L’efficacia del vaccino COVID Pfizer svanisce dopo meno di un mese dalla seconda dose. La protezione contro la malattia grave (ospedalizzazione, ecc.) rimane alta dopo circa 3 mesi. C’è una piccola osservazione da fare: i casi di malattia grave sono molto pochi nei ragazzi, tanto che la protezione non è stata possibile misurarla in Scozia a causa degli scarsi numeri. In compenso è sicuro che inoculeremo più e più volte i nostri ragazzi con un prodotto sperimentale i cui effetti a medio-lungo termine non sono noti. Ecco lo studio firmato da Pilar T. V. Florentino et al.. Lo studio è stato pubblicato su Lancet e ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

vaccini covid bambino bambini

 

Un nuovo studio rileva un calo della protezione del vaccino COVID-19 di Pfizer/BioNTech contro l’infezione sintomatica negli adolescenti brasiliani e scozzesi a partire da 27 giorni dopo la seconda dose in mezzo alle ondate di varianti Delta e Omicron, ma la protezione contro la malattia grave era ancora forte a 98 giorni in Brasile.

Lo studio, pubblicato ieri su The Lancet Infectious Diseases, ha analizzato i dati nazionali di 503.776 test COVID-19 effettuati su 2.948.538 adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni dal 2 settembre 2021 al 19 aprile 2022 in Brasile e 127.168 test effettuati su 404.673 adolescenti dal 6 agosto 2021 al 19 aprile 2022 in Scozia. La protezione contro le malattie gravi, definite come ricovero ospedaliero o morte entro 28 giorni, è stata stimata solo in Brasile a causa del numero ridotto di casi di questo tipo in Scozia.

I ricercatori hanno stimato l’efficacia del vaccino (VE) contro la COVID-19 sintomatica confrontando il tempo trascorso dalla prima o dalla seconda dose negli adolescenti risultati positivi ai test di reazione a catena della polimerasi (PCR) in Scozia, o alla PCR o al test dell’antigene in Brasile, e quelli risultati negativi (controlli).

Il periodo è stato caratterizzato dall’aumento di Omicron in entrambi i Paesi, che ha sostituito Delta nel dicembre 2021 in Scozia e nel gennaio 2022 in Brasile. Il rollout del vaccino per questa fascia di età è iniziato nell’agosto 2021 in Scozia e nel settembre 2021 in Brasile.

Gli autori dello studio hanno dichiarato che si tratta del primo studio che utilizza dati nazionali per valutare la VE contro i sintomi gravi di COVID-19 nel tempo tra gli adolescenti che hanno ricevuto Omicron.

 

VE contro i sintomi di Omicron 5,9% a 98 giorni in Brasile

In Brasile, nel periodo di studio, 176.002 (34,9%) test COVID sono risultati positivi e 327.774 (65,1%) negativi. Durante Omicron, sono stati registrati 355.066 test, con 150.291 (42,3%) positivi e 204.775 (57,7%) negativi. Tra i pazienti con 150.291 test Omicron positivi, 585 (0,4%) si sono ammalati gravemente.

In Scozia, 60.574 test COVID-19 sono risultati positivi (47,6%) e 66.616 negativi (52,4%) nel periodo di studio. Dei 45.771 test eseguiti durante Omicron, 26.177 (57,2%) sono risultati positivi e 19.954 (42,8%) negativi.

L’efficacia stimata del vaccino (VE) ha raggiunto il picco tra i 14 e i 27 giorni dopo la dose due in entrambi i Paesi, sia nell’ondata Delta che in quella Omicron, ed è risultata significativamente più bassa contro la COVID-19 sintomatica durante Omicron in Brasile (64,7%; intervallo di confidenza [CI] al 95%, da 63,0% a 66,3%) e Scozia (82,6%; CI al 95%, da 80,6% a 84,5%) rispetto a Delta in Brasile (80,7%; CI al 95%, da 77,8% a 83,3%) e Scozia (92,8%; CI al 95%, da 85,7% a 96,4%).

Durante Omicron, 27 giorni dopo la seconda dose di vaccino, la VE contro l’infezione sintomatica ha iniziato a diminuire, crollando al 5,9% (95% CI, 2,2% – 9,4%) in Brasile e al 50,6% (95% CI, 42,7% – 57,4%) in Scozia a 98 giorni o più. Nello stesso periodo dopo la seconda dose in Brasile, la VE contro l’infezione grave è rimasta superiore all’80% a 28 giorni ed è stata dell’82,7% (95% CI, 68,8%-90,4%) a 98 giorni o più.

“Due dosi di vaccinazione con BNT162b2 [Pfizer] tra gli adolescenti non sono sufficienti a mantenere la protezione contro la malattia sintomatica; tuttavia, offrono una protezione sostanziale contro gli esiti gravi della COVID-19 per almeno 3 mesi”, hanno scritto i ricercatori. “I nostri risultati supportano l’importanza di massimizzare la copertura vaccinale e di prendere in considerazione dosi di richiamo per gli adolescenti, anche se sono necessarie ulteriori ricerche”.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments