Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Gavin Ashenden e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Sinodo dell'Amazzonia
Sinodo dell’Amazzonia

 

Il recente articolo di Diane Montagna che presenta lo straordinario libro “Il processo sinodale è un vaso di Pandora”, con tanto di prefazione del cardinale Burke, è stato giustamente inquietante. In esso ci viene presentato l’impegnativo invito di Burke alla Chiesa a resistere ai processi sinodali che, secondo lui e gli autori, sono destinati a cambiare la nostra fede.

Gli autori, José Antonio Ureta e Julio Loredo de Izcue, affermano che stanno cercando di svegliare la Chiesa sulla portata dell’emergenza sia in Occidente che nella Chiesa cattolica. Essi avvertono la Chiesa che la cultura secolare è in pericolo imminente di essere scristianizzata e, peggio ancora, che questo movimento decristianizzerà anche la Chiesa stessa se introdotto dal cavallo di Troia della sinodalità.

Hanno scritto con semplicità e chiarezza perché hanno scoperto con grande allarme che “nemmeno i vescovi con cui abbiamo parlato sono consapevoli di tutta la posta in gioco”.

Se i vescovi non sono davvero consapevoli, ne consegue che è improbabile che lo siano anche i laici. Gli autori cercano quindi di scrivere in modo da “mettere in guardia la gerarchia, i circoli dell’intellighenzia cattolica e i fedeli comuni dai serpenti e dalle lucertole eterodosse presenti nel vaso di Pandora che si sta aprendo”.

Questo tipo di linguaggio potrebbe sembrare a prima vista irragionevolmente allarmistico. Per questo, per rendere il loro caso il più accessibile possibile, hanno scritto sotto forma di domande e risposte, in uno stile catechetico familiare, per aiutare i cattolici a risolverlo da soli.

Nel loro libro esplorano ciò che rappresenta e intende la strategia che sta dietro al processo sinodale.

Ciò che forse manca al libro è un’analisi concettuale complessiva di ciò che sta accadendo alla società secolare e di ciò che potrebbe accadere alla Chiesa.

Infatti, il processo che sta alla base di quella che il cardinale Burke descrive come una rivoluzione utilizza una miscela inebriante di sesso, marxismo e bipensiero orwelliano confusamente avvolti insieme, per capovolgere l’etica tradizionale del cattolicesimo.

I lettori del libro vorranno ovviamente esaminare attentamente queste affermazioni. Che cos’è, ad esempio, il “doppio senso”? Perché viene usato?

Il classico distopico 1984 di George Orwell, che ha preannunciato in modo così accurato gran parte di ciò che viviamo oggi, ci fornisce la chiave. Il bipensiero è “l’atto di avere contemporaneamente due idee o opinioni opposte e singolarmente esclusive e di credere in entrambe contemporaneamente e in modo assoluto”. Il doppio pensiero richiede l’uso della logica contro la logica o la sospensione dell’incredulità nella contraddizione”.

In questo romanzo, il Ministero della Pace si occupa della guerra, il Ministero della Verità della menzogna, il Ministero dell’Amore della tortura e il Ministero dell’Abbondanza della fame. I tre slogan del partito sono: “La guerra è pace; la libertà è schiavitù; l’ignoranza è forza”.

L’agenda contemporanea per la diversità, l’inclusione e l’uguaglianza riflette le stesse contraddizioni. In termini contemporanei Diversità significa in realtà uniformità non cristiana, Inclusione significa escludere i valori cristiani e tradizionali, e Uguaglianza significa vendicarsi di coloro che hanno opinioni cristiane con la cancellazione o peggio. Ogni giorno i telegiornali ci raccontano di cristiani che sono stati licenziati o cancellati per avere opinioni che “non si allineano con i valori di”, eccetera.

Orwell aveva avvertito i suoi lettori che l’obiettivo della follia del bipensiero è quello di far sì che una popolazione sempre più sottoposta al lavaggio del cervello non sia più in grado di riconoscere le contraddizioni.

Nell’attuale nebbia politica e culturale, in cui i politici hanno troppa paura di basarsi sulla biologia quando si chiede loro cos’è una donna, e in cui i trans-attivisti lanciano attacchi violenti contro le femministe comuni, la nostra cultura secolare sembra aver raggiunto lo stesso punto di paralisi in cui la contraddizione non può essere né gestita né articolata.

L’attuale lotta filosofica in tutto il mondo occidentale coinvolge il marxismo culturale o nuovo marxismo che sostituisce l’etica di quella che era la cristianità. I fondamenti dell’integrità dell’individuo e della compassione che Gesù incarnava vengono sostituiti dal collettivismo e dalle gerarchie di potere. Potremmo osservare che le relazioni di potere politicizzate hanno sostituito la compassione contrabbandandosi per il favore del pubblico fingendo di essere composte da un’inebriante e attraente miscela di gentilezza e giustizia. L’opinione pubblica ha ampiamente accettato l’idea che essere “woke” significhi essere a favore di una rinnovata giustizia sociale e che questa sia una cosa buona e meritevole.

La giustizia sociale, ora definita come restituzione dei cosiddetti alienati ed emarginati, in modo alquanto bizzarro ora funziona attraverso un prisma che vede il sesso come un elemento importante.

La sfida per la Chiesa che questo nuovo libro ci avverte non è solo che stiamo perdendo la battaglia per i valori cristiani nello Stato secolare, ma che il Sinodo amazzonico e il Cammino sinodale stanno replicando gli obiettivi secolari di minare e ridefinire l’etica cristiana, ma questa volta all’interno della Chiesa e non solo.

L’ironia è che la Chiesa stessa ci ha già provato una volta e si poteva pensare che avesse imparato da questo.

Negli anni ’60 e ’70 una prima versione economica di questo è stata tentata in quella che abbiamo chiamato “Teologia della Liberazione”. Stranamente tutto questo sta accadendo proprio nel momento in cui alcune parti della Chiesa che ha tentato l’esperimento si sono svegliate e hanno capito che la Teologia della Liberazione ha distrutto la Chiesa ovunque sia stata praticata in Sud America.

Il fratello di Leonardo Boff, Clodovis, come il fratello, ex teologo della liberazione, ha recentemente scritto un’accorata analisi del modo in cui l’adozione di categorie marxiste a favore degli alienati si è rivelata del tutto distruttiva dell’integrità e dell’etica cattolica.

Come mai, dunque, scorgiamo nella Sinodalità un attacco all’etica e alle convinzioni della Chiesa?

Vediamo l’uso del doppio linguaggio orwelliano rappresentato dai valori del D.I.E. che ci sono stati inflitti. Scopriamo anche la sostituzione dell’integrità dell’individuo con la preferenza per il “collettivo”. Scopriamo che il peccato è meno importante dell’inclusione; che la compassione e il perdono lasciano il posto al dominio delle relazioni di potere. Ma c’è anche l’ulteriore elemento, forse sconcertante, della centralità del sesso al centro dell’agenda.

Perché il classico focus dell’alienazione si è spostato dall’economia al sesso?

È solo una parte della degenerazione della cultura del losco? O forse fa parte della crescente pandemia di dipendenza dal sesso che la pornografia ha scatenato dietro la privacy dello schermo del computer? Oppure fa parte di una strategia?

È diventato impossibile non notare che le conseguenze del progetto secolare che la sinodalità sta copiando sono state la diminuzione di ciò che viene sprezzantemente chiamato “eteronormativo”. E come il valore dell’eterosessualità viene messo in discussione, così inevitabilmente anche lo status e il funzionamento della famiglia.

La spiritualità cattolica del secolo scorso è stata giustamente allertata dagli avvertimenti scaturiti dall’apparizione mariana di Fatima. E a prescindere da come li interpretiamo, è sempre più difficile non riconoscere che la sintesi di suor Lucia, secondo cui “la battaglia finale tra il Signore e il regno di Satana riguarderà il matrimonio e la famiglia”, ha una profonda e crescente risonanza e rilevanza contemporanea per la Chiesa nel momento attuale.

Ciò è reso ancora più toccante e allarmante dal momento che, avendo osservato la ferocia con cui i regimi marxisti hanno attaccato l’integrità della famiglia durante i loro anni di dominio negli Stati comunisti del XX secolo, ci troviamo a chiederci: “È davvero possibile che la Chiesa si stia preparando a sottoscrivere un progetto che sembra cercare di raggiungere di nascosto gli stessi obiettivi che un tempo erano stati tentati in modo così spietato con la forza”?

Il cardinale Burke, nella sua prefazione a questo nuovo libro, insiste che è esattamente ciò che sta accadendo:

“La sinodalità e il suo aggettivo, sinodale, sono diventati slogan dietro i quali è in atto una rivoluzione per cambiare radicalmente l’autocomprensione della Chiesa, in accordo con un’ideologia contemporanea che nega molto di ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato”.

Se è vero che i nostri vescovi, i cattolici consapevoli e la Chiesa in generale non hanno ancora compreso il carattere e la presunta strategia dell’attuale turbolenza, allora la lettura di “Il processo sinodale è un vaso di Pandora” può essere un compito importante come lo ritengono gli autori.

Gavin Ashenden

 

Il processo sinodale è un vaso di Pandora” può essere letto qui.

 

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments