dott. Filippo Anelli presidente FNOMCEO
dott. Filippo Anelli presidente FNOMCEO

 

 

di Sabino Paciolla

 

Uno studio legale di Roma, per conto delle associazioni “Istanza diritti umani Piemonte Liguria e Valle D’Aosta – APS” e “Diritti Umani e Salute”, ha chiesto al alla FNOMCEO (l’Ordine dei medici), il cui presidente pro tempore è il dott. Filippo Anelli, di giustificare quanto contenuto nel comunicato dell’Ordine del 15 luglio 2022 in cui, tra l’altro, si affermava: “i vaccini anticovid hanno evitato 19,8 milioni di morti solo nel 2021 e 150.000 solo in Italia”, “I vaccini non sono trattamenti sperimentali ma farmaci efficaci”. A giustificazione di tali affermazioni, lo studio legale chiede alla FNOMCEO di fornire i seguenti documenti: 

 Gli studi di genotossicità e cancerogenicità condotti sui vaccini anticovid.

 Gli studi scientifici di Fase I e II già conclusi e pubblicati.

 La prova scientifica che gli eccipienti presenti in alcuni vaccini, come ad esempio ALC-0315 di Pfizer, non contenga tracce di cancerogenicità, posto che la scheda di sicurezza resa nota dal produttore classifica il medesimo come “Carc. 1A H350”.

 La prova scientifica che il grafene presente in alcuni vaccini anticovid non sia dannoso per i soggetti inoculati, nonché la norma di legge che prevede tale presenza nei sieri.

 La prova effettiva che i vaccini anticovid siano conformi alle prescrizioni di cui al DL. 44/2021, ovvero idonei a prevenire il contagio e l’infezione.

 L’aggiornamento dell’elenco di cui alla L. 648/96.

 La prova effettiva che le Case Farmaceutiche abbiano assolto ai propri doveri, peraltro resi noti nei foglietti illustrativi, di aver fornito i dati aggiuntivi richiesti in virtù del regime di autorizzazione condizionata cui sono sottoposti.

 “PSUR” e “Relazioni intermedie di Sicurezza” di cui alle Determine AIFA (nn. Rep. 154/2020, Rep. 1/2021, Rep. 18/2021, Rep. 21/2021), che sarebbero stati depositati dai 4 produttori dei vaccini anticovid comprovanti gli imprescindibili requisiti di “efficacia e sicurezza” e il rapporto positivo “rischio/beneficio”.

 La documentazione comprovante il soddisfacimento di tutte le condizioni normative imposte da AIFA per il mantenimento del regime di autorizzazione condizionata dei 4 vaccini anticovid.

 La prova effettiva che, a tutela della salute pubblica, le Istituzioni Italiane abbiano soddisfatto i precetti normativi di cui all’art. 9 del Reg. UE 507/2009.

 Il provvedimento emesso dall’EMA o dall’AIFA che determina il passaggio dall’autorizzazione condizionata all’autorizzazione permanente dei vaccini anticovid, avendo quest’ultimi soddisfatto tutte le condizioni normativamente e scientificamente previsti.

 La fonte, corredata da relativa ed inoppugnabile prova scientifica, secondo cui i vaccini anticovid avrebbero evitato 19.8 milioni di morti solo nel 2021 e 150.000 solo in Italia, quindi la prova effettiva che tali soggetti sarebbero stati esposti a morte sicura a seguito di contagio Covid, e che la somministrazione di vaccini avrebbe impedito i potenziali decessi.

 La prova effettiva che i Report ufficiali Eudravigilance ed Euromomo (60.000 decessi e diversi milioni di reazioni avverse) siano mendaci.

 

Il comunicato della FNOMCEO era stato emesso a commento dell’Ordinanza emessa dal Tribunale di Firenze dalla Dott.ssa Susanna Zanda. Per questo, nel comunicato si affermava: “il provvedimento cautelare è fantasioso”, denigrandolo anche con la seguente espressione: “Fake News”

Per questo, in caso la FNOMCEO non fosse in grado di fornire esattamente e celermente i documenti richiesti, lo studio legale osserva:

In caso contrario, con immenso dispiacere, i concetti di “Fake News” e “fantasioso” dovranno essere imputati proprio al comunicato reso noto lo scorso 15 luglio, in quanto apparirebbe evidente, in siffatta ipotesi, che la S.V. abbia rilasciato dichiarazioni pubbliche prive di supporto probatorio, gravemente sfornite delle necessarie evidenze scientifiche comprovanti “efficacia e sicurezza”, con l’aggravante di aver fornito all’opinione pubblica una percezione distorta della reale entità dei vaccini anticovid, senza essersi preventivamente munito di verificare l’esistenza della documentazione medica prevista dal vigente quadro normativo.  

 

La documentazione richiesta dallo studio legale alla FNOMCEO  a comprova delle affermazioni fatte dall’Ordine dei medici è tanto più necessaria in quanto sono usciti i dati aggiornati al 30 luglio 2022 degli eventi avversi registrati nelle banche dati ufficiali gestite dagli organi di controllo del farmaco sia europeo (EUDRAVIGILANCE) che statunitense (VAERS). L’aggiornamento riporta: 

76.789 decessi e 6.089.773 lesioni riportate nei database statunitensi ed europei a seguito dei vaccini COVID-19

Questi dati sono notevolmente sottostimati. C’è chi dice che bisogna moltiplicarli almeno per 10 volte perché rappresentino adeguatamente la realtà. Uno spaccato di questi dati divisi per marca del vaccino, decessi e patologie seguiti alla vaccinazione COVID lo trovate qui.

 

 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments