“Questa battaglia che affrontiamo per difendere la famiglia e la loro fede non è una battaglia tra repubblicani e democratici, non è dei conservatori o dei liberali, o della sinistra contro la destra”, ha detto Byrne. “Questa è una battaglia tra il diavolo, che è reale, e Nostro Signore”.

Un articolo de Catholic News Agency nella mia traduzione. 

 

Suor Deirdre “Dede” Byrne (foto: Lisa Bourne/Heartbeat International)
Suor Deirdre “Dede” Byrne (foto: Lisa Bourne/Heartbeat International)

 

I cattolici devono essere “pronti alla battaglia” per difendere la famiglia e la loro fede, ha detto suor Deirdre Byrne, POSC, in una conferenza internazionale pro-vita il 30 aprile. 

La Byrne, membro delle Piccole Operaie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, è un chirurgo e un colonnello in pensione dell’esercito americano. Serve come superiore della sua comunità e lavora in una clinica medica a Washington, D.C.  

“Dobbiamo essere preparati, pronti alla battaglia” come “soldati per Cristo in questo tempo oscuro, dove ogni giorno, le cose sembrano dilagare su cose che sono contro la famiglia e la fede”, ha detto alla 50a conferenza annuale del gruppo pro-vita Heartbeat International; la conferenza si è tenuta in presenza e in streaming online per i partecipanti. 

Heartbeat International è un’associazione di centri di assistenza per la gravidanza pro-vita, cliniche mediche, case di maternità e agenzie di adozione senza scopo di lucro. Dice di essere la più grande associazione di centri di assistenza per la gravidanza pro-vita nel mondo.

La conferenza annuale offre formazione per il personale, i membri del consiglio di amministrazione e i volontari delle cliniche per la gravidanza e di altri ministeri pro-vita, insieme agli operatori sanitari e sociali. 

Byrne ha parlato apertamente delle sue convinzioni politiche, dato che si è rivolta alla Convention nazionale repubblicana dell’agosto 2020 a sostegno del presidente Trump sulla questione della vita. Venerdì, tuttavia, ha spiegato che la “battaglia” che i cattolici devono affrontare non è di parte. 

“Questa battaglia che affrontiamo non è una battaglia tra repubblicani e democratici, non è dei conservatori o dei liberali, o della sinistra contro la destra”, ha detto Byrne. “Questa è una battaglia tra il diavolo, che è reale, e Nostro Signore”.

Byrne ha detto che i cattolici devono “combattere con amore” e continuare a pregare per i deputati eletti. 

“Dobbiamo pregare per il presidente [Biden], dobbiamo pregare per la [presidente della Camera Nancy Pelosi], dobbiamo pregare per tutte queste persone, questi politici che vogliono rendere la pillola abortiva da banco, così la gente potrà prenderla come la gomma da masticare o il Tylenol”, ha detto. 

L’amministrazione Biden ha recentemente sospeso i regolamenti del regime della pillola abortiva durante la pandemia, permettendo che sia prescritta e dispensata a distanza invece che in una clinica sanitaria come richiesto in precedenza.

“Dobbiamo pregare per queste persone perché la loro anima è in uno stato [di peccato] mortale”, ha detto dei funzionari eletti pro-aborto.

Parte del lavoro di Byrne nella clinica medica del suo ordine a Washington, D.C., comprende il tentativo di invertire gli effetti della pillola abortiva. Un aborto chimico è un processo in due fasi: la prima pillola taglia la fornitura di nutrienti al bambino non ancora nato, e la seconda fa sì che l’utero espella il bambino deceduto. 

“L’inversione della pillola abortiva” può avvenire con vari gradi di successo dopo l’assunzione della prima pillola. Byrne ha detto venerdì che il suo lavoro sulle inversioni della pillola abortiva è stato “una benedizione incredibile”, e che circa il 60% delle donne che cercano di invertire gli effetti del primo farmaco sono in grado di continuare le loro gravidanze. 

Durante la sua carriera nell’esercito e come missionaria, Byrne ha spiegato che ha avuto una vasta esperienza con le ferite e la morte in seguito a conflitti e disastri naturali. Ha detto che era “orribile vedere la disumanità dell’uomo verso l’uomo” in situazioni di conflitto. 

L’aborto, tuttavia, è “la più grande” disumanità”, ha detto. “È davvero brutta perché la gente non ci pensa nemmeno più, è diventata una cosa naturale”. 

I cattolici saranno costretti a prendere posizione e “scegliere da che parte stare” nella battaglia figurativa, ha detto. 

“Sappiamo che Dio è al comando e che è molto più grande del diavolo”, ha detto Byrne.

 

 

 



Facebook Comments
image_pdfimage_print
1