Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Ted Galen Carpenter e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden - December 21 2022 (foto: REUTERS - Kevin Lamarque)
Volodymyr Zelenskiy e Joe Biden – December 21 2022 (foto: REUTERS – Kevin Lamarque)

 

Tutti i governi producono propaganda ingannevole su aspetti della loro politica estera. Tuttavia, l’amministrazione di Joe Biden sembra intenzionata a stabilire una sorta di record sia per il numero di falsità che per la loro sfacciataggine. Per quanto riguarda quest’ultima caratteristica, ne spiccano tre.

Falsità: Il mondo è unito nell’opporsi alla Russia e nel sostenere l’Ucraina. Questo vanto aveva scarsa credibilità già all’inizio della guerra tra Russia e Ucraina, e si è ulteriormente indebolito con il passare del tempo. L’affermazione dell’amministrazione si basa su due votazioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, una nel marzo 2022 e l’altra nel febbraio 2023. Queste misure hanno criticato la Russia per l’invasione dell’Ucraina, ma erano puramente simboliche, poiché non impegnavano i membri delle Nazioni Unite a intraprendere alcuna azione. Ciononostante, più del 20% dei Paesi rappresentati all’Assemblea Generale ha espresso voti negativi o astensioni, pur sapendo che una tale posizione avrebbe irritato i potenti Stati Uniti.

In termini di politiche sostanziali, c’è stato poco sostegno per una politica anti-Russia al di fuori del blocco NATO e delle dipendenze di sicurezza di lunga data di Washington in Asia orientale. Non solo grandi potenze come l’India e la Cina si sono rifiutate di imporre sanzioni contro Mosca, ma anche la stragrande maggioranza dei Paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America Latina ha mantenuto questa posizione. Per quanto riguarda la fornitura di aiuti finanziari (e ancor meno militari) a Kiev, i ranghi dei sostenitori sono ancora più esigui. Contrariamente alle compiaciute affermazioni dei funzionari dell’amministrazione Biden, su questi temi si tratta di un caso di Occidente contro gli altri.

Falsità: La guerra Russia-Ucraina fa parte di una lotta globale esistenziale tra democrazia e autoritarismo. I leader dell’amministrazione e i loro sostenitori nella camera dell’eco dei media occidentali hanno fatto questa affermazione in numerose occasioni. È falsa per diversi motivi, non ultimo il fatto che l’Ucraina non è una democrazia secondo alcuno standard ragionevole. Anche prima che il governo di Volodymyr Zelensky adottasse ulteriori misure repressive in seguito all’invasione russa del febbraio 2022, l’Ucraina riceveva voti bassi da Transparency International a causa della corruzione dilagante e una valutazione mediocre da Freedom House per quanto riguarda le libertà politiche.

Da allora, Zelensky ha messo fuori legge i partiti di opposizione e i media, ha imposto una rigorosa censura sul resto della stampa, ha vietato di fatto la Chiesa ortodossa russa e altre organizzazioni religiose con “legami con la Russia” e ha incarcerato numerose persone (compresi ex collaboratori di alto livello) con l’accusa di tradimento. Il regime ha persino creato una “lista nera” di critici nazionali e stranieri, accusandoli di essere “terroristi della disinformazione” e “criminali di guerra”.

È assurdo che l’amministrazione Biden dipinga la guerra tra Russia e Ucraina come una lotta cruciale tra democrazia e autoritarismo, quando nessuno dei due Paesi è una democrazia. Il governatore della Florida Ron DeSantis era molto più vicino al bersaglio quando inizialmente ha descritto il conflitto come una banale “disputa territoriale” che non giustificava il coinvolgimento degli Stati Uniti. Sfortunatamente, il fatto che DeSantis si sia poi rimangiato questa accurata descrizione è una misura dell’efficacia con cui la lobby ucraina intimidisce chiunque contesti la narrazione dominante pro-Kiev sulla guerra.

Falsità: Gli Stati Uniti non sono direttamente coinvolti nella guerra tra Russia e Ucraina. Quando è iniziata l’invasione russa, i funzionari dell’amministrazione Biden hanno rapidamente assicurato al popolo americano che, sebbene gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO avrebbero assistito gli sforzi di difesa di Kiev, non ci sarebbero stati “stivali sul terreno” in Ucraina. Tuttavia, documenti del Pentagono trapelati nell’aprile 2023 hanno confermato che gli Stati Uniti e diversi altri Paesi della NATO avevano decine di membri delle Forze speciali in Ucraina. In un commento sarcastico su questa rivelazione, un giornalista ha ipotizzato che forse le truppe statunitensi indossavano pantofole invece di stivali.

Anche senza una presenza di truppe di terra, gli Stati Uniti (insieme ad altri membri della NATO) sono stati profondamente coinvolti nel conflitto tra Russia e Ucraina. Lo status ufficiale di Washington come non-belligerante è farraginoso. La NATO, guidata dagli Stati Uniti, ha condotto una vera e propria guerra per procura contro la Russia. Inoltre, l’obiettivo apparente va ben oltre l’aiutare l’Ucraina a respingere l’aggressione della Russia. Il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ha candidamente confermato questo punto quando ha dichiarato che l’obiettivo di Washington è quello di “indebolire la Russia” al punto che non possa più rappresentare una minaccia per la sicurezza dell’Ucraina o di qualsiasi altra nazione. Gli Stati Uniti hanno spinto la Corte penale internazionale a perseguire Vladimir Putin per crimini di guerra. Funzionari dell’amministrazione, tra cui Biden, hanno lasciato intendere che l’obiettivo di fondo della NATO è il cambio di regime a Mosca.

Le potenze occidentali hanno fornito all’Ucraina armi sempre più potenti, tra cui missili a lungo raggio e carri armati pesanti. È evidente che gli Stati Uniti hanno anche fornito all’Ucraina informazioni sul campo di battaglia, compresi i dati di puntamento. Questa assistenza ha permesso alle forze di Kiev di abbattere un aereo da trasporto truppe russo con centinaia di persone a bordo, di uccidere numerosi generali russi e di affondare la nave ammiraglia della flotta russa del Mar Nero, tra le altre vittorie. Questo coinvolgimento rende gli Stati Uniti un belligerante nella guerra, rischiando uno scontro incredibilmente pericoloso con una Russia dotata di armi nucleari.

Il popolo americano non dovrebbe preoccuparsi di essere ingannato dal proprio governo. Per quanto riguarda la guerra tra Russia e Ucraina, invece, l’amministrazione Biden e i suoi alleati hanno sistematicamente ingannato il pubblico su diverse questioni importanti. Questo comportamento dimostra un totale disprezzo per le norme democratiche fondamentali.

Ted Galen Carpenter

 

Ted Galen Carpenter è senior fellow del Randolph Bourne Institute e senior fellow del Libertarian Institute. In 37 anni di carriera presso il Cato Institute ha ricoperto diversi incarichi politici. Carpenter è autore di 13 libri e di oltre 1.100 articoli sugli affari internazionali. Il suo ultimo libro è Unreliable Watchdog: The News Media and U.S. Foreign Policy (2022).

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments