Dal Brasile una buona notizia: il sacerdote che aveva celebrato la benedizione di una coppia di uomini è stato sospeso cautelativamente in attesa di un processo canonico. Ci racconta tutto un articolo di Eduardo Campos Lima pubblicato su CruxNow che vi propongo nella mia traduzione.

Annarosa Rossetto

padre Vicente Paula Gomes benedice unione omosessuale

Padre Vicente Paula Gomes benedice unione omosessuale

 

Un sacerdote è stato sospeso dalle sue funzioni nella città di Assis, in Brasile, dopo aver benedetto un’unione omosessuale all’inizio di dicembre.

Padre Vicente Paula Gomes ha preso parte alla celebrazione avvenuta il 7 dicembre e ha benedetto l’unione di due uomini. L’11 dicembre, la diocesi di Assis ha emesso un decreto cautelare nei suoi confronti.

“Considerando le gravi accuse contro padre Vicente Paula Gomes, che ha celebrato un’unione omosessuale […], un atto compiuto in una sala per cerimonie nella città di Assis, […] decreto la sospensione ad cautelam “,  si legge sul documento firmato dal vescovo Argemiro de Azevedo e dal cancelliere diocesano, padre David José Martins.

Il documento afferma che dopo la fase delle indagini iniziali e della causa giuridica, la misura precauzionale perderà la sua validità. La dichiarazione è stata rilasciata il 12 dicembre ed è entrata in vigore lo stesso giorno.

Un videoclip pubblicato dal sito Web di notizie locali Assis City mostra parti del discorso di Gomes durante la cerimonia: “Pensiamo che per fare una famiglia siano sufficienti un uomo e una donna. [Ma] la famiglia non è solo questo. Fondare una famiglia significa creare le condizioni per una vita dignitosa. Ecco perché sono felice di essere qui”, ha detto il prete.

Gomes poi ha ammesso con umorismo che stava “tremando un po’” dato che era la prima volta che impartiva una tale benedizione.

“Sto già pensando a cosa dirà Mons. Argemiro lunedì. Ma come ho detto inizialmente, questa benedizione non mi sminuisce, né sminuisce la Chiesa, e neanche voi ”, ha detto.

Dopo che gli uomini si sono scambiati i voti, Gomes ha proseguito: “Avete dichiarato il vostro amore e avete avuto il coraggio di renderlo pubblico tra i vostri amici e davanti alla Santa Chiesa. Ovviamente non posso darvi questo sacramento, ma ho versato una benedizione su di voi, quindi avrete dei doveri come compagni fino alla fine della vostra vita. E non dimenticate che Dio benedice il vostro amore ora e per sempre ”.

Il video mostra che il prete ha poi permesso agli uomini di baciarsi, ma scherzando ha girato loro le spalle mentre lo facevano. Mentre si voltava di nuovo verso di loro, si è coperto gli occhi mentre si baciavano ancora.

Le immagini dell’evento mostrano che p. Gomes non aveva indossato paramenti liturgici durante la cerimonia e che non erano stati utilizzati oggetti ecclesiastici.

Don Gomes non è stato contattato per commentare la sua sospensione. Anche uno dei due uomini ha rifiutato di commentare l’evento, dicendo che “è una cosa del passato ormai” e che non vuole “tornare su quell’argomento, quindi non avrà ulteriori ripercussioni”.

Sulla pagina Facebook di p. Gomes, è possibile vedere dozzine di persone che usano una “cornice” che dice “#WeAreallFatherVicente”. Un’immagine con lo stesso messaggio è stata condivisa centinaia di volte. Uno degli organizzatori della campagna ha rifiutato di commentare la sospensione del sacerdote.

Don Gomes doveva essere il nuovo vicario della parrocchia di Nostra Signora di Aparecida ad Assis all’inizio di gennaio. Fino ad allora, era parroco nella vicina città di Tarumã, responsabile della parrocchia di Santo André. Ha 56 anni ed è stato ordinato nel 1992. Secondo un profilo pubblicato dal sito web AssisCity , Gomes tiene anche un programma radiofonico su una stazione locale, Rádio Difusora.

Nel 2014, un sacerdote a Bauru, 110 miglia a est di Assis, è stato scomunicato dalla Chiesa dopo aver pubblicato diversi video sui social media a sostegno del matrimonio tra persone dello stesso sesso e di altri argomenti controversi. Padre Roberto Francisco Daniel ha rifiutato di ritirare le sue tesi e alla fine è stato censurato dal Vaticano.

L’anno seguente, il sacerdote, che aveva un grande seguito su Internet, iniziò a celebrare in città “masse alternative” non autorizzate. Secondo una storia pubblicata dal portale di notizie G1 , alla fine Daniel ha fondato un’altra chiesa e da allora ha celebrato alcuni “matrimoni” tra persone dello stesso sesso in diverse parti del Paese.

Daniel ha lanciato una campagna sui social media per chiedere una risposta dal Vaticano sui motivi della sua scomunica. Fino ad ora, afferma di non averne ricevuto.

 

 

 

Facebook Comments
image_print
1