Ma Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Greg Cook e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papa San Giovanni Paolo II
Papa San Giovanni Paolo II

 

“Il mio corpo, la mia scelta” sono le parole spesso associate ai favorevoli all’aborto. “Il mio corpo, i miei diritti” è lo slogan della campagna di Amnesty International per il diritto degli individui a fare le proprie scelte sulla salute, sul corpo e sulla vita sessuale. E così, oggi abbiamo una società in cui l’aborto, il transgenderismo, la maternità surrogata e varie forme di manipolazione della fertilità sono diventate o stanno diventando la “norma”.

Ci si può chiedere dove finiranno tutti questi omicidi e sfruttamenti del corpo. La risposta è semplice: Finiranno solo quando torneremo alle fondamenta della creazione della vita umana e al nostro Creatore. Il nostro corpo non è innanzitutto nostro, ma di Dio: “O non sapete che il vostro corpo è tempio dello Spirito Santo che è in voi e che avete da Dio? Non siete padroni di voi stessi, perché siete stati comprati a caro prezzo. Perciò glorificate Dio nel vostro corpo” (1 Corinzi 6:19-20 ESV).

La catechesi di Papa Giovanni Paolo II sugli esseri umani e la sessualità, ora nota come Teologia del Corpo (TcC), si basava sull’insegnamento tradizionale sui due sessi, aggiungendo gli scritti di Papa Wojtyla sull’amore, la responsabilità, la complementarietà e l’amore coniugale come dono di sé. La maggior parte di quest’opera sottolinea che gli esseri umani sono dotati di dignità e sono benedetti dall’avere sia un corpo che un’anima. Alcuni nella Chiesa pensavano che gli insegnamenti del Papa polacco fossero un po’ troppo franchi; ma mentre ci sono ancora critici della TcC, l’insegnamento ha guadagnato un’ampia accettazione come sano, realistico e cattolico.

Tre recenti sviluppi suggeriscono che la TcC deve essere riscoperta. Per esempio, mentre la nota dottrinale dell’USCCB sul cattolicesimo e il corpo sembra essere fermamente contraria al flagello del transgenderismo, la risposta della Catholic Health Association è equivoca. La cosiddetta maternità surrogata (affitto dell’utero di una donna) e varie forme di manipolazione della fertilità stanno corrodendo le nozioni sulla genitorialità. E su una questione meno seria, ma comunque spinosa, l’arcidiocesi di Vienna sta promuovendo l’interesse dei cattolici per i tatuaggi, forse come modo per sembrare alla moda o rilevanti.

La TcC di Giovanni Paolo II era ancorata a un’antropologia ancora riconoscibilmente radicata nel cattolicesimo, mentre gli ultimi sviluppi sembrano trattare il corpo come una piattaforma. Proprio come la sinistra neo-marxista e post-decostruttiva ha attaccato la grammatica accettata di molte lingue inventando o abusando dei pronomi, allo stesso modo sta attaccando la saggezza ricevuta e manifesta sul corpo umano. Come nota l’USCCB, “Papa Benedetto XVI ha spiegato che il mondo naturale ha un “ordine intrinseco”, una “grammatica” che “stabilisce i fini e i criteri per il suo uso saggio, non per il suo sfruttamento sconsiderato”” (1-2).

Il nostro corpo è nostro e ne siamo responsabili fino a un certo punto. La dichiarazione dell’USCCB continua: “Il corpo non è un oggetto, un mero strumento a disposizione dell’anima, di cui ciascuno può disporre secondo la propria volontà, ma è una parte costitutiva del soggetto umano, un dono da ricevere, rispettare e curare come qualcosa di intrinseco alla persona” (5). Questo documento si basa sull’insegnamento magisteriale di Pio XII e di altri, delineando i limiti dell’intervento medico in termini di riparazione di un difetto o di sacrificio di una parte per salvare il tutto.

L’USCCB pone il limite all'”alterazione dell’ordine fondamentale del corpo” (9) attraverso l’ingegneria genetica o la sostituzione transumanista del corpo dato con parti cibernetiche. Ma si concentra soprattutto sulla manipolazione dei transgender: “Questi interventi comportano l’uso di tecniche chirurgiche o chimiche che mirano a scambiare le caratteristiche sessuali del corpo di un paziente con quelle del sesso opposto o con una loro simulazione” (10). La dichiarazione sottolinea l’incompatibilità di tali interventi con l’assistenza sanitaria cattolica, che rispetta il dono di Dio del corpo come immutabile e non da personalizzare a nostro piacimento. Pur riconoscendo che esistono molte forme di sofferenza, anche in coloro che “si identificano come transgender” (12, n.), questo documento afferma che solo perché possiamo fare alcune cose, non significa che dovremmo farlo.

