Segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog un articolo scritto da Ron Paul, politico statunitense, pubblicato sul Ron Paul Institute. Eccolo nella mia traduzione. 

 

No srop guerra Ucraina

 

Il 19 febbraio, il National Mall di Washington ha visto la più grande manifestazione contro la guerra degli ultimi 20 anni. L’elenco degli oratori comprendeva quattro ex candidati alla presidenza degli Stati Uniti e un’ampia e diversificata collezione di attivisti contro la guerra provenienti da destra e sinistra.

La manifestazione, giustamente denominata “Rage Against War Machine” (Rabbia contro la macchina da guerra), ha attirato migliaia di partecipanti, ma molti sostenitori della guerra hanno sottolineato che non ha eguagliato in dimensioni alcune delle più grandi manifestazioni contro la guerra in Iraq di 20 anni fa.

A questo rispondo: “Chi se ne frega”? I media mainstream statunitensi fanno propaganda di guerra senza sosta, con l’unica eccezione di Tucker Carlson di Fox News. È quindi un miracolo che qualcuno abbia avuto il coraggio di recarsi nel cuore della macchina da guerra a Washington per far sentire la propria voce! Non abbiamo bisogno di una maggioranza per reagire: una minoranza istruita e impegnata se la caverà egregiamente. E noi l’abbiamo avuta alla manifestazione!

Mentre ero seduto nella green room in attesa di parlare, ho avuto l’opportunità di incontrare gli ex candidati democratici alla presidenza Tulsi Gabbard e Dennis Kucinich e l’ex candidata del Partito Verde Jill Stein. Erano presenti anche i commentatori politici Jimmy Dore e Chris Hedges, oltre a molti libertari di spicco e di bella presenza. Tutti dietro le quinte portavano lo stesso messaggio: dobbiamo mettere da parte le nostre differenze per costruire una nuova, ampia coalizione contro questa guerra!

Credo che il movimento contro la guerra stia iniziando a prendere fuoco sia in patria che all’estero. La manifestazione di Washington è stata seguita da manifestazioni contro la guerra molto più ampie a Parigi, Berlino, Londra e altrove.

Diversi sondaggi recenti, tra cui quelli di Pew e AP, mostrano che il sostegno americano all’Ucraina sta evaporando. Anche nell’Unione Europea, nuovi sondaggi mostrano un’opinione pubblica nettamente contraria al sostegno dei propri governi alla guerra. Secondo un recente sondaggio Ipsos, meno della metà dei tedeschi è favorevole a continuare a inviare armi all’Ucraina. Il cambiamento è nell’aria.

La manifestazione di Washington si è svolta sullo sfondo dell’esplosivo rapporto investigativo di Seymour Hersh che dimostra come il governo statunitense abbia fatto saltare i gasdotti Nord Stream e del disperato tentativo dei media mainstream di insabbiare il tutto. La verità sta venendo fuori, ed è ancora più brutta di quanto immaginassimo.

I media mainstream statunitensi si stanno chiaramente innervosendo per il fatto che anche il loro controllo sulla narrazione sta evaporando. Come facciamo a sapere che sono nervosi? Hanno aumentato le bugie e le calunnie nei confronti dei raduni e delle voci contro la guerra.

Rachel Maddow, che ha alimentato l’America con un flusso costante di menzogne sul “Russiagate” negli ultimi sei anni circa, si è scatenata con una striscia blu diffamatoria sulla manifestazione Rage Against the War Machine. Tutto ciò che Maddow ha detto nella sua sfuriata post-raduno era oggettivamente falso e la sua errata descrizione dei partecipanti alla manifestazione come “strani” è stata subdola. Ha falsamente affermato che la manifestazione era piena di “suprematisti bianchi”, “Proud Boys” e “teorici della cospirazione anti-vaccini”.

Nessuno che fosse presente alla manifestazione avrebbe avuto idea di cosa stesse parlando. Ma il suo compito non era descrivere la manifestazione, bensì diffamarla. Cosa dimostra l’isterismo della Maddow sulla manifestazione? Che sono nervosi. Dimostra che i media mainstream, nonostante abbiano un potere quasi totale, hanno paura. Temono di perdere la narrazione. Bene. Era ora. Speriamo che sempre più americani inizino a infuriarsi! A infuriarsi contro la macchina da guerra!

Ron Paul

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments