San Tommaso d'Aquino
San Tommaso d’Aquino

 

 

di Daniele Trabucco

 

La concezione tomista della legge e, in generale, dell’Ordine domenicano è, com’é noto, di tipo intellettualistico in quanto il suo valore orientatore è quello della razionalitá: a qualunque livello (“lex aeterna”, “lex divina”, “lex naturalis” e “lex humana”) la legge è sempre “ordinatio rationis ad bonum commune”, ossia espressione della ragione che tende alla beatitudine senza fine. Viceversa, all’interno dell’ Ordine francescano, l’attenzione per la virtú teologale della caritá si traduce, sul piano filosofico, nell’esaltazione della volontá. Alla prospettiva domenicana intellettualistica si contrappone così quella francescana volontaristica. Questa corrente, che si sviluppa principalmente in Inghilterra, vede tra i suoi esponenti le figure di Ruggero Bacone (1220-1292), Giovanni Duns Scoto (1265-1308) e Gugliemo d’Ockam (1287-1347). In particolare, lo schema di Scoto e di Ockam é il seguente: la legge, nella sua essenza, è espressione della “voluntas divina” (della volontá divina), ma poiché la volontá è il fondamento e la base della libertá e Dio é l’assolutamente libero, Egli dá all’uomo determinate leggi le quali sono buone perchè Dio le ha date. Questo significa, e il pensiero di Ockam radicalizza il punto di partenza diversamente da Scoto, che tutta la “lex naturalis” (la legge naturale è composta dai precetti divini) è esclusivamente espressione della “lex” divino-positiva e, dunque, ogni cosa è buona o cattiva nella misura in cui sia stata comandata o proibita da Dio. Se Egli avesse comandato all’essere umano di odiarlo anziché di amarlo, l’uomo si comporterebbe in modo eticamente corretto odiando Dio. Questa prospettiva, declinata in termini filosofici, è pericolosissima in quanto comporta una separazione netta e radicale tra la persona umana ed il Creatore. Morale e diritto cadono in questo modo in una concezione meramente legalistica e “positivistica”: la legge, infatti, finisce per coincidere con il diritto positivo sia pure divino (cfr. Todescan). Mentre in Tommaso d’Aquino (1225-1274) la ragione assume una funzione costruttiva, dialogica ed idonea a cogliere la legge naturale (che non è nè anonima, nè astratta essendo manifestazione della legge eterna nella creatura razionale) intesa quale realtá mediatrice tra Dio e la sua ragione imprescrutabile (la “lex aeterna”) da una parte ed il mondo storico (la “lex humana”) dall’altra, nel pensiero ockamiano la ragione acquista unicamente un ruolo ricognitivo, cioé si limita a prendere atto di una realtá di tipo teologico. Quali le conseguenze? È evidente che il volontarismo contiene giá in sè i germi del razionalismo per cui se si presenta una fattispecie concreta, un caso, non compreso nella legge divino-positiva, o si nega il problema senza aver fornito una soluzione, oppure si elabora una risposta in chiave non piú volontaristica assolutizzando la ragione stessa che giunge a porsi al di sopra e al di lá di Dio. Le premesse della modernitá e del diritto naturale “laico” di Ugo Grozio (1583-1645) ci sono tutte…

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments