vaccino Astrazeneca

 

 

di Sabino Paciolla

 

“I risultati di una sperimentazione statunitense del vaccino COVID-19 di AstraZeneca potrebbero aver utilizzato ‘informazioni datate’, hanno detto i funzionari federali della sanità degli Stati Uniti martedì”.

Questo è quanto riporta un articolo pubblicato dalla Associated Press (AP).

A quanto riporta l’AP, il Data and Safety Monitoring Board, che è un gruppo indipendente di esperti che monitora i dati sulla sicurezza del paziente e sull’efficacia del trattamento durante la sperimentazione clinica, ha dichiarato in un comunicato di essere preoccupato perché AstraZeneca potrebbe aver fornito una visione incompleta dei dati di efficacia.

AstraZeneca ha riferito lunedì che il suo vaccino COVID-19 ha fornito una forte protezione tra gli adulti di tutte le età in uno studio a lungo atteso negli Stati Uniti, una scoperta che potrebbe aiutare a ricostruire la fiducia del pubblico nella iniezione in tutto il mondo e avvicinarla ulteriormente all’autorizzazione negli Stati Uniti.

“Spero che metta a tacere ogni dubbio sull’efficacia del vaccino”, aveva detto all’Associated Press Mene Pangalos, capo della ricerca biofarmaceutica di AstraZeneca. “Nel complesso, dove viene utilizzato il vaccino, è stato dimostrato di essere altamente efficace. Quindi spero che lo studio statunitense ora continui a dare un po ‘di slancio al vaccino e lo faccia utilizzare ancora di più in tutto il mondo “.

L’immagine del vaccino si era un po’ offuscata a causa di alcuni eventi come quello in cui in fase di test, per un errore, ai partecipanti era stata data una dose dimezzata. Inoltre, sebbene si dichiarasse che il vaccino fosse efficace per i giovani, domande sorgevano per gli over 65 e per i più vulnerabili. Successivamente si è detto sicuro anche per gli anziani.

A tutto questo poi si è aggiunta la questione delle trombosi che in Europa ha portato alla sospensione della somministrazione per qualche giorno. L’EMA, l’autorità europea deputata alla autorizzazione dei farmaci, aveva poi dichiarato il vaccino sicuro anche se a suo parere non si poteva escludere un eventuale legame tra la somministrazione del vaccino e i rarissimi casi di trombosi successivamente riscontrati. 

“Nello studio di 30.000 persone,” riporta l’Associated Press, “il vaccino è stato efficace al 79% nel prevenire casi sintomatici di COVID-19 – anche negli adulti più anziani. Non ci sono state malattie gravi o ricoveri tra i volontari vaccinati, rispetto a cinque casi del genere nei partecipanti che hanno ricevuto una iniezione placebo – un piccolo numero, ma coerente con i risultati dalla Gran Bretagna e altri paesi secondo cui il vaccino protegge contro la malattia grave.

AstraZeneca ha anche detto che i controllori di sicurezza indipendenti dello studio non hanno trovato effetti collaterali gravi, tra cui nessun aumento del rischio di coaguli di sangue rari come quelli identificati in Europa, uno spavento che ha portato numerosi paesi a sospendere brevemente le vaccinazioni la scorsa settimana.”

L’azienda ha in programma di presentare una domanda alla Food and Drug Administration, il corrispondente in USA della EMA europea, nelle prossime settimane, e i consulenti esterni del governo discuteranno pubblicamente le prove prima che l’agenzia prenda una decisione.

Il vaccino AstraZeneca è “probabilmente molto buono” ma i dati inviati dalla società “sono fuorvianti”, ha dichiarato il dottor Anthony Fauci dopo i dubbi sollevati dalla commissione indipendente sull’attendibilità delle informazioni fornite agli Stati Uniti.

In risposta al comunicato, AstraZeneca ha spiegato di aver utilizzato dati risalenti a un periodo antecedente il 17 febbraio per risultati delle sperimentazioni cliniche negli Stati Uniti ed ha subito annunciato che “entro 48 ore” fornirà agli Stati Uniti altri dati sul su vaccino anti-coronavirus.

“L’autorizzazione e le linee guida per l’uso del vaccino negli Stati Uniti”, conclude l’AP, “saranno determinate dalla Food and Drug Administration e dai Centers for Disease Control and Prevention dopo un’attenta revisione dei dati da parte di comitati consultivi indipendenti.”

 

 








Facebook Comments
image_pdfimage_print
1