fulmini, temporale mare

 

 

Tutto ghermisce,
gelido,
tra fragorosi lapilli,
neri come il nulla,
e rimbomba di tuoni
ora lontani
or più vicini
che si rincorrono,
rimbalzano,
rotolano,

bagliori di cielo
spezzato, stracciato,
minaccioso.
Poi si ripiegano,
si allontanano,
si raggomitolano
sulle palpebre
dell’orizzonte,
e aprono finestre
di sereno…

Così la pace
dopo il tumulto,
e una Voce:
che in tutto questo
perdersi
mi ha tenuto
e mi fa
ritrovare.

.
di Giorgio Canu
.
.
.
(pubblicato su giorgiocanupoesie)
Facebook Comments
image_pdfimage_print
1