I responsabili politici a Washington devono pensare attentamente se possiamo intensificare il nostro coinvolgimento in Ucraina senza far precipitare l’Occidente in una guerra.

Articolo scritto da John Daniel Davidson, pubblicato su The Federalist. Ve lo propongo nella mia traduzione.

 

Carri armati USA-NATO  (photo NATO)
Carri armati USA-NATO (photo NATO)

 

C’è un crescente coro di voci, soprattutto a Washington e tra la stampa aziendale, che sostiene che gli Stati Uniti e i nostri alleati dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO) devono fare di più per assistere l’Ucraina contro la Russia. Fornire agli ucraini missili anticarro Javelin e missili antiaerei Stinger, così come piccole armi e munizioni, ci viene detto, non è sufficiente. Né lo sono le sanzioni economiche senza precedenti e devastanti che abbiamo imposto alla Russia, che probabilmente equivalgono a una dichiarazione di guerra.

Dicono che dobbiamo inviare aerei da guerra, carri armati e sistemi di armi avanzate. Alcuni neocon particolarmente entusiasti stanno persino sostenendo che la NATO dovrebbe imporre una no-fly zone sull’Ucraina, impegnando direttamente i jet da combattimento russi e gli obiettivi a terra in una campagna aerea tattica contro i russi. Ma, come minimo, gli alleati della NATO dovrebbero inviare all’Ucraina alcuni jet da combattimento MiG-29, e forse anche i sistemi di difesa missilistica Patriot degli Stati Uniti.

Questi argomenti tendono a sorvolare sul fatto che gli Stati Uniti e i nostri alleati possono tranquillamente fare tutto questo senza coinvolgere la NATO in una guerra con la Russia. Anche mettendo da parte la questione di una no-fly zone, che l’amministrazione Biden ha per ora escluso, stiamo comunque cercando di avvicinarci alla linea di belligeranza senza oltrepassarla. Molto probabilmente non sarà possibile. Sulla nostra rotta attuale, che i nostri leader se ne rendano conto o no, stiamo marciando senza cervello verso la guerra con la Russia.

I sostenitori dell’escalation sventolano questa possibilità con appelli alla storia. La nostra esperienza negli ultimi 70 anni, dicono, mostra che Mosca si tirerà indietro di fronte alle misure aggressive dell’Occidente. Guardate la crisi dei missili di Cuba nel 1962. Guardate l’operazione di trasporto aereo strategico degli Stati Uniti a Israele durante la guerra dello Yom Kippur del 1973, anche se l’Unione Sovietica stava rifornendo l’Egitto e la Siria. Molto più recentemente, guardate la battaglia di Khasham del 2018, in cui centinaia di soldati russi sono stati uccisi quando hanno attaccato le forze speciali statunitensi in Siria.

Questi esempi storici sono spesso abbinati ad altri che pretendono di mostrare un modello di tolleranza russa e americana per l’armamento e l’addestramento dei reciproci nemici sul campo di battaglia. I russi hanno tollerato che l’Occidente armasse i loro nemici in passato, quindi perché questo dovrebbe essere diverso?

Considerate l’intenso sostegno di Washington ai mujahedeen afgani durante l’occupazione sovietica dell’Afghanistan negli anni ’80. Da parte russa, considerate i consiglieri sovietici di stanza nel Vietnam del Nord durante la guerra, addestrando e in alcuni casi combattendo attivamente a fianco del nemico.

Il mio amico Chuck DeVore ha citato questo esempio su queste pagine di recente, osservando che circa 3.000 consiglieri sovietici erano di stanza in Vietnam durante la guerra, e che a partire dal 1964 addestravano i piloti di caccia e gli equipaggi della contraerea nordvietnamita, oltre a presidiare attivamente le batterie antiaeree e abbattere i piloti americani.

Altri esempi storici lungo queste linee abbondano, e insieme formano una tesi approssimativa a due punte: La Russia si tirerà indietro quando sarà sfidata dalla potenza americana, e la Russia tollererà l’armamento dei suoi nemici sul campo di battaglia da parte dell’Occidente finché non saranno i soldati americani a premere il grilletto o a pilotare gli aerei da guerra. In tutti questi casi, la guerra non è mai scoppiata tra l’Unione Sovietica e gli Stati Uniti, quindi perché l’Ucraina dovrebbe essere diversa?

A questo, si potrebbe rispondere che l’Ucraina rappresenta un tipo di conflitto fondamentalmente diverso da quelli citati sopra. Non si tratta di Cuba nel 1962, Israele nel 1973 o l’Afghanistan negli anni ’80. Non è il Vietnam o la Siria. Tutti quei conflitti, almeno da parte russa, erano periferici. (Cuba non era periferica per gli Stati Uniti, ma la sua utilità come precedente storico nella guerra in Ucraina è piuttosto limitata).

Per la Russia, il destino dell’Ucraina è una questione di sicurezza nazionale. Il suo status è di fondamentale importanza strategica per Mosca. Non c’è bisogno di essere d’accordo che lo sia per riconoscere che per il Cremlino lo è.

Così, mentre la guerra in Ucraina si trascina, e le perdite russe e ucraine aumentano, non dobbiamo presumere che Mosca reagirà come ha fatto in passato a conflitti più periferici. Non dovremmo dare per scontato che il presidente russo Vladimir Putin, che sembra aver puntato il suo regime sul successo dell’invasione e della sottomissione dell’Ucraina, semplicemente taglierà le sue perdite e si ritirerà ordinatamente come le forze sovietiche si ritirarono dall’Afghanistan nel 1989.

La consapevolezza di tutto questo dovrebbe anche informare la politica di Washington sull’opportunità di incoraggiare e sostenere materialmente un’insurrezione ucraina prolungata se le forze russe distruggono l’esercito dell’Ucraina, come probabilmente faranno. L’amministrazione Biden è disposta a rischiare una guerra con la Russia sul presupposto che Mosca sarà tollerante con la sponsorizzazione americana dei guerriglieri ucraini come lo è stata con i guerriglieri afgani anti-sovietici?

Così anche sulla questione delle sanzioni economiche. È la politica degli Stati Uniti e dei nostri alleati della NATO che l’economia della Russia dovrebbe essere distrutta completamente e il suo popolo sprofondato in una povertà lunga generazioni per l’invasione dell’Ucraina? Pensano che una politica di guerra economica prolungata possa essere mantenuta senza che Putin ad un certo punto decida che ciò costituisca un atto di guerra? Stiamo facendo piani e preparativi nel caso in cui lo faccia?

Più immediatamente, stiamo esplorando le vie d’uscita con l’Ucraina e la Russia? L’amministrazione Biden ha in mente scenari post-bellici o insediamenti negoziati che non solo accetterebbe, ma che medierebbe attivamente?

O l’unica visione della fine della guerra è quella massimalista che il Segretario di Stato Anthony Blinken ha articolato all’inizio di questo mese, in cui una Russia umiliata e sconfitta si ritira completamente da un’Ucraina totalmente indipendente e territorialmente intatta? Se questo è il caso, allora sembra quasi certo che la guerra si allargherà oltre l’Ucraina, e forse, per evitare lo stato finale che Blinken descrive, coinvolgerà l’uso di armi nucleari da parte della Russia.

Niente di tutto questo è per sostenere il tipo di isolazionismo proposto da alcuni della cosiddetta Nuova Destra. Né si tratta di rinunciare a qualsiasi intervento straniero in nome del nostro interesse nazionale. Ma si tratta semplicemente di riconoscere che questa particolare guerra non si spiega facilmente con gli esempi della Guerra Fredda, quando tutto andava bene, o con gli appelli agli eventi passati e ai conflitti alla periferia della Russia.

Piuttosto, è riconoscere senza mezzi termini che se l’Occidente non è disposto a sostenere un compromesso negoziato in Ucraina, allora la nostra continua assistenza militare agli ucraini, così come il nostro regime di sanzioni contro Mosca, rischia di mettere in moto una catena di eventi che non saremo in grado di controllare e che potrebbe facilmente portarci in una guerra con la Russia.

 

John Daniel Davidson è un senior editor di The Federalist. I suoi scritti sono apparsi sul Wall Street Journal, la Claremont Review of Books, il New York Post e altrove. Seguilo su Twitter, @johnddavidson.

 

 

Facebook Comments