Di seguito un articolo del dott. Joel S. Hirschhorn, già professore ordinario presso l’Università del Wisconsin, Madison, pubblicato sul suo Substack. 

Eccolo nella mia traduzione. 

 

cellule cancerose cancro

 

Quello che la maggior parte delle persone ha sentito sui decessi e le malattie causate dai vaccini COVID è solo la punta dell’iceberg. Continuano a uscire articoli di ricerca medica su una serie di impatti sulla salute causati dai vaccini. Qui vengono citati alcuni nuovi articoli che rivelano meglio quanto siano poco sicuri i vaccini.

Un messaggio importante per la popolazione generale dovrebbe essere questo. Tutte le nuove ricerche sugli impatti dei vaccini provengono da soli due anni di utilizzo dei vaccini. Quindi non abbiamo ancora buone informazioni sugli impatti a lungo termine sulla salute. C’è una ragionevole probabilità che gli impatti negativi sulla salute diventino ancora più gravi man mano che aumenta il tempo a disposizione per gli impatti sugli organismi e per la ricerca.

Un altro punto è che anche se la percentuale di persone colpite può sembrare piuttosto bassa, è importante ricordare che il numero di persone vaccinate è enorme, centinaia di milioni di persone. Ciò significa che un numero molto elevato di persone può essere colpito da una serie di malattie che a prima vista sembrano di lieve entità.

Infine, è possibile che alcune persone siano vittime di diversi problemi di salute causati dal vaccino. Un altro fattore da considerare quando si continua a osservare un elevato tasso di mortalità in eccesso quasi ovunque.

 

Il cancro

Le analisi e i dati sui tumori causati dai vaccini COVID mRNA sono stati limitati. Ora arriva una nuova analisi creativa di Ronald Kostoff. Il titolo dell’articolo è: I TUMORI INDOTTI DAL VACCINO COVID-19 SONO EVENTI RARI?

Ecco un’affermazione che ha attirato la mia attenzione: “Applicando l’URF [frazione non segnalata] di ~100 dallo studio Harvard Pilgrim Health Care e la frazione di 1/3 dai risultati delle autopsie ai numeri relativi ai tumori dopo il vaccino COVID-19 VAERS si ottiene un totale di circa 83.000 eventi correlati al cancro dopo la vaccinazione COVID-19 (finora)”.

Ecco alcuni estratti:

Il cancro indotto dal vaccino COVID-19 è stato giudicato un evento “raro” dai principali promotori di questi vaccini (attenzione: queste iniezioni non prevengono né l’infezione né la trasmissione virale, quindi non sono vaccini in senso classico). Per accertare la frequenza dei tumori indotti dal vaccino COVID-19, abbiamo esaminato il database del Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) alla ricerca di segnalazioni di tumori. Poiché i tumori tendono ad avere un lungo periodo di latenza, abbiamo anche affrontato la questione degli indicatori di allarme precoce che potrebbero identificare i tumori indotti dal vaccino COVID-19 all’orizzonte o oltre. Infine, abbiamo confrontato i tumori riportati in seguito ai vaccini COVID-19 con quelli riportati in seguito ai vaccini antinfluenzali per un numero simile di dosi di vaccino somministrate.

Pur essendo imperfetto (come la maggior parte dei sistemi di segnalazione degli eventi avversi ai vaccini disponibili al pubblico), VAERS è un sistema ragionevole per identificare i segnali di sicurezza legati ai vaccini. Una delle principali carenze di VAERS è che solo una piccola parte degli eventi avversi correlati ai vaccini viene segnalata a VAERS. Uno studio condotto dall’Harvard Pilgrim Health Care, utilizzando un sistema di tracciamento elettronico, ha dimostrato che “meno dell’1% degli eventi avversi da vaccino viene segnalato”. Si tratta di un valore medio su tutti gli eventi avversi; per il cancro potrebbe essere molto peggio.

Prima di presentare i numeri, dobbiamo definire cosa si intende per evento correlato al cancro segnalato nel VAERS. Si tratta di 1) un biomarcatore associato all’eventuale comparsa di un cancro, 2) un gruppo di biomarcatori che riflettono un cancro preclinico, 3) un cancro appena diagnosticato, 4) un cancro che si è aggravato o 5) un decesso per cancro? Sebbene tutti e cinque siano candidati validi, il presente studio si concentra sui punti 3) e 4).

Questa limitazione alle voci 3) e 4) sottovaluta sostanzialmente gli eventi avversi del vaccino COVID-19 che possono sfociare in un cancro, perché esclude le anomalie nei biomarcatori di rischio di cancro.

Nel VAERS sono stati segnalati circa 330 diversi eventi avversi correlati al cancro per i vaccini COVID-19, per un totale di circa 2500 eventi. La conversione di queste voci VAERS in numeri reali di tumori indotti dal vaccino COVID-19 richiede tre ipotesi principali e alcune minori. Le ipotesi principali sono: 1) i tumori segnalati nel VAERS in seguito alla somministrazione dei vaccini COVID-19 sono effettivamente causati in tutto o in parte dai vaccini COVID-19; 2) il fattore di sottosegnalazione (URF) da utilizzare per la scalata dei tumori ai numeri del mondo reale può essere approssimato, a scopo di stima molto prudente, dagli URF di Harvard Pilgrim Healthcare, e 3) la frazione di voci VAERS a cui applicare l’URF può essere approssimata dai risultati delle autopsie per la frazione di decessi successivi al vaccino COVID-19 che possono essere attribuiti a quest’ultimo.

L’ipotesi 1) si basa su studi meccanicistici che dimostrano che i vaccini a base di mRNA COVID-19 (quelli maggiormente distribuiti negli Stati Uniti) distruggono il sistema immunitario innato, compresi i componenti che sorvegliano e controllano la crescita dei tumori. Uno dei meccanismi specifici dimostrati da studi meccanicistici molto recenti (https://www.science.org/doi/10.1126/sciimmunol.ade2798 e https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/36713457/) è che i vaccini a mRNA COVID-19 aumentano la frazione di anticorpi IgG4 e diminuiscono la frazione di anticorpi IgG3, e l’effetto aumenta con l’aumentare del numero di dosi di vaccino. Questo spostamento del rapporto IgG3/IgG4 è favorevole all’aumento della tolleranza agli allergeni, ma può anche favorire un aumento della malignità. Sulla base di quanto sopra e di molti altri risultati di studi recenti, la domanda che dovremmo porci sui vaccini COVID-19 non dovrebbe essere i) perché ci aspettiamo che questi vaccini contribuiscano allo sviluppo del cancro, ma piuttosto ii) perché ci aspettiamo che non contribuiscano allo sviluppo del cancro, data la loro dimostrata distruzione di quei componenti del sistema immunitario innato responsabili del controllo dello sviluppo del cancro!

L’ipotesi 3) si basa sull’osservazione che i risultati delle autopsie per i decessi indotti dal vaccino COVID-19 hanno mostrato che circa 1/3 di tutte le voci VAERS relative ai decessi potevano essere attribuite al vaccino. Non è noto se questa frazione sia applicabile al cancro indotto dal vaccino.

Sono rappresentati tutti i principali tipi di cancro, tra cui i più frequenti sono quelli al seno, ai polmoni, alla prostata, al cervello e al colon. La collocazione di questi risultati nel contesto è uno studio a sé stante. Facciamo un semplice confronto tra i tumori a più alta frequenza riportati qui e le loro controparti per i vaccini antinfluenzali riportati in VAERS. Abbiamo scelto l’influenza, in quanto si tratta di una malattia virale respiratoria e presenta una serie di caratteristiche in comune con il COVID-19.

 

Nuova stima delle morti da vaccino

Un’analisi molto innovativa è presentata nel nuovo articolo: Age-stratified COVID-19 vaccine-dose fatality rate for Israel and Australia. L’aspetto degno di nota è che l’analisi dettagliata per Israele e Australia porta a una generalizzazione applicabile agli Stati Uniti. Il documento sottolinea che “non è irragionevole assumere un valore globale per tutta la popolazione di vDFR = 0,1% [tasso di mortalità da dose di vaccino]“. Questo vale per le dosi di vaccino. Per gli Stati Uniti, sono state somministrate 670 milioni di dosi, quindi la stima è che 670.000 persone siano state uccise dai vaccini COVID negli Stati Uniti.

Ecco alcuni estratti:

È ormai assodato che i vaccini COVID-19 possono causare la morte, come risulta da:

– studi autoptici dettagliati (Choi et al., 2021; Schneider et al., 2021; Sessa et al.,

2021; Gill et al., 2022; Mörz, 2022; Schwab et al., 2022; Suzuki et al., 2022; Tan

et al., 2022; Yoshimura et al., 2022; Onishi et al., 2023),

– monitoraggio degli effetti avversi (Hickey e Rancourt, 2022),

– un recente studio di indagine (Skidmore, 2023),

– studi sulle patologie indotte da vaccino (ad esempio, Goldman et al., 2021; Kuvandik et

al., 2021; Turni e Lefringhausen, 2022; Edmonds et al., 2023; Wong et al,

2023), e

– più di 1.250 pubblicazioni peer-reviewed sugli effetti avversi del vaccino COVID-19

(React 19, 2022).

In particolare, uno studio dei dati del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) per gli Stati Uniti ha dimostrato che le iniezioni di COVID-19 possono essere intese come singole sfide al corpo e che la “tossicità per dose” è un buon modello del primo ordine del fenomeno per l’effetto avverso della morte (Hickey e Rancourt, 2022). Un aumento esponenziale della letalità con l’età mediana dei soggetti che muoiono dopo l’iniezione è stato osservato (Hickey e Rancourt, 2022).

Il nostro valore di vDFR per l’intera popolazione, pari a circa lo 0,05% (Figura 3, Tabelle 1 e 2), implica che negli Stati Uniti, a seguito della somministrazione di circa 670 milioni di dosi di vaccino COVID-19 fino ad oggi (669,60 milioni di dosi, fino al 31 gennaio 2023, Our World in Data),2 circa 330.000 residenti negli Stati Uniti sarebbero morti a causa dei vaccini COVID-19 (1 su 1.000 su base demografica), supponendo che gli individui anziani e vulnerabili non siano più numerosi o più aggressivamente colpiti rispetto a Australia o Israele. Questo numero è paragonabile ai 278.000 decessi rilevati da Skidmore (2023) nel suo studio sugli Stati Uniti. Il nostro numero di 330.000 è probabilmente una sottostima, alla luce della dipendenza esponenziale del vDFR dall’età che abbiamo dimostrato e dei noti gruppi eccezionalmente ampi di residenti altamente vulnerabili negli Stati Uniti (Rancourt et al., 2022b).

… non è irragionevole assumere un valore globale di vDFR = 0,1% per tutta la popolazione. Sulla base del numero globale di dosi di vaccino COVID-19 somministrate fino ad oggi (13,25 miliardi di dosi, fino al 24 gennaio 2023, Our World in Data),3 questo corrisponderebbe a 13 milioni di decessi dovuti ai vaccini COVID-19 in tutto il mondo.

 

Psicosi

Due articoli di ricerca medica hanno presentato prove di psicosi causate da vaccini.

Il titolo del primo articolo è: Può verificarsi una nuova psicosi dopo la somministrazione del vaccino COVID-19 a base di mRNA? Un caso clinico.

Ecco una parte fondamentale dell’articolo:

Un uomo ispanico di 31 anni, single, senza precedenti medici o psichiatrici, è stato portato al pronto soccorso dalla polizia a causa di un comportamento irregolare e bizzarro. È stato trovato ansioso, guardingo, superficiale e grandioso. Ha riferito di essere diventato “chiaroveggente”, di essere in grado di parlare con i morti, di sentire “persone che suonano il tamburo fuori da casa sua” e la voce costante di un collega di lavoro che credeva essere un paramorfo – è stato poi confermato che non c’era alcuna relazione romantica. Tutti questi sintomi sono iniziati un mese fa, dopo aver ricevuto la prima dose di un vaccino COVID-19 a base di mRNA, e sono peggiorati notevolmente tre settimane dopo aver ricevuto la seconda dose. In precedenza, il paziente era asintomatico e lavorava a tempo pieno come capoufficio. Pur essendo stato attivo durante l’adolescenza e l’età adulta, si è descritto come un solitario, con un’inclinazione a idee eccessivamente spirituali e in grado di comunicare direttamente con Dio. Aveva pochi amici intimi e relazioni sentimentali.

I segni vitali, l’ematochimica, l’esame tossicologico delle urine, l’esame delle urine e la radiografia del torace erano nei limiti della norma, tranne che per una moderata leucocitosi con spostamento a sinistra e una velocità di sedimentazione degli eritrociti di 48 mm/h. La sua PCR per la COVID-19 è risultata negativa. La tomografia computerizzata della testa con e senza contrasto ha mostrato iperintensità in tutta la materia bianca sottocorticale e periventricolare. La risonanza magnetica (RM) ha inoltre rivelato un focus di iperintensità FLAIR nella sostanza bianca peritrigonale sinistra, con multiple iperintensità punteggiate non specifiche in tutta la sostanza bianca sottocorticale e periventricolare e focus di suscettibilità nel talamo laterale destro. Il paziente è stato ricoverato presso il servizio di neurologia, dove un elettroencefalogramma (EEG) è risultato negativo. Ha rifiutato una puntura lombare. Il giorno seguente si aggirava per l’unità parlando da solo, affermando che “la macchina EEG stava comunicando con lui”. Il paziente ha dimostrato una scarsa capacità di comprendere i propri sintomi. Gli è stato somministrato risperidone 0,5 mg po qhs e posto in osservazione individuale. Il giorno successivo, il risperidone è stato aumentato a 0,5 mg qam e 1 mg qhs e il paziente è stato trasferito nel reparto psichiatrico. Il paziente è stato sottoposto a un trattamento di milieu e le allucinazioni e i deliri si sono risolti dopo due giorni. Cinque giorni dopo è stato dimesso con lo stesso regime farmacologico, con una buona percezione dei sintomi. Una settimana dopo la dimissione assumeva i farmaci, era asintomatico e aveva ripreso a lavorare.

Si tratta della prima segnalazione di sintomi psicotici dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19. Il SAR-CoV-2 è noto per innescare una potente risposta immunitaria, che comprende il rilascio di grandi quantità di citochine proinfiammatorie. Al gennaio 2021, sono stati segnalati 42 casi di psicosi associati all’infezione da COVID-19. È stato ipotizzato che una tempesta di citochine innescata da COVID-19 possa aumentare il rischio di psicosi. Per coincidenza, la schizofrenia è stata collegata a uno stato pro-infiammatorio (Goldsmith et al., 2016).

Il titolo del secondo lavoro è: PRIMO EPISODIO DI PSICOSI DOPO LA VACCINAZIONE COVID-19 – UNA SERIE DI CASI.

 

Herpes zoster

Il titolo di questo articolo è: Varicella-Zoster virus reactivation following severe acute respiratory syndrome coronavirus 2 vaccination or infection: New insights.

Ecco l’abstract:

Introduzione: La riattivazione del virus della varicella zoster (VZV) è stata riportata in seguito alla vaccinazione per la sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2), ma la sua reale entità rimane sconosciuta. Metodi: Abbiamo condotto una revisione sistematica per riassumere le prove della riattivazione o dell’infezione da VZV in seguito alla vaccinazione contro il SARS-CoV-2. Sono stati identificati anche episodi dopo la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19). Gli articoli correlati sono stati identificati nei database PubMed ed EMBASE fino al 31 dicembre 2021 utilizzando i termini “varicella zoster” e “COVID-19′′.
Risultati: Dalla ricerca sono emersi 314 articoli, di cui 55 soddisfacevano i criteri di inclusione. Le manifestazioni di VZV sono state documentate in 179 (82,1%) soggetti dopo la vaccinazione contro la SARS-CoV-2 e in 39 (17,9%) pazienti con COVID-19′. Tra i vaccinati, l’età mediana (IQR) è stata di 56,5 (42-70) anni e il 56,8% era di sesso femminile. Ventuno (16,8%) erano immunosoppressi. Il tempo di latenza mediano (IQR) dopo la vaccinazione è stato di 6 (3-10) giorni e l’84,4% ha ricevuto vaccini mRNA. La riattivazione del VZV si è verificata dopo una prima dose (68,2%), una seconda dose (12,8%) o un richiamo (0,6%). La manifestazione più importante del VZV è stata l’eruzione cutanea da herpes zoster, che ha rappresentato l’86,4% degli eventi nei soggetti vaccinati. Venti pazienti (11,3%) hanno presentato eventi gravi da VZV dopo la vaccinazione, con prevalenza di Herpes Zoster oftalmico (5,6%) e nevralgia post-erpetica (3,4%). Non sono stati registrati polmoniti da VZV o decessi. Il 96,2% dei soggetti vaccinati ha ricevuto prescrizioni di antivirali. Non sono state riscontrate differenze significative tra soggetti vaccinati e infetti. Conclusioni: Questo studio indica che la riattivazione del VZV è clinicamente rilevante.

 

Sindrome infiammatoria multisistemica

Il titolo di questo articolo è: Casi segnalati di sindrome infiammatoria multisistemica in bambini di età compresa tra 12 e 20 anni negli Stati Uniti che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 da dicembre 2020 ad agosto 2021: un’indagine di sorveglianza.

Ecco alcune parti del riassunto:

Background
La sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C) è una condizione iperinfiammatoria associata a un’infezione SARS-CoV-2 precedente. Negli Stati Uniti, la segnalazione della MIS-C dopo la vaccinazione è richiesta nell’ambito delle autorizzazioni all’uso di emergenza del vaccino COVID-19. Il nostro obiettivo è stato quello di analizzare le segnalazioni di individui di età compresa tra i 12 e i 20 anni affetti da MIS-C dopo la vaccinazione COVID-19, segnalate ai sistemi di sorveglianza passiva o attraverso la segnalazione di medici ai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Risultati
Utilizzando i risultati della sorveglianza dal 14 dicembre 2020 al 31 agosto 2021, abbiamo identificato 21 individui con MIS-C dopo la vaccinazione COVID-19. Di questi 21 individui, l’età mediana era di 16 anni (range 12-20); 13 (62%) erano maschi e otto (38%) erano femmine. Tutti e 21 sono stati ricoverati in ospedale: 12 (57%) sono stati ricoverati in un’unità di terapia intensiva e tutti sono stati dimessi a casa. 15 (71%) dei 21 soggetti avevano prove di laboratorio di un’infezione passata o recente da SARS-CoV-2, mentre sei (29%) non ne avevano. Al 31 agosto 2021, 21.335.331 individui di età compresa tra i 12 e i 20 anni avevano ricevuto una o più dosi di vaccino COVID-19, il che rende il tasso di segnalazione complessivo per la MIS-C dopo la vaccinazione pari a 1-0 casi per milione di individui che hanno ricevuto una o più dosi in questa fascia di età. Il tasso di segnalazione solo nei soggetti senza evidenza di infezione da SARS-CoV-2 è stato di 0-3 casi per milione di individui vaccinati.

Interpretazione
Descriviamo un piccolo numero di individui con MIS-C che avevano ricevuto una o più dosi di vaccino COVID-19 prima dell’inizio della malattia; il contributo della vaccinazione a queste malattie è sconosciuto. I nostri risultati suggeriscono che la MIS-C dopo la vaccinazione COVID-19 è rara. È necessario continuare a segnalare i casi potenziali e a sorvegliare le malattie da MIS-C dopo la vaccinazione COVID-19.

Joel S. Hirschhorn

 

Il dottor Joel S. Hirschhorn, autore di Pandemic Blunder e di molti articoli e podcast sulla pandemia, si è occupato per decenni di questioni sanitarie e la sua Pandemic Blunder Newsletter è su Substack. Come professore ordinario presso l’Università del Wisconsin, Madison, ha diretto un programma di ricerca medica tra le facoltà di ingegneria e medicina. In qualità di funzionario senior presso l’Office of Technology Assessment del Congresso e l’Associazione nazionale dei governatori, ha diretto importanti studi su argomenti legati alla salute; ha testimoniato in oltre 50 udienze del Senato e della Camera degli Stati Uniti ed è stato autore di centinaia di editoriali e di articoli sui principali quotidiani. Per oltre 10 anni è stato un volontario dirigente di un importante ospedale.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments