Contiene modRNA che manipola geneticamente le cellule sane. 

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Klaus Steger e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo, molto molto utile, nella mia traduzione. 

 

vaccini DNA dottore ricercatore
Doctor with a syringe on the background of DNA.

 

Qualche anno fa, il termine “mRNA” era confinato principalmente nei circoli scientifici e nei documenti di ricerca. Allora l’uso dell’RNA messaggero sembrava promettente: Avrebbe insegnato alle cellule a creare una proteina che avrebbe avviato una risposta immunitaria contro uno specifico agente patogeno.

Oggi molti di noi hanno sentito parlare di mRNA, poiché sia il vaccino di Pfizer-BioNTech che quello di Moderna COVID-19 utilizzano l’acido ribonucleico messaggero, o mRNA, come ingrediente attivo. O almeno, questo è ciò che ci è stato detto.

In realtà, la tecnologia dei vaccini a base di RNA utilizza RNA modificato (“modRNA”), non mRNA. Questo vale per il vaccino COVID-19 e per tutti i vaccini attualmente in fase di ricerca e sviluppo. Poiché l’mRNA è così fragile che il sistema immunitario umano lo distruggerebbe in pochi minuti, l’mRNA non può essere efficace da solo. Pertanto, la tecnologia attuale è stata resa possibile solo dopo aver stabilizzato l’mRNA; il risultato è l’RNA modificato.

Inoltre, i “vaccini” a base di RNA modificato non sono vaccini, ma iniezioni basate su geni che costringono le cellule sane a produrre una proteina virale. In questo articolo esamineremo gli usi e i pericoli del modRNA.

 

Infezione naturale e vaccinazione convenzionale

Quando si è infettati naturalmente da un virus o si è ricevuto un vaccino convenzionale, il sistema immunitario identifica gli antigeni specifici del virus dalle particelle virali attive o inattivate, rispettivamente.

I due principali tipi di cellule immunitarie, le cellule T e B, si comportano in modo diverso. Le cellule T identificano le cellule infette e avviano l’apoptosi (il processo di uccisione delle cellule), mentre le cellule B producono anticorpi che si legano al virus e impediscono l’infezione di altre cellule.

Sulla superficie di ogni virus sono presenti diverse “proteine”, chiamate antigeni. Il sistema immunitario può memorizzarne più di una. Quando il virus muta e alcune proteine cambiano, il sistema immunitario può comunque riconoscerle e ucciderle. Questo fenomeno è definito immunità incrociata.

Soprattutto nel caso delle malattie respiratorie, la maggior parte degli agenti patogeni è già prevenuta dalla prima barriera naturale, la membrana mucosa. Questa barriera, tuttavia, viene aggirata quando viene somministrata un’iniezione intramuscolare (come quella di COVID-19).

 

Le cellule T e B si comportano in modo diverso a seconda che l'ospite sia stato infettato naturalmente, con un vaccino convenzionale o con un'iniezione a base di RNA. (Per gentile concessione di Klaus Steger)
Le cellule T e B si comportano in modo diverso a seconda che l’ospite sia stato infettato naturalmente, con un vaccino convenzionale o con un’iniezione a base di RNA. (Per gentile concessione di Klaus Steger)

 

Iniezioni di modRNA provocano la manipolazione genetica di cellule sane

Per proteggersi dalla distruzione da parte del sistema immunitario, l’RNA modificato (modRNA) viene confezionato in nanoparticelle lipidiche (LNP) che, grazie alle loro dimensioni ridotte e all’ottimizzazione sintetica, possono superare facilmente le barriere biologiche e raggiungere persino le cellule vitali del cuore e del cervello.

Secondo il concetto di iniezioni basate sull’RNA, l’antigene (in questo caso, la proteina spike del SARS-CoV-2) viene sintetizzato dalle nostre cellule e presentato sulla superficie cellulare, dove funge da bersaglio per la generazione di anticorpi neutralizzanti.

Tuttavia, questo meccanismo è molto problematico.

Da un lato, oltre agli anticorpi neutralizzanti desiderati, possono essere generati anticorpi non neutralizzanti, con conseguente potenziamento anticorpo-dipendente (ADE). Questo processo consente l’endocitosi dei complessi virus-anticorpo nelle cellule immunitarie dell’ospite (ad esempio, i macrofagi), causando un indebolimento del sistema immunitario. In parole povere, gli anticorpi non neutralizzanti rappresentano dei diavoli sotto mentite spoglie, che rendono l’organismo di una persona più suscettibile alle malattie legate alle iniezioni di follow-up e di richiamo.

D’altro canto, la proteina spike virale, prodotta dalle cellule dell’organismo e presente sulla superficie cellulare, agisce come un’etichetta che trasforma la cellula ricevente da amica a nemica e induce il sistema immunitario ad avviare la distruzione della cellula mediante apoptosi.

Inoltre, poiché le iniezioni a base di COVID-19 RNA forniscono solo le informazioni genetiche per la proteina spike del SARS-CoV-2, basate sulla sequenza di Wuhan, la protezione sarà inferiore all’infezione naturale, che notoriamente instaura un’immunità incrociata. Ciò avviene generando anticorpi aggiuntivi contro un’altra proteina del virus SARS-CoV-2, la proteina del nucleocapside. Date le varianti del virus – Alfa, Beta, Gamma, Delta e così via – la sequenza originale di Wuhan non esiste più. Ciò significa che gli anticorpi prodotti dal nostro sistema immunitario (basati su una sequenza virale “vecchia”) sono inefficaci contro le sequenze delle nuove varianti. Questo è un altro motivo per cui la tecnologia dei vaccini a base di RNA è e sarà sempre inferiore all’infezione naturale e ai vaccini convenzionali, poiché i virus mutano molto più rapidamente di quanto l’industria farmaceutica possa produrre nuovi vaccini adattati.

 

I pericoli delle proteine ridondanti

Le proteine rappresentano il materiale da costruzione del nostro corpo e le molecole centrali del nostro metabolismo.

Per un metabolismo funzionale, solo le proteine essenziali devono essere presenti in una cellula distinta in un momento specifico. Le proteine non necessarie devono essere assenti, perché disturbano o addirittura bloccano il regolare funzionamento del metabolismo cellulare.

Le proteine, o gli mRNA delle cellule sane, possono essere paragonate ai musicisti di un’orchestra: L’armonia dipende dalle pause dei vari musicisti, non da tutti i musicisti che suonano senza fermarsi. Allo stesso modo, l’assenza di una specifica proteina/mRNA svolge un ruolo essenziale nel metabolismo.

Poiché i modRNA sono sviluppati per la longevità e la massima efficienza e (tramite nanoparticelle lipidiche che agiscono come esosomi naturali) hanno accesso a tutte le cellule, essi contraddicono la natura degli mRNA, che sono specifici per le cellule e hanno vita breve. Nell’analogia con l’orchestra, sarebbe come dare a un musicista una grancassa e ordinargli di batterla dall’inizio alla fine, ignorando completamente il brano musicale che si sta suonando.

 

Il vaccino COVID-19 mRNA è prodotto con modRNA

L’RNA messaggero trasporta le informazioni genetiche per il progetto di una specifica proteina. Il corpo umano dispone di diversi meccanismi per impedire la codifica dell’mRNA e per favorire la degradazione dell’mRNA non più necessario.

 

L'RNA messaggero trasporta le informazioni genetiche per il progetto di una specifica proteina. (Per gentile concessione di Klaus Steger)
L’RNA messaggero trasporta le informazioni genetiche per il progetto di una specifica proteina. (Per gentile concessione di Klaus Steger)

 

Uno studio recente ha riportato che la durata prevista dell’mRNA non è di ore o giorni, come si era ipotizzato in precedenza, ma di pochi minuti. Tuttavia, la durata di vita del modRNA è lunga.

Pertanto, l’idea di base delle iniezioni a base di RNA contraddice la natura dell’mRNA sotto tutti gli aspetti, poiché il modRNA è stato ottimizzato per ottenere la massima efficienza di traduzione e la massima durata di vita. Non c’è alcun motivo per cui qualsiasi cellula del nostro corpo, comprese le cellule vitali del cuore e del cervello, debba produrre il maggior numero possibile di molecole di una proteina virale estranea per il maggior tempo possibile, trasformando inoltre questa cellula in un bersaglio da attaccare e distruggere da parte del nostro sistema immunitario.

Per garantire che l’mRNA possa rimanere più a lungo nel corpo del ricevente, i produttori del vaccino COVID-19 hanno modificato l’mRNA utilizzando il modRNA.

 

Il modRNA: Un cavallo di Troia che potrebbe essere peggiore della malattia

 

Come funzionano le iniezioni a base di RNA. (Per gentile concessione di Klaus Steger)
Come funzionano le iniezioni a base di RNA. (Per gentile concessione di Klaus Steger)

 

Anche se il modRNA codifica per la proteina spike del SARS-CoV-2, l’obiettivo non è mai stato quello di imitare l’RNA virale, che il nostro sistema immunitario distruggerebbe immediatamente, ma di adattarlo alla struttura dell’mRNA umano.

Il “falso” mRNA-modRNA può presentare tre problemi:

1. Può aumentare gli errori durante la produzione di proteine spike
È stato riportato che la metil-pseudouridina sintetica, che sostituisce l’uridina naturale, aumenta il tasso di errori di trascrizione, ovvero un errore ogni 4.000 nucleotidi, un errore per ogni molecola di “vaccino” sintetizzata.

2. I principi attivi variano notevolmente da un lotto all’altro
Un altro fattore di preoccupazione è il “livello di tolleranza” insolitamente ampio dell’ingrediente attivo. La concentrazione di modRNA varia da 0,37 mg/ml a un massimo di 0,63 mg/ml (pdf), come riportato nel rapporto di valutazione dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA). Una tale variazione è molto insolita per un farmaco.

Inoltre, il vaccino richiede che solo un minimo del 50% del modRNA sia presente come molecola intatta con una sequenza completa, il che significa che ci può essere una variazione fino a 3,4 volte della sostanza attiva presente in lotti diversi.

Poiché una dose di Comirnaty (Pfizer-BioNTech) rappresenta 0,3 ml contenenti 30 microgrammi di principio attivo, per ogni iniezione vengono trasferiti nell’organismo circa 13 trilioni di molecole di modRNA.

Il terzo problema è ancora più preoccupante.

3. Questo modRNA potrebbe essere incorporato nel genoma umano
Secondo la narrazione politica, l’mRNA dei vaccini COVID-19 non entra nel nucleo cellulare, dove si trova il DNA umano. La narrazione insiste anche sul fatto che i vaccini COVID-19 non contengono trascrittasi inversa, precludendo così del tutto la trascrizione inversa dell’mRNA in DNA con il successivo trasporto nel nucleo e l’incorporazione nel genoma dell’ospite. Due pubblicazioni hanno smentito questa affermazione.

È noto che lo sperma contiene alti livelli di LINE1 (pdf).

Sebbene i risultati precedenti si basino su studi in colture cellulari, l’inserimento nel genoma umano è possibile, un fatto che è già stato dimostrato in modo impressionante dall’evoluzione, poiché è noto che fino all’8% del genoma umano non proviene dai nostri antenati, ma da retrovirus. Come precedentemente dimostrato, la trascrizione inversa con successiva integrazione del genoma è possibile anche per il SARS-CoV-2 come virus a RNA a singolo filamento utilizzando LINE1.

 

Il modRNA e i suoi sottoprodotti segreti

I cosiddetti “vaccini a base di RNA” di Pfizer-BioNTech e Moderna contengono impurità di DNA oltre al principio attivo modRNA.

Come si legge nel rapporto di valutazione dell’EMA, “il principio attivo del BNT162b2 [vaccino Pfizer] è prodotto mediante trascrizione in vitro utilizzando un modello di DNA lineare, prodotto tramite DNA plasmidico da cellule di Escherichia coli trasformate”. In uno studio molto recente, i ricercatori hanno dimostrato che la contaminazione da DNA nelle iniezioni di Pfizer-BioNTech e Moderna è in media di 9,1 ng/µl di concentrazione media di DNA contro 33,4 ng/µl di concentrazione media di RNA. Ciò significa che circa un quarto (9,1 / 33,4 x 100 = 27,3%) degli acidi nucleici presenti nelle fiale analizzate può essere attribuito a impurità di DNA. Allo stesso tempo, la sostanza attiva modRNA rappresenta i restanti tre quarti.

I plasmidi sono molecole di DNA circolari che possono replicarsi da sole. Si presume che questo non sia il caso del DNA linearizzato. Sebbene la proporzione di plasmidi di DNA circolari e compatibili con la replicazione rispetto ai modelli di DNA lineari per la trascrizione in vitro del modRNA sia ancora sconosciuta, la concentrazione di DNA non solo supera di diversi ordini di grandezza il limite di 330 ng/mg, come specificato dall’EMA, ma implica anche il trasferimento di miliardi di molecole di DNA per ogni iniezione dei cosiddetti “vaccini a base di RNA”.

Ciò comporta le due seguenti conseguenze:

  1. I plasmidi comprendono generalmente sequenze che codificano per la resistenza agli antibiotici; questo è essenziale per il processo di produzione per evitare la riproduzione di altri batteri, che non contengono le sequenze che codificano per la proteina spike. In questo caso, la kanamicina può essere scambiata con altri batteri, aumentando il rischio di sviluppare germi multiresistenti.
  2. Le impurità del DNA possono potenzialmente incorporarsi nel genoma della cellula ricevente e, di conseguenza, causare mutazioni seguite da un’espressione genica aberrante. La trascrizione inversa da parte di LINE1 non è più un passaggio obbligatorio per l’integrazione delle sequenze codificanti le proteine spike nel genoma. La trascrizione inversa del modRNA nel DNA seguita dall’integrazione nel genoma è la via più lunga. Tuttavia, potrebbe esistere un’ulteriore via breve: l’integrazione diretta di DNA contaminanti. Entrambe le sequenze (RNA e DNA) codificano per la proteina spike.

Infine, il processo di trascrizione in vitro produrrà anche specie di RNA tronche come impurità legate al prodotto, che porteranno alla sintesi di proteine spike imperfette.

 

Riassunto


Il vaccino a base di mRNA somministrato da COVID è un modRNA, ottimizzato per la longevità e l’efficacia traslazionale, che contraddice la natura dell’mRNA.

Il modRNA costringe cellule perfettamente sane a produrre una proteina virale, trasformando queste cellule da amiche a nemiche. Pertanto, le iniezioni a base di RNA non sono affatto vaccini, ma manipolazioni genetiche. Ciò mette certamente in discussione la narrativa politica di una potente prossima generazione di vaccini.

Le potenziali conseguenze negative sono ancora lontane dall’essere comprese. Numerosi effetti avversi sono già diventati evidenti, spostando inequivocabilmente il rapporto costi-benefici della tecnologia dei vaccini a base di RNA per l’applicazione di massa verso il lato negativo.

Klaus Steger

 

Ringraziamenti
Si ringrazia il prezioso supporto e la discussione con Andreas Schnepf, Università di Tubinga.

 

Klaus Steger, Ph.D., è un biologo molecolare con un focus di ricerca sulla regolazione genetica ed epigenetica dell’espressione genica durante lo sviluppo normale e aberrante dello sperma. Negli ultimi 30 anni, i suoi progetti di ricerca sono stati costantemente finanziati dalla Fondazione tedesca per la ricerca, mentre ha diretto diversi laboratori di ingegneria genetica che applicavano regolarmente tecnologie basate sull’RNA. È stato professore di anatomia e biologia cellulare all’Università di Giessen, in Germania, per 23 anni prima di andare in pensione quest’anno. Ha conseguito un dottorato in scienze naturali presso l’Università di Regensburg.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments