Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Dan Maher e pubblicato su Catholic World Report. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella nostra traduzione. 

 

L'opera d'arte sinodale 2021-2023 (Immagine: Sinodo.va Instagram); I presuli al Sinodo 2018 (Immagine: CNA)
L’opera d’arte sinodale 2021-2023 (Immagine: Sinodo.va Instagram); I presuli al Sinodo 2018 (Immagine al centro: CNA)

 

Il Sinodo 2021-24 sta, a quanto pare, costruendo il ponte di padre James Martin.

Gli autori dell’Instrumentum Laboris (IL) per l’incontro vaticano di quest’autunno hanno inserito – in modo piuttosto insincero – un acronimo che deriva e abbraccia la rivoluzione sessuale: LGBTQ+. Sebbene sostenga di essere una “testimonianza profetica per un mondo frammentato e polarizzato”, il sinodo collabora con la cultura dominante.

Poiché i “cattolici LGBTQ+”, ci viene detto, sono tra coloro che non “si sentono” accettati o inclusi nella Chiesa, il sinodo “creerà spazi” in cui le “persone LGBTQ+” e altri “che si sentono feriti dalla Chiesa” non si “sentiranno” più invisibili e non graditi.

LGBTQ+ si riferisce agli “infiniti orientamenti sessuali e identità di genere utilizzati dai membri della nostra comunità“, come spiega il gruppo di difesa politica Human Rights Campaign. Incompatibile con la ragione e la fede, l’acronimo indica la convinzione della cultura che le persone – come gli dei – abbiano il completo dominio sul proprio corpo e sulle proprie facoltà sessuali.

Abituati come siamo alla separazione degli americani in gruppi identitari, il fatto che un sinodo della Chiesa cattolica si riferisca a esseri umani battezzati in questo modo è un grosso problema.

Una designazione priva di qualsiasi principio limitante infonde nel percorso sinodale l’instabilità e l’autoindulgenza di una cultura nella morsa invasiva delle teorie queer e gender. Nessuno sceglie LGBTQ+ per modificare i cattolici, a meno che non ci siano secondi fini – e ce ne sono.

 

L’inclusione radicale delle persone LGBTQ+ nel discorso della Chiesa

“Rispetto”, dice padre Martin in Un ponte da costruire, “significa chiamare un gruppo come chiede di essere chiamato”. La voce collettiva sentita da padre Martin ha origine nella politica e “ciò che chiede di essere chiamato” è, come spiega Carl Trueman, fondamentalmente incoerente.

Differenziare i cattolici in base al desiderio sessuale e all’identità di genere posiziona intenzionalmente queste caratteristiche come parte integrante della nostra natura di persone create a immagine e somiglianza di Dio. Questo “queering” dell’imago Dei mira, nel tempo, ad “allargare” i confini del discorso della Chiesa, “facendo spazio” nella tenda cattolica a quei tipi di sfumature che hanno destabilizzato le norme fin dall’Eden.

Lo stesso IL punta in questa direzione quando chiede un “rinnovamento del linguaggio” usato dalla Chiesa, affinché la “ricchezza” della sua tradizione diventi più “accessibile e attraente per gli uomini e le donne del nostro tempo, piuttosto che un ostacolo che li tiene a distanza”.

Come è fin troppo comune oggi, le affermazioni – in questo caso sulla tradizione e sull’insegnamento cattolico – sono trattate come fatti. Nel sinodo (come nella cultura) i sentimenti, piuttosto che le virtù, sono autorevoli. Quando un prelato radicalmente inclusivo (si riferisce al card. McElroy, ndr) dichiara che “la comunità cattolica contiene strutture e culture di esclusione che allontanano troppi dalla Chiesa o rendono il loro cammino nella fede cattolica tremendamente pesante”, cede la sovranità ai sentimenti. [corsivo mio]

La Chiesa è effettivamente oppressiva per “troppi”, o “troppi” vogliono che la Chiesa assecondi comportamenti personali in cui scelgono liberamente di impegnarsi?

Sono un figlio di Dio che è stato battezzato come cattolico. Il fatto che io sia un uomo sessualmente attratto da altri uomini non toglie né aggiunge nulla alla verità di cui la Chiesa deve sempre essere testimone. Sostenere che il discorso della Chiesa è un “ostacolo” che mi tiene a distanza o che le sue dottrine rendono il mio cammino di fede “tremendamente pesante” significa imitare una cultura che alimenta la debolezza.

Come cristiani, siamo chiamati a vivere, per quanto imperfettamente, una vita veramente radicale: rinnegare l’io, prendere la croce e seguire Gesù Cristo. Come cattolici, abbiamo bisogno di sacerdoti che illuminino con amore e fiducia la Parola e rafforzino così la nostra determinazione, che il mondo mina troppo abilmente.

Non sono una vittima, né una pedina dei sacerdoti cattolici che vogliono una Chiesa diversa.

 

Il prossimo passo è la normalizzazione del disordine?

LGBTQ+ incarna un disordine oggettivo, il suo Q+ una costante di confusione in cui cade una chiesa che lo incorpora.

Di conseguenza, ogni volta che il sinodo si riferisce ai nostri “fratelli e sorelle”, non aggiunge “e altri fratelli in Cristo”, un’espansione “compassionevole” della comunità dei battezzati – già utilizzata dal teologo radicalmente inclusivo, padre Dan Horan, OFM – che riconosce i nostri cattolici non-binari, genderqueer e pangender.

L’ansia del Sinodo di promuovere la dignità battesimale delle donne si scontra con il desiderio di una maggiore inclusione delle persone LGBTQ+, alcune delle quali ritengono di essere donne nonostante il “sesso assegnato alla nascita”, una frase mendace integrata per definizione nell’acronimo di cattolici modificatori.

La considerazione dell'”inclusione delle donne nel diaconato” comprende ora le donne trans – maschi biologici che si identificano come donne. Il sacerdozio deve aprirsi alle femmine biologiche che si identificano come maschi – uomini trans.

Fare altrimenti nega la dignità battesimale dei cattolici LGBTQ+.

Una Chiesa radicalmente inclusiva non può mai dire chiaramente cosa sia un uomo o una donna per non offendere, e sicuramente si sentirà costretta a rinnovare il discorso che “emargina” l’attività omosessuale.

Una Chiesa di questo tipo, come la cultura, ha bisogno di lettori sensibili. Il linguaggio delle sezioni 2357-59 del Catechismo è, ne sono certo, dannoso e un disservizio per quelli di noi che sono gay. Siamo percepiti come uomini senza petto, troppo sopraffatti dai nostri desideri per afferrare razionalmente la verità che l’inclinazione allo stesso sesso è “oggettivamente disordinata” e gli atti omosessuali sono “intrinsecamente disordinati” e “contrari alla legge naturale”.

Qualsiasi cambiamento nel discorso della Chiesa in questo caso porterà a revisioni altrove. La successiva sezione 2360, ad esempio, riguarda l'”Amore del marito e della moglie”, che dichiara – in modo esclusivo e senza apologia – che “la sessualità è ordinata all’amore coniugale dell’uomo e della donna”.

Man mano che la teologia gnostica queer sposata e attualmente insegnata in alcune istituzioni cattoliche prende piede, la nostra concezione di “ordinato” si amplierà. La sodomia sarà riconosciuta all’interno della totalità del disegno di Dio.

Infatti, la tradizione cattolica secondo cui “tutti gli atti sessuali al di fuori del matrimonio costituiscono un peccato oggettivamente grave” diventa irragionevole in una Chiesa radicalmente inclusiva, perché “concentra in modo sproporzionato” la vita morale cristiana sull’attività sessuale. Rendere la castità – la padronanza di sé – più “accessibile e attraente per gli uomini e le donne del nostro tempo” non sembra affatto necessario.

L’ultimo decennio di trasformazioni queer all’interno delle chiese protestanti tradizionali dimostra chiaramente che nessuna chiesa che abbraccia la cultura rimane la stessa. La comunione anglicana mondiale ha superato il punto di rottura. Dal clero transgender ai vescovi non binari, in una chiesa radicalmente inclusiva, il centro non può reggere.

E il mondo reale?

Siamo da sei decenni in una rivoluzione sessuale che ha devastato le istituzioni del matrimonio e della famiglia. Il percorso sinodale non solo si tiene alla larga dal disastro sociale e culturale immediatamente evidente, ma evita la verità – compresa la profetica Humanae Vitae – nel suo abbraccio al disordine oggettivo.

Il trionfo dell’agenda LGBTQ+ ha creato una cultura del pifferaio magico, allettantemente confezionata con i colori dell’arcobaleno, che informa i bambini che i mariti sposano i mariti, le mogli sposano le mogli; che afferma le fantasie dei bambini che sostengono di essere stati “assegnati” al sesso sbagliato; che chiede alle ragazze di condividere i loro spazi un tempo privati con i ragazzi; che obbliga a lezioni sull’orientamento sessuale e l’identità di genere già all’asilo, e aggiunge la “queerness” ovunque i bambini possano essere raggiunti.

Come può un sinodo che promuove specificamente la corresponsabilità all’interno della Chiesa ignorare il ruolo sociale cruciale della madre e del padre, che insieme hanno l’unico compito corresponsabile essenziale della società: far nascere una nuova vita, proteggere la prole, crescerla come cristiana?

Il Sinodo ha visto la partecipazione di un’alta percentuale di laici, uomini e donne. Tuttavia, una lettura dei documenti sinodali indica che i partecipanti laici hanno incluso pochi genitori con esperienza diretta recente nel cambiare pannolini, fasciare tagli e graffi, leggere storie alle teste addormentate, preparare i bambini per la scuola e monitorare gli sforzi della cultura finalizzati a bypassare mamma e papà attraverso la televisione, internet e i social media.

Invece, “sentiamo” l’esperienza autoriale delle università, i suoi accademici che percepiscono la chiesa istituzionale come una sorta di governo secolare, le sue leggi e le sue strutture onerose, i suoi discorsi catechetici scatenanti.

C’è qualcosa che non va. Nel documento nordamericano, ad esempio, i cattolici sono incoraggiati a “imitare Maria”. Perché? Perché, ci dicono gli autori, Maria “ha continuamente detto ‘sì’ all’invito a contribuire alla costruzione del Regno di Dio”.

Non viene detto il contributo indispensabile di Maria, il suo sì alla maternità.

In quel documento – dove il ruolo di leadership delle donