In Italia sta venendo alla luce quello che è realmente successo tra alcuni personaggi politici che hanno gestito i lockdown in Italia e alcuni personaggi del Comitato Tecnico Scientifico che aveva il compito di dare consulenza scientifica al Governo. E stanno venendo fuori delle belle. E’ anche quello che sta avvenendo nel Regno Unito. Ecco le interessanti considerazioni del prof. Ramesh Thakur che possono essere senz’altro utili per giudicare quello che sta accadendo in Italia. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ramesh Thakur e pubblicato su Brownstone Institute. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

 


All’inizio lentamente, ma nelle ultime settimane con un ritmo apparentemente crescente, sono emerse due tendenze. Da un lato, molte delle affermazioni alla base dei “lockdown”, delle mascherine e dei vaccini si stanno sgretolando e la narrazione prevalente si è ritirata su tutti e tre i fronti. Ma la strada da percorrere è ancora lunga, come dimostra il rifiuto dell’amministrazione Biden di far giocare Novak Djokovic a Indian Wells.

D’altra parte, gli esplosivi dossier sul lockdown nel Regno Unito hanno fatto saltare in aria la narrazione ufficiale. Noi scettici avevamo ragione nei nostri oscuri sospetti sulle motivazioni, le basi scientifiche e le prove che stavano dietro alle decisioni del governo, ma nemmeno noi avevamo capito fino in fondo quanto fossero venali, malvagi e assolutamente sprezzanti nei confronti dei loro cittadini alcuni dei bastardi che si occupano della nostra salute, delle nostre vite, dei nostri mezzi di sussistenza e del futuro dei nostri figli. “L’inferno è vuoto e tutti i diavoli sono qui” (Shakespeare, La Tempesta). Dovranno costruire un nuovo girone infernale per ospitare tutti gli autori del male che si sono scatenati nel mondo dal 2020.

Un errore è quando si rovescia il caffè o si prende la rampa di uscita sbagliata dell’autostrada. Il Lockdown è stata una politica spinta con forza dai politici e dai responsabili della sanità anche contro il dissenso scientifico e la sostanziale opposizione dell’opinione pubblica, utilizzando gli strumenti del libro dei giochi di ogni tiranno: disinformazione e menzogna, attaccando e censurando la verità. La profondità dell’opposizione pubblica è stata misconosciuta perché i media, che si occupano di paura, si sono messi d’accordo per non riportare le proteste.

Gli errori veri e propri sono stati pochi e sono perdonabili. La maggior parte erano distorsioni deliberate della realtà, vere e proprie falsità e una campagna sistematica per terrorizzare le persone e costringerle a rispettare diktat arbitrari, intervallati da sforzi per diffamare, mettere a tacere e cancellare tutti i critici, utilizzando tutti i poteri dello Stato per cooptare, corrompere e intimidire. Il tutto per perseguire la più folle politica pubblica dei tempi moderni, perché ha ignorato i canoni esistenti di pianificazione delle pandemie nel panico cieco proprio quando la calma era più necessaria. Definire il lockdown un errore significa banalizzare lo shock subito dalla società.

Prima di arrivare a questo punto, alcune osservazioni preliminari per riassumere il punto in cui ci troviamo.

Ciò che è ormai noto e generalmente, ma non universalmente, ammesso

Il Covid è ormai endemico. Circolerà in tutto il mondo e continuerà a tornare con varianti mutevoli. Le persone che sono state infettate e/o vaccinate possono contrarla e trasmetterla. Di conseguenza, non abbiamo altra scelta che imparare a conviverci. L’importante è assicurarsi che si imparino le giuste lezioni politiche, in modo che mai più, né per un nuovo coronavirus né per qualsiasi altra malattia infettiva, si percorra la strada della follia delle politiche pubbliche, che consiste nel rinchiudere un’intera città o un intero Paese dopo la scoperta di 1-10 casi e nel far crollare tutte le attività sociali, culturali ed economiche, o nel dare il potere e il controllo totale a sociopatici e psicopatici.

Nel frattempo, ciò che colpisce particolarmente è il numero di sospetti espressi dagli scettici a partire dall’inizio del 2020 e derisi come teorie della cospirazione, che si sono trasformati in affermazioni plausibili e fatti accettati:

  1. Il virus potrebbe aver avuto origine nel laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan;
  2. La modellazione del Covid è stata scorretta e ha presentato i casi anomali come scenari ragionevoli;
  3. Le misure di lockdown non funzionano;
  4. I lockdown uccidono a causa di conseguenze perverse e infliggono altri danni, tra cui l’interruzione delle campagne di immunizzazione dei bambini nei Paesi in via di sviluppo, che sono fondamentali per la vita;
  5. La chiusura delle scuole è una politica particolarmente sbagliata. Non hanno frenato la trasmissione, ma hanno causato danni a lungo termine all’istruzione, allo sviluppo e al benessere emotivo dei bambini;
  6. Le mascherine sono inefficaci. Non bloccano né l’infezione né la trasmissione;
  7. L’infezione conferisce un’immunità naturale efficace almeno quanto la vaccinazione;
  8. I vaccini Covid non bloccano l’infezione, l’ospedalizzazione o addirittura la morte;
  9. I vaccini Covid non bloccano la trasmissione;
  10. La sicurezza dei vaccini che utilizzano le nuove tecnologie non è stata definitivamente stabilita, né a breve né a lungo termine;
  11. I danni dei vaccini sono reali e sostanziali, ma i segnali di sicurezza sono stati sommariamente respinti e ignorati;
  12. I vaccini a mRNA non sono limitati al braccio, ma si diffondono rapidamente in altre parti, compresi gli organi riproduttivi, con conseguenze potenzialmente negative per la fertilità e le nascite;
  13. L’equazione danni-benefici dei vaccini è, come il carico di malattia stesso, fortemente differenziata per età. I giovani sani non hanno avuto bisogno di dosi iniziali o di richiamo;
  14. Gli obblighi di vaccinazione non aumentano l’adozione dei vaccini;
  15. Gli obblighi vaccinali possono alimentare l’esitazione nei confronti di altri vaccini;
  16. La soppressione delle voci scettiche e dissenzienti diminuirà la fiducia nei funzionari, negli esperti e nelle istituzioni della sanità pubblica, e forse anche negli scienziati in generale;
  17. Le stime di “Covid lungo” sono state gonfiate (stima del CDC del 20% delle infezioni da Covid contro la stima dello studio britannico del 3%) utilizzando sintomi generalizzati e non specifici come lieve affaticamento e debolezza;
  18. Gli interventi di politica sanitaria comportano compromessi come tutte le altre scelte politiche. L’analisi costi-benefici è quindi un prerequisito essenziale, non un’aggiunta opzionale.

 

I dossier sul Lockdown

Gli ultimi tre anni hanno visto la perdita di milioni di vite umane e altre decine di milioni devono ancora essere conteggiate nei prossimi anni, la distruzione di stili di vita civili, la distruzione di libertà precedentemente inviolate, la trasformazione delle libertà civili in privilegi da concedere a seconda dei capricci dei burocrati, la corruzione delle forze dell’ordine in teppisti di strada che brutalizzano le stesse persone che hanno giurato di servire e proteggere, la distruzione di aziende, la distruzione di economie, la violazione dell’integrità corporea.

I dossier sul Lockdown, un tesoro di oltre 100.000 messaggi WhatsApp in tempo reale tra tutti i principali responsabili politici del Covid in Inghilterra mentre Matt Hancock era Segretario alla Sanità (2020-26 giugno 2021), offrono una finestra impareggiabile e avvincente sull’arroganza amorale e cinica che circola nei corridoi del potere. Il flusso quotidiano di rivelazioni del Telegraph è come guardare con orrore affascinato un disastro ferroviario al rallentatore. Lo schadenfreude non è più delizioso.

I fascicoli sono pieni di commenti stravaganti, di prese in giro e di disprezzo per i cittadini. Tra le rivelazioni sul governo Johnson:

  • Il governo sapeva che non c’erano “solide motivazioni” per includere i bambini nella “regola dei sei” (il numero massimo di persone che possono incontrarsi in un dato momento), ma ha sostenuto comunque questa politica controversa.
  • Le mascherine sono state introdotte nelle scuole secondarie in Inghilterra dopo che a Johnson è stato detto che “non valeva la pena discutere” con la scozzese Nicola Sturgeon sulla questione, nonostante il Chief Medical Officer (CMO) inglese Chris Whitty avesse detto che non c’erano “ragioni molto forti” per farlo. In altre parole, i calcoli politici sono stati consapevolmente anteposti ai bisogni degli studenti.
  • Un piano per eliminare le restrizioni è stato abbandonato dopo che a Johnson è stato detto che sarebbe stato “troppo avanti rispetto all’opinione pubblica”.
  • I consulenti sono stati pagati più di un milione di sterline al giorno per più di un anno per il programma di test e tracciamento, totalmente inefficace, trasformando il programma in un’appropriazione indebita di fondi pubblici per riempire tasche private. 

Oggi sappiamo quanto la classe politica, burocratica, scientifica e giornalistica fosse ubriaca di tirannia durante la pandemia. Le élite al potere, liberate dalla responsabilità democratica e dal controllo dei media, si sono trasformate senza problemi in piccoli tiranni moralmente cavillosi e disumani. Avversando modi di pensare alternativi al di fuori della camera dell’eco, hanno sviluppato una nevralgia nei confronti di qualsiasi idea che potesse sfidare il fanatismo del lockdown.

Gli scettici del lockdown, come gli autori della Dichiarazione di Great Barrington (GBD), che sostenevano la necessità di proteggere gli anziani e le persone fragili, sono stati demonizzati come pericolosi “negazionisti di Covid” che volevano “farla finita” in una strategia insensibile e crudele di immunità di gregge. Ma i funzionari governativi le cui politiche hanno avuto un impatto diretto e catastrofico sulla salute degli anziani e dei fragili sono stati trattati come eroi e voci ineccepibili di autorità morale.

 

Sociopatico, psicopatico o entrambi?

Tra le rivelazioni su Hancock:

  • Più di 40.000 residenti di case di cura in Inghilterra sono morti con il Covid. Nell’aprile 2020 Whitty consigliò a Hancock di sottoporre a test tutti coloro che entravano nelle case di cura. Ha rifiutato il consiglio perché la capacità di analisi era limitata e, per ragioni politiche, ha dato priorità al raggiungimento del suo grandioso obiettivo autoimposto di 100.000 test giornalieri nella comunità generale a basso rischio piuttosto che proteggere i residenti delle case di cura, nonostante le ripetute affermazioni di aver gettato un “anello protettivo” intorno alle case. I pazienti dimessi dagli ospedali nelle case di cura sono stati sottoposti a test, ma non quelli provenienti dalla comunità. In altre parole, la “protezione mirata” del GBD era la strada giusta da seguire. Invece Hancock ha sminuito il GBD e sminuito i suoi tre eminenti autori epidemiologi.
  • Il ministro dell’Assistenza sociale Helen Whateley ha detto a Hancock che l’interruzione delle visite alle case di cura da parte dei coniugi era “disumana” e rischiava di far “arrendere” gli anziani residenti dopo un isolamento prolungato, ma lui si è rifiutato di cedere.
  • Nel novembre 2020 ha respinto il consiglio di passare dalla quarantena Covid di 14 giorni per le persone che sono state a stretto contatto con un’infezione a cinque giorni di test, perché “implicherebbe che ci stiamo sbagliando”. Si parla di una fallacia dei costi sommersi. In totale, a oltre 20 milioni di persone è stato detto di auto-isolarsi anche se non presentavano sintomi. Mi sento vendicato per aver rifiutato categoricamente di aderire al goffo programma australiano di test e tracciamento.
  • Durante una discussione su come garantire che il pubblico si conformasse alle restrizioni di isolamento in continua evoluzione, Hancock suggerì: “Spaventiamo tutti a morte” e nacque il Progetto Paura. Simon Case, il funzionario più anziano del Regno Unito, ha dichiarato che il “fattore paura/colpa” è stato “vitale” per “aumentare il messaggio” durante il terzo lockdown del gennaio 2021.
  • Informati della comparsa della variante alfa/Kent nel dicembre 2020, Hancock e i suoi collaboratori hanno valutato il momento ideale per “dispiegare” la nuova variante al fine di sostenere la paura del pubblico nei confronti del virus per assicurare il continuo rispetto delle direttive.
  • Un membro del suo team ha chiesto se potevano “rinchiudere” Nigel Farage dopo che aveva twittato un video di se stesso in un pub del Kent, perché il fastidioso politico era una spina nel fianco del governo.
  • Hancock e Case hanno preso in giro le persone costrette a isolarsi negli hotel in quarantena, scherzando sul fatto che i viaggiatori di ritorno vengono “rinchiusi” in stanze “a scatola chiusa”. Case avrebbe voluto “vedere alcune delle facce delle persone che uscivano dalla prima classe ed entravano in una scatola di scarpe del Premier Inn”. Informato da Hancock che 149 persone erano entrate negli “Hotel di quarantena per loro volontà”, Case ha risposto: “Esilarante”.
  • Hancock combatté furiose battaglie interne per accaparrarsi la ribalta mediatica del vaccino. Si pavoneggiò delle sue foto sui media e si vantò di come la pandemia avrebbe potuto spingere la sua carriera “nella serie successiva”.
  • Ha detto agli altri ministri di “andare pesante con la polizia” per far rispettare le restrizioni di lockdown e poi si è vantato che “la polizia ha ricevuto i suoi ordini di marcia”. Ciò solleva interrogativi sulla legalità di interferire con le istruzioni operative della polizia.
  • Inebriato dalla propria genialità e infallibilità, Hancock ha attaccato lo zar dei vaccini Dame Kate Bingham, il capo del Servizio Sanitario Nazionale (NHS) Lord Stevens e l’amministratore delegato del Wellcome Trust (e ora scienziato di punta dell’OMS) Sir Jeremy Farrar.
  • Insieme ai suoi collaboratori, con l’aiuto di un foglio di calcolo segreto, ha organizzato un piano per negare ai parlamentari ribelli del partito i finanziamenti per i progetti più importanti nelle loro circoscrizioni se non si fossero allineati, tra cui un nuovo centro per bambini e adulti disabili.

Posso quindi riferirmi a questo commento online su una di queste storie del Telegraph: “Hancock era intellettualmente ritardato prima della pandemia e lo è ancora adesso, ma con più melma e un po’ di puzza”. O, per dirla con un linguaggio più tecnico: Hancock si presenta come un totale coglione guidato dall’ego.

Lo Stato ha criminalizzato attività quotidiane come sedersi su una panchina nel parco, passeggiare sulla spiaggia e incontrarsi con la famiglia allargata. La messaggistica sulla salute pubblica è stata usata come arma per normalizzare e sacralizzare i livelli di isolamento sociale che distruggono lo spirito. Persino la Stasi della Germania Est non impediva agli anziani di abbracciare i nipoti. I pazienti anziani sono stati costretti a morire da soli e ai familiari superstiti è stato vietato di dare l’ultimo saluto e negato il conforto di un funerale completo.

Hancock è riuscito a farla franca nell’esercizio della sua brama di potere perché il suo primo ministro, Boris Johnson, si è dimostrato pigro, debole e vacillante. La vivida descrizione di Johnson fatta da Dominic Cummings, collaboratore di primo piano licenziato – un “carrello della spesa” fuori controllo che sbanda da una parte all’altra della corsia di un supermercato, a seconda dell’ultimo interlocutore – è stata ampiamente convalidata dai file trapelati. L’istintivo libertario si è rapidamente trasformato da scettico in zelante.

 

Lezioni

I dossier Lockdown confermano che la politica ha influenzato i politici nella maggior parte delle decisioni chiave su come gestire la pandemia. Di conseguenza, mentre gli specialisti medici possono discutere i dettagli tecnici dei diversi approcci medici, gli specialisti politici dovrebbero essere tra i principali valutatori nel valutare le giustificazioni, i risultati e l’efficacia degli interventi politici.

I quadri, i processi e le garanzie istituzionali esistenti, in base ai quali le democrazie liberali hanno operato fino al 2020, hanno garantito l’espansione delle libertà, la crescita della prosperità, uno stile di vita invidiabile, una qualità della vita e risultati educativi e sanitari senza precedenti nella storia dell’umanità. Abbandonarle a favore di un piccolo gruppo di decisori strettamente centralizzato e svincolato da qualsiasi controllo esterno, contestabilità e responsabilità ha prodotto un processo disfunzionale e risultati subottimali: guadagni molto modesti a fronte di un dolore molto duraturo.

Quanto prima torneremo alla convinzione che un buon processo assicura risultati migliori a lungo termine e agisce come un controllo contro i risultati subottimali, oltre a frenare gli abusi di potere e lo spreco di fondi pubblici, tanto meglio sarà.

Gli interventi radicati nel panico, guidati da macchinazioni politiche e che utilizzano tutte le leve del potere statale per terrorizzare i cittadini e imbavagliare i critici, alla fine hanno ucciso inutilmente un numero massiccio di persone più vulnerabili, mentre hanno messo agli arresti domiciliari la grande maggioranza a basso rischio. I benefici sono discutibili, ma i danni sono sempre più evidenti. Il governo Johnson in generale e Hancock in particolare confermano l’astuta osservazione di Lord Acton secondo cui il potere corrompe e il potere assoluto corrompe in modo assoluto.

Non hanno seguito la scienza, ma l’ego e le ambizioni di carriera di Hancock. Ha sfruttato la pigrizia e la superficialità “impressionante” di Johnson. I dossier su Lockdown rivelano un governo disonesto che considerava e trattava il popolo come un nemico. Il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Australia non hanno bisogno di un’inchiesta che si protragga per anni, concentrata su piccoli dettagli e che trascuri il quadro generale, con la conclusione banale che le lezioni saranno apprese ma la colpa non può essere attribuita. Abbiamo invece bisogno di accuse penali, e quanto prima tanto meglio.

Il più importante funzionario pubblico britannico si è comportato più come un politico di parte che come un funzionario apolitico, neutrale e fedele al governo eletto del giorno. La parzialità, l’immaturità, la scarsa capacità di giudizio e la mancanza di volontà di sostenere il premier con informazioni accurate, equilibrate e imparziali erano tali da giustificare il licenziamento immediato. La sua arroganza è tale che non ha ancora presentato le dimissioni nonostante la pubblicazione di questi terribili scambi con Hancock, che aveva di fatto preso il controllo del governo.

Il fatto che, mentre le rivelazioni “assolutamente vergognose” venivano fuori, il premier Rishi Sunak insistesse che Case aveva la sua fiducia, dimostra la sua scarsa capacità di giudizio.

Un processo difettoso ha prodotto risultati negativi.

In una versione moderna del sacrificio di vergini per placare gli dei virali, i giovani hanno perso molti anni della loro vita per comprare qualche mese in più di solitudine e miseria per gli anziani malati.

Se le ingenti somme destinate a Covid fossero state reindirizzate alle principali malattie killer e al potenziamento delle infrastrutture sanitarie pubbliche, utilizzando il metodo standard degli anni di vita corretti per la qualità (QALY), nei prossimi decenni si sarebbero evitati molti milioni di morti in tutto il mondo.

Se non teniamo conto delle lezioni degli ultimi tre anni, saremo condannati a ripeterle, non solo per nuove pandemie di malattie infettive, ma anche per altre crisi come l'”emergenza clima”.

Ramesh Thakur

 

Ramesh Thakur, Senior Scholar del Brownstone Institute, è ex assistente del Segretario generale delle Nazioni Unite e professore emerito presso la Crawford School of Public Policy dell’Australian National University.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments