“C’è però qualcosa di cui avere paura, abbastanza razionalmente paura. O meglio, qualcosa contro cui essere vigili e pronti a combattere. Perché questo esperimento medico è anche un esperimento politico, un esperimento di gestione e controllo della popolazione. Anche in questo senso è legato all’aborto”.

Ecco l’articolo del prof. Douglas Farrow, professore di teologia ed etica alla McGill University, autore di diversi libri, pubblicato sul Catholic World Report, nella mia traduzione.

 

 

studenti giovani sorridenti

 

Vedo dai grafici forniti dalla CBC che nella terra in cui sono nato il fascino del lockdown dello stregone locale sta funzionando bene – così bene che ha fatto uscire il premier Horgan per chiedere che venga eseguito ancora una volta, con più entusiasmo. E che i professionisti del settore medico stanno esortando la provincia a “rendere il vaccino AstraZeneca disponibile per tutti i maggiori di diciotto anni”, in quanto ciò accelererà il piano di vaccinazione. Ha senso, credo, se per ogni gruppo di età di cinque anni, man mano che si scende nella scala, “la possibilità di morire per un’infezione da COVID-19 è esponenzialmente più piccola”. Quei diciottenni devono chiedere a gran voce. Non sono sicuro dei bambini delle scuole per i quali le compagnie farmaceutiche sono in competizione.

Le persone che non conoscono Bonnie Henry della Columbia Britannica, che il New York Times ha lodato come “una delle più efficaci figure della salute pubblica nel mondo”, possono guardare il suo nuovo libro al mese che ha fatto la sua fortuna, Be Kind, Be Calm, Be Safe: Four Weeks that Shaped a Pandemic (siate gentili, state calmi, state sicuri: Quattro settimane che hanno plasmato una pandemia, ndr). L’incantesimo pubblico è nel titolo. Il vero trucco, come suggerisce il sottotitolo, è trasformare quattro settimane in quattordici mesi. Ma non è solo Bonny Bonnie ad essere nei miei pensieri; piuttosto sono tutti quei lobbisti in camice da laboratorio che i media amano chiamare “professionisti della medicina”. Mi costringono a parlare ulteriormente di una particolare questione di vaccinazione che riguarda anche noi non professionisti: vale a dire, se quelli di un’età più avanzata che sono stati vaccinati dovrebbero incoraggiare i più giovani a fare lo stesso.

La risposta breve è no. Quello che le persone anziane fanno per se stesse sulla base del rischio/ricompensa dipende da loro. Quello che non dovrebbero fare è chiedere ai più giovani, come lo sfortunato signor Foley che sperava in una carriera in medicina, di condividere i rischi con loro o di correre rischi per loro.

Sebbene io non sia un esperto di questi rischi, è evidente che gli esperti stessi sono divisi. È altrettanto evidente che sono all’opera forze che non hanno nulla a che fare con la competenza medica, che persone di grande potere e influenza stanno spingendo i farmaci a coloro che non ne hanno bisogno, mentre traggono enormi profitti dalla loro assunzione. Persino le università, baluardi ora per la sicurezza piuttosto che per una seria riflessione, stanno allo stesso modo sollecitando, se non (come Rutgers o Notre Dame) effettivamente richiedendo, le vaccinazioni per i giovani e sani che non sono a rischio dal coronavirus, in un vano tentativo di prevenire quelli che sono a rischio di essere mai esposti. Questo è il modo di gestire una pandemia perpetua. Mi aspetto che saranno generosamente ricompensati da quelle persone di grande potere e influenza.

Queste persone, naturalmente, sono chiaramente in una posizione di conflitto di interessi. Alcuni sembrano abbastanza disposti a dissimulare quando fa loro comodo, e ad allearsi con altre forze rapaci come il partito comunista cinese. È giusto essere sospettosi di loro, e così anche di coloro che continuano ad insistere che siamo tutti insieme in questa situazione e dobbiamo fare sacrifici gli uni per gli altri. Solo perché questo è talvolta vero, e davvero nobile, non lo rende vero qui e ora, in questo modo particolare.

Da parte mia, scoraggio fortemente i giovani dal farsi vaccinare. Questo non è solo a causa di preoccupazioni etiche irrisolte relative all’aborto e al commercio in corso di parti del corpo dei feti. È anche a causa dei rischi a breve e lungo termine legati a questi “vaccini” che non sono realmente dei vaccini, compresi i rischi che potrebbero non iniziare a manifestarsi per un bel po’ di tempo. Quest’ultimo tipo di rischio può rivelarsi inesistente, naturalmente. O potrebbe rivelarsi meno raro del primo – non lo sappiamo e non possiamo saperlo al momento. In ogni caso, il primo non è abbastanza raro, come alcuni hanno notato. Nonostante i soliti avvertimenti sui dati aneddotici, suggerisco di ascoltare il dottor Hoffe a Bonnieland per avere un’idea “in prima linea” di questo, o almeno di leggere la sua lettera a lei.

Alcuni esperti sono stati irremovibili sul fatto che non dovremmo sperimentare, proprio per queste ragioni. Si preoccupano di tutto, dalla disfunzione riproduttiva (sproporzionatamente nelle donne) alla malattia da prioni, insieme ai decessi legati al vaccino o a esso connessi che ora sono migliaia, anche se rappresentano – come i decessi di COVID – una piccola frazione della popolazione esposta. In alcuni luoghi, AstraZeneca e Johnson & Johnson sono state sospese, mentre Moderna e Pfizer sono anch’esse sotto tiro.

Bilanciare i rischi è ovviamente un affare rischioso. Solo i giovani non sono a rischio, come lo sarebbero dalla poliomielite, per esempio, o dall’influenza spagnola. Anche le persone anziane, in assenza di co-morbidità rilevanti, non sono generalmente a rischio. Questo non significa che nessuno dovrebbe essere vaccinato, un punto di vista quasi altrettanto difficile da difendere quanto quello ufficiale che tutti dovrebbero essere vaccinati. Ma una cosa è scegliere di essere vaccinati noi stessi, sapendo che stiamo partecipando a un esperimento umano; un’altra è incoraggiare gli altri a farlo, specialmente quelli che, se l’esperimento fallisce o va fuori strada, saranno molto più pesantemente colpiti. Qui è dove la gomma colpisce la strada, eticamente parlando, e (che coloro che mancano di indennizzo stiano attenti) anche legalmente.

Come ho sostenuto recentemente in Catholic World Report, nessuno è moralmente obbligato a prendere i vaccini EUA per amore del prossimo o della buona cittadinanza. Potrebbe anche essere il contrario, nonostante la vuota retorica di figure moralmente screditate nella chiesa e nello stato. Né nessuno in Nord America è (ancora) obbligato per legge, nemmeno quelli nell’esercito o nel sistema medico. È moralmente sbagliato e anticostituzionale vaccinare chiunque con la forza o con l’inganno, anche se questo sta già accadendo in alcuni luoghi ai disabili e alla gente di strada, il che ci dice molto sul fenomeno che stiamo affrontando.

Mi chiedo, proprio a questo proposito, se molti hanno pensato alla relazione tra i diritti all’aborto – slogan come “il mio corpo, la mia scelta” ma che in realtà è il corpo di un altro, la mia scelta – e i mandati di vaccinazione, formali o informali, che postulano che il tuo corpo non vaccinato mette a rischio il mio corpo vaccinato, quindi anche tu devi essere vaccinato. L’analogia è certamente imperfetta, ma anche qui c’è qualcosa di perverso. La perversione non sta tanto nel fatto che un corpo vaccinato non dovrebbe essere a rischio – se lo fosse, che senso avrebbe? – quanto nel gioco di briscola che si sta giocando. I boomer (coloro che sono nati tra il 1946 e il 1964,ndr), dopo tutti questi anni, tendono ancora ad essere dei bastardi egoisti, soprattutto quando si credono filantropi.

“Voglio sentirmi al sicuro. Tu mi fai sentire insicuro. Quindi devi cambiare”. Una donna l’ha illustrato molto bene l’altro giorno nel nostro negozio di alimentari locale. Quando le è stato restituito il denaro del suo acquisto, ha gettato i soldi per terra (la Grande Pandemia ha dato un nuovo significato a “lurido guadagno”) e ha urlato che il suo rimborso doveva essere messo sulla sua carta di credito. Ora tutti i cassieri sono obbligati a chiedere ai clienti come desiderano i loro rimborsi prima di erogarli. Credo che questo sia quello che Bonnie chiamerebbe gentilezza.

Non sono molto gentile, forse, e nemmeno molto sicuro. Avrei semplicemente ringraziato la donna per la sua mancia e intascato il resto. Comunque è bene mantenere la calma. Il che significa, tra le altre cose, non assecondare l’incessante paurosa propaganda dei media – il fatto che la assecondiamo è il sintomo più evidente della nostra vera malattia – e di quei lobbisti in camice e dei loro lobbisti in capo. “Oh, ma i giovani a volte si ammalano di questa terribile malattia. In ogni caso, i nostri ospedali stanno per collassare se non state parcheggiati sul vostro divano a guardare la CBC o a leggere il mio libro”.

Contro queste paure sono stato schietto fin dall’inizio, insieme a Rusty Reno, che per primo mi ha svegliato sul pericolo. Per una maggiore certezza, poi, non intendo dire che le previsioni più terribili sui “vaccini” mRNA abbiano probabilità di avverarsi. Non ho modo di saperlo e preferirei di gran lunga, con molte persone buone e capaci, supporre che non lo faranno. Intendo solo dire che ci stanno trascinando in quello che è innegabilmente un esperimento – un esperimento per lo più non necessario che in effetti invita ad accuse di negligenza, essendoci altri mezzi di prevenzione e trattamento, ed essendo il tasso di mortalità COVID e il numero di morti in eccesso così bassi. (Nel marzo 2021, il tasso di mortalità standardizzato per età per l’Inghilterra e il Galles, per esempio, era più del cinque per cento inferiore alla media di cinque anni).

C’è però qualcosa di cui avere paura, abbastanza razionalmente paura. O meglio, qualcosa contro cui essere vigili e pronti a combattere. Perché questo esperimento medico è anche un esperimento politico, un esperimento di gestione e controllo della popolazione. Anche in questo senso è legato all’aborto.

Dire queste cose non significa indulgere nella teoria della cospirazione. È semplicemente affermare l’ovvio. Le suddette forze hanno chiarito perfettamente dove vogliono portarci. Se l’hanno fatto in modo tale da invitare una proliferazione di teorie del complotto, che dire? Le persone ragionevoli devono ancora riflettere sul quadro generale, proprio come loro, e il quadro generale come lo vedono include una popolazione molto più piccola, che può essere raggiunta solo attraverso la ricostruzione della società e il controllo centralizzato, guidato da una nuova ma senza dubbio molto medievale élite. Sicurezza e comodità, come predetto da Dostoevskij ne I fratelli Karamazov e da P. D. James ne I figli degli uomini, devono essere offerte al posto di indipendenza e libertà. Vengono offerte proprio ora attraverso la coltivazione della paura COVID e una vuota promessa di protezione – strato su strato di protezione – per coloro che sono disposti a rinunciare ai loro diritti e libertà.

Abbiamo l’obbligo morale di farlo notare ai giovani, il cui futuro economico e politico viene manipolato mentre la psiche collettiva viene manipolata. O forse saranno loro a doverlo indicare a noi, insistendo senza mezzi termini sul fatto che non vogliono pagare il prezzo delle nostre paranoie né sopportare i fardelli di cui li stiamo caricando. È il loro futuro che stiamo ipotecando.

Se venissero introdotti i passaporti vaccinali, come già avviene in alcuni luoghi, abbiamo il gravissimo obbligo di rifiutarli e resistere. Tre urrà per il governatore DeSantis, come mi ha detto proprio ieri un giovane per strada. E per quel clero e quei parlamentari – non tutti sono collaborazionisti conformisti – che si sono uniti ai comuni pubblicani e ai polemisti d’alto bordo nel generare una certa resistenza. Mentre non sarei d’accordo con gente come Naomi Wolf su molto, mi aspetto, sulla resistenza coraggiosa allo “stato della biosicurezza”, sono d’accordo. Perché l’avvento di un tale stato – sia in Cina, come è già il caso, o in Israele, come sta diventando il caso, o a livello globale, come deve essere alla fine il caso – è una minaccia molto più grave per il benessere umano di un trattamento sperimentale del coronavirus. Ma proprio per questo motivo anche quest’ultimo deve essere trattato con cautela. Attualmente è la carota sul bastone che conduce l’asino sulla strada della tirannia.

Torniamo alla Columbia Britannica o dovunque voi viviate: Molte persone fanno semplicemente quello che viene loro consigliato di fare in materia di salute pubblica perché hanno l’abitudine di conformarsi all’autorità. L’abitudine è giusta e ragionevole, in linea di principio. Ma nell’ultimo decennio o giù di lì, e in particolare nell’ultimo anno o giù di lì, è successo abbastanza per dissuadere una persona pensante dall’idea che dovremmo semplicemente fare ciò che ci viene detto perché ci viene detto, presumendo che coloro che lo dicono siano generalmente persone responsabili, che agiscono razionalmente. Questo non è mai stato un approccio adeguato al nostro dovere civico. Oggi è impossibile.

Queste stesse autorità ci hanno detto, per esempio, che non esistono il maschio e la femmina, e per tutti gli scopi pubblici pratici nemmeno Dio, che potrebbe aver fatto l’uomo maschio e femmina. Ci hanno incoraggiato, anzi, ci hanno imposto di cercare spazi sicuri sia mentalmente che fisicamente, anche a costo di negare fatti evidenti – fatti biologici, economici, sociali e spirituali – da cui nessuna persona può alla fine uscire con la propria sanità mentale intatta. Attraverso questi nuovi spazi sacri – scusate, spazi sicuri – sono stati impegnati a distruggere istituzioni e convenzioni senza le quali nessuna civiltà può prosperare o anche solo sopravvivere. Per non esagerare, si sono dimostrati mezzi matti. Alcuni di loro si comportano come se fossero essi stessi degli dei. Persino Thomas Hobbes, lodando i sacrifici religiosi (come quelli che molti dei nostri vescovi stanno facendo) per il bene della pace civile, ci ha detto che non dovremmo sopportarlo.

Quindi se, dopo questo anno apocalittico, pensate ancora che possiamo permetterci semplicemente di fare quello che ci viene detto, o che non possiamo permetterci di non farlo, beh, buona fortuna. Ma prima di impegnarvi in questa tesi e in questo piano d’azione, potreste voler guardare un potente montaggio del Justice Centre for Constitutional Freedom, chiamato “Covid: the Political Pandemic”. Vi ricorderà quali sgraziate piroette i burattini hanno eseguito mentre cantavano “Be Kind, Be Calm, Be Safe”.

Per quanto mi riguarda, mentre non pretendo di risolvere le dispute mediche o scientifiche al di là della mia conoscenza, non mi fido nemmeno degli sciamani della salute pubblica per determinare la legge, condurre la politica estera, gestire l’economia, o governare la nostra vita sociale e religiosa, tutto ciò è abbastanza al di là della loro comprensione – come del resto la maggior parte della “scienza” quando escono dalla loro immediata competenza. Se io stesso fossi ancora giovane, non affiderei volentieri me stesso o il mio futuro a loro o ai loro programmi di vaccinazione. Infatti, non lo farò ora, e spero che non lo facciano neanche i giovani.

Siate gentili, state calmi state sicuri? Piuttosto, vattene, tu e il tuo fascino! Come l’incandescente signor Humphris disse succintamente a Sir Starmer: “Fuori dal mio pub!

 

 




Facebook Comments
image_pdfimage_print
1