Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Moon of Alabama. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Il 4/5 giugno l’esercito ucraino ha lanciato la controffensiva, da tempo annunciata, nel sud-est dell’Ucraina. Dieci giorni dopo non si registrano progressi significativi.

Questo non è il risultato che i propagandisti della guerra si aspettavano:

[Il generale Petreus] ha parlato della situazione in Ucraina al programma Today di Radio 4 della BBC.

Riguardo alla controffensiva, ha detto:

‘Penso che questa controffensiva sarà molto impressionante.

Ho l’impressione che otterranno effetti di armi combinate, in altre parole, riusciranno a portare a termine con successo operazioni di armi combinate in cui ci sono ingegneri che superano gli ostacoli e disperdono i campi minati e così via; i mezzi corazzati che li seguono protetti dalla fanteria contro i missili anticarro; la difesa aerea che tiene lontani i velivoli russi; la guerra elettronica che disturba le loro reti radio; la logistica proprio dietro di loro; l’artiglieria e i mortai proprio di fronte a loro.

E la cosa più importante di tutte… è che quando gli elementi di testa arriveranno inevitabilmente al culmine dopo 72-96 ore, fisicamente è il massimo che si possa fare, e avranno subito delle perdite… si avranno unità successive che si spingeranno fino in fondo e capitalizzeranno i progressi e manterranno lo slancio e penso che questo possa far muovere l’intera difesa russa in quell’area, poi penso che si apriranno altre opportunità anche sui fianchi”.

Nella realtà, gli elementi principali dell’attacco ucraino sono stati massacrati. Sono “giunti al culmine”, cioè hanno perso la loro capacità di ulteriori attacchi, in meno di un giorno:

Gli uomini della 37a brigata ucraina erano stati addestrati di recente e armati con armi fornite dall’Occidente, con l’incarico di effettuare una spinta iniziale attraverso il territorio occupato dai russi nei primi giorni di una controffensiva a lungo attesa.

Avrebbero pagato un prezzo pesante.

Nei 20 minuti successivi alla loro avanzata del 5 giugno a sud di Velyka Novosilka, nella regione sud-orientale di Donetsk, i mortai sono esplosi intorno a loro, hanno raccontato i soldati. Un soldato di 30 anni, noto come Lumberjack, ha visto due degli uomini nel suo veicolo sanguinare pesantemente; uno ha perso un braccio mentre gridava per la sua famiglia. Lumberjack si è infilato in un cratere, ma le schegge di un mortaio hanno attraversato il terreno e gli hanno trapassato la spalla.

“Siamo stati lasciati lì sul campo, senza carri armati o armature pesanti”, ha detto Lumberjack, che ha parlato con il Washington Post a condizione di essere identificato solo con il suo nome di battaglia perché non era autorizzato a parlarne. “Ci hanno bombardato con i mortai da tre lati. Non potevamo fare nulla”.

L’unità era composta da meno di 50 uomini, ha detto, e 30 non sono tornati – sono stati uccisi, feriti o catturati dal nemico. Cinque dei veicoli blindati dell’unità sono stati distrutti nella prima ora.


Chiunque abbia addestrato queste unità ha commesso gravi errori:

Per la prima ora e mezza dell’assalto del 37° vicino a Velyka Novosilka, i russi hanno bombardato l’unità con bombardamenti senza sosta che hanno penetrato i loro veicoli blindati AMX-10 RC, secondo Grey, un altro soldato del battaglione che ha parlato a condizione di essere identificato solo con il suo nome di battaglia. I veicoli blindati, a volte chiamati “carri armati leggeri”, non erano abbastanza pesanti per proteggere i soldati, ha detto Grey, e dovevano essere posizionati dietro di loro invece che davanti.

L’AMX-10 non è un carro armato e non può essere usato come tale. È un veicolo da ricognizione leggero su ruote costruito dalla Francia 50 anni fa per dominare gli insorti nelle sue ex colonie africane. Una delle sue caratteristiche principali è quella di avere una buona velocità in retromarcia. In questo modo è in grado di uscire di scena non appena vengono individuate serie forze di contrasto.

Il contrattacco ucraino è ora bloccato nella zona di sicurezza della difesa russa, a chilometri di distanza dalle vere linee di difesa. Questo era prevedibile.

Come il manuale di campo statunitense 100-2-1 descriveva l’esercito sovietico in difesa (pag. 93 e seguenti):

Quando la difesa viene stabilita prima del contatto con il nemico, i sovietici stabiliscono un echelon di sicurezza fino a 15 chilometri davanti all’area difensiva principale. Gli elementi che compongono lo scaglione di sicurezza provengono dal secondo scaglione della divisione. Una forza di sicurezza fino a un battaglione può essere dispiegata davanti a ogni reggimento di prima linea.

Viene sviluppato un piano di fuoco dettagliato e coordinato. Le armi sono posizionate in modo che la massima quantità di fuoco possa essere portata direttamente di fronte al [bordo anteriore dell’area di battaglia]. Le penetrazioni nemiche vengono smussate spostando il fuoco dell’artiglieria e conducendo contrattacchi.

L’esercito ucraino ha utilizzato almeno quattro brigate per il suo attacco. Almeno due di queste provenivano dalla riserva di 12 brigate che era stata costituita per il contrattacco. Con perdite di circa il 30%, le truppe coinvolte sono state seriamente danneggiate per poco o nessuno guadagno:

I russi stanno cercando di infliggere il maggior numero di vittime e di distruggere il maggior numero possibile di veicoli in una zona di battaglia davanti alla linea difensiva principale, svuotando le forze ucraine prima che la raggiungano. In effetti, l’area di fronte alla linea difensiva principale viene trasformata in una zona di morte.

Se la strategia russa si rivela efficace, l’Ucraina potrebbe perdere troppe truppe appena addestrate – che sono decine di migliaia – e troppi carri armati e veicoli da combattimento di fanteria per sfondare la linea principale.

Anche se dovessero arrivare a quel punto, le forze potrebbero essere troppo indebolite per dirigersi verso sud e contribuire a raggiungere un obiettivo importante: interrompere il cosiddetto ponte di terra che collega la Russia alla penisola della Crimea occupata. Ciò avverrebbe raggiungendo il Mar d’Azov, a circa 60 miglia di distanza. Le forze ucraine non erano ovviamente addestrate per questo. Inoltre, hanno attaccato in troppi punti. La mappa in alto mostra frecce di attacco in 7 punti e quattro direzioni principali. Una o due direzioni di attacco, con forze più concentrate, avrebbero potuto dare risultati migliori.

Il Presidente russo Putin ha recentemente descritto le perdite ucraine:

Non voglio fornire il numero delle perdite di personale. Lascerò che sia il Ministero della Difesa a farlo dopo aver controllato i numeri, ma la struttura delle perdite è sfavorevole anche per loro. Intendo dire che di tutte le perdite di personale – e si stanno avvicinando a un numero che può essere definito catastrofico – la struttura di queste perdite è sfavorevole per loro. Perché, come sappiamo, le perdite possono essere sanitarie o irrecuperabili. Di solito, temo di sbagliare un po’, le perdite irrecuperabili si aggirano intorno al 25%, massimo 30%, mentre le loro perdite sono quasi al 50%. Questo è il mio primo punto.

In secondo luogo, se consideriamo le perdite irrecuperabili, è chiaro che la parte che difende subisce meno perdite, ma questo rapporto di 1 a 10 è a nostro favore. Le nostre perdite sono un decimo di quelle delle forze ucraine.

Dall’inizio del contrattacco, il rapporto giornaliero russo ha elencato un totale di circa 10.500 vittime ucraine.

Si prevede un secondo grande tentativo di attraversare il Forward Edge of the Battle Area (FEBA) con le rimanenti forze ucraine, ma è improbabile che l’esito sia migliore. Il contrattacco ucraino, promosso da tempo, finirà probabilmente con alte perdite e nessun guadagno per gli ucraini.

Questo diventerà presto un enorme problema politico:

In vista della campagna per la rielezione del prossimo anno, Biden ha bisogno di una grande vittoria sul campo di battaglia per dimostrare che il suo sostegno incondizionato all’Ucraina ha rafforzato la leadership globale degli Stati Uniti, ha rinvigorito una politica estera forte con un sostegno bipartisan e ha dimostrato l’uso prudente della forza militare americana all’estero.

Un risultato confuso di guadagni limitati in Ucraina fornirebbe materiale per tutte queste critiche e intorbidirebbe ulteriormente le acque già torbide del dibattito della NATO e dell’Unione Europea sulla futura posizione nei confronti dell’Ucraina e della Russia. Un successo meno che “schiacciante” probabilmente aumenterebbe anche la pressione dell’Occidente per spingere Kiev a negoziare una soluzione territoriale che potrebbe non essere di suo gradimento.
L’amministrazione Biden può fare ben poco per cambiare questo quadro desolante. Il Congresso probabilmente gli impedirà di utilizzare apertamente l’esercito statunitense in Ucraina. Gli alleati europei della NATO hanno visto cosa può fare l’esercito russo ai suoi nemici. Non saranno ansiosi di vedere fare lo stesso alle proprie truppe.

L’unica via d’uscita è rappresentata dai negoziati.

La domanda per la Russia è quando e con chi. I colloqui con la sola Ucraina, un semplice proxy degli Stati Uniti senza alcuna voce in capitolo, sarebbero insufficienti. È il governo statunitense che deve accettare una nuova architettura di sicurezza in Europa. Le condizioni russe per la pace saranno dure e ci vorrà ancora molto tempo, e molti ucraini morti, prima che gli Stati Uniti le accettino.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments