant, professore di teologia e sociologia della religione alla St. Mary’s University di Londra, ha scritto il libro Mass Exodus del 2019, che è un’analisi sociologica del Concilio Vaticano II. È un giovane sulla trentina, non mosso da un senso di nostalgia, che ha affermato che se l’obiettivo del Concilio Vaticano II era quello di portare più persone nella Chiesa e ravvivare la fede cattolica, non lo ha fatto. Se si guarda al numero di persone che partecipano alla Messa oggi rispetto a prima del Concilio, il numero è diminuito drasticamente; se si guarda al numero di persone interessate a perseguire una vocazione al sacerdozio o alla vita religiosa oggi rispetto a allora, il numero è diminuito drasticamente. Conclude che il Concilio Vaticano II ha fallito nei suoi obiettivi, ma questa è una cosa diversa dal dire che il Concilio stesso era invalido. Se leggi i documenti del Vaticano II, esprimono cose che dovremmo fare, ma purtroppo non le abbiamo attuate.

Vorrei anche sottolineare che molti che sono attratti dalla Messa secondo il messale del 1962 tendono ad essere giovani. È un’idea sbagliata che coloro che la frequentano siano semplicemente dei nostalgici; questa non è stata affatto la mia esperienza. Molte delle persone anziane che hanno vissuto il Concilio sono andate avanti e stanno bene con la Nuova Messa, mentre le persone più giovani stanno scoprendo la liturgia più antica. Chi pensa che quando la vecchia generazione morirà, la Messa in latino svanirà non è realistico.

CWR: Nel rilasciare il motu proprio, il Santo Padre ha indicato che Roma aveva interpellato i vescovi di tutto il mondo riguardo alla Messa tradizionale latina. Lei è stato uno dei vescovi intervistati?

Monsignor Paprocki: Non ricordo di aver ricevuto quel questionario. Il Santo Padre ne ha fatto riferimento nel rilasciare questo motu proprio, quindi mi chiedevo se lo avessi ricevuto io stesso. Quindi ho consultato il sito Web dell’USCCB e l’ho trovato lì, datato aprile 2020. Ma non ho ricevuto nulla per posta né per e-mail che potesse richiamare la mia attenzione. Si sarebbe dovuti essere davvero proattivi nel seguire il sito Web della USCCB per vederlo. Inoltre, abbiamo avuto molto da fare in quel momento con l’inizio del COVID. Il Vaticano e l’USCCB hanno la capacità di inviare informazioni direttamente ai vescovi e, se è qualcosa di importante, di richiamare la nostra attenzione. Quindi non l’ho visto né l’ho completato.

CWR: Con tutti i problemi che la Chiesa sta affrontando, compresi i disagi causati dalla pandemia, cosa pensa abbia spinto in questo momento l’emissione del motu proprio?

Monsignor Paprocki: Non lo so, né ho idea della sua tempistica.

CWR: Che impatto pensa che avrà questo motu proprio su coloro che assisteranno alla Messa tradizionale in latino e sulla Chiesa in generale nei prossimi mesi e anni?

Monsignor Paprocki: Credo che l’obiettivo a lungo termine sia di Papa Benedetto che di Papa Francesco fosse quello di avere un rito o una forma nella Chiesa latina, ma hanno approcci diversi su come ciò potrebbe accadere. Papa Benedetto ha istituito due forme su binari paralleli, nella speranza che un giorno un futuro papa le fondesse in un’unica forma. L’approccio di Papa Francesco è quello di limitare la Messa tradizionale in latino nella speranza che un giorno svanisca. Tuttavia, non credo che svanirà.

Il problema non è stato risolto, ma le tensioni sono aumentate. Se non fosse stato emanato il motu proprio, la Messa tradizionale in latino sarebbe andata avanti tranquillamente, ma ora è stata portata alla ribalta.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email