A questa affermazione, la Catholic Health Association (CHA) degli Stati Uniti (il cui motto è “A Passionate Voice for Compassionate Care”), nella sua breve “Dichiarazione sulla Nota dottrinale sui limiti morali alla manipolazione tecnologica del corpo umano”, non sembra così sicura come i vescovi della USCCB. La retorica di questa dichiarazione non è impegnativa, sembra affermare i principi cattolici; ma ad una lettura attenta, è piena di allusioni al fatto che i fornitori potrebbero essere liberi di fare ciò che ritengono opportuno per affermare la dignità umana.

Suor Mary Haddad, RSM, presidente e amministratore delegato della CHA, afferma che:

In quanto ministeri al servizio del pubblico, i fornitori di assistenza sanitaria cattolica seguono anche le leggi federali e statali applicabili, che riconoscono la libertà delle istituzioni cattoliche di seguire le ERD in modi che rendono la nostra assistenza sanitaria autenticamente cattolica. Restiamo impegnati a onorare la dignità umana di tutti, compresi i pazienti transgender e le loro famiglie, e a fornire loro la migliore assistenza medica e spirituale possibile.

Questo è il linguaggio orwelliano dell’offuscamento, non la grammatica di un ordine intrinseco.

Così come il caos, il dolore e la manipolazione nel campo della fertilità oggi. Quella che una volta era la semplice storia degli uccelli e delle api si è trasformata in un incubo. Da bambini cantavamo di una coppia che vedevamo baciarsi: prima viene l’amore, poi il matrimonio, poi arriva “Joe” con la carrozzina. Ora non più. Non ci potrebbe essere una canzone per bambini degna di nota sulla fecondazione in vitro, sul congelamento degli ovuli, sull’impianto di embrioni o sulla maternità surrogata.

La CBS News ha recentemente trasmesso una serie in più parti su “Facing Fertility”, che francamente non dovrebbe essere guardata mentre si mangia. La serie ci presenta le donne che hanno difficoltà – biologiche o provocate da loro stesse – ad avere figli. Tutto questo discorso e la tecnologia non sembrano “potenziare” le donne, ma piuttosto trasformarle in semplici vettori per il prelievo o l’impianto, soprattutto quelle donne che “affittano” il loro utero per permettere alle coppie sterili o alle “coppie” gay di avere un figlio biologico.

Sia la mutilazione dei transgender che questa interferenza nel piano di Dio per la creazione di una nuova vita sono un’esperienza pesante per il cattolico medio. Il terzo esempio offre un po’ di sollievo, perché è – scusate il gioco di parole – solo una questione di pelle. Chiunque abbia occhi per vedere ha notato la proliferazione non più sconvolgente della “body art”, ovvero dei tatuaggi. Dopo aver superato un periodo di servizio in Marina negli anni ’80 senza tatuaggi, ora, in questo secolo, posso scegliere di esprimere il mio cattolicesimo attraverso i tatuaggi.

“Nell’ambito di un TATTOO WALK-IN GRATUITO”, si legge nel comunicato stampa dell’Arcidiocesi di Vienna, “gli interessati potranno scegliere da un piccolo repertorio di motivi cristiani e farseli inchiostrare dal famoso tatuatore Silas Becks di Stoccarda”. Per dare il via all’evento del 15 aprile, ci sarà “un servizio di tatuaggio per persone colorate nella Ruprechtskirche… che sarà seguito da una discussione alle 19:00 sulla posizione controversa del tatuaggio nel cristianesimo”. Ho interpretato questo come una sorta di liturgia per i tatuati. Non preoccupatevi. L’artista è un “devoto cattolico” e lo sponsor dell’evento è Quo Vadis?, un’istituzione degli Ordini religiosi dell’Austria.

Dove ci porta tutto questo? Nelle sabbie mobili dei nostri tempi corrotti, quando Frankenstein è una lettura introduttiva all’etica medica e le persone sono diventate volentieri dei cartelloni pubblicitari viventi. Come rapido antidoto, suggerisco la lettura del Cantico dei Cantici. È una storia priva di corpi manipolati chirurgicamente e senza inchiostro in vista. In breve: una teologia del corpo.

Greg Cook

 

Greg Cook è uno scrittore che vive con la moglie nel North Country di New York. Ha conseguito due master, di cui uno in amministrazione pubblica presso l’Evergreen State College. È autore di due raccolte di poesie: Against the Alchemists e A Verse Companion to Romano Guardini’s ‘Sacred Signs’.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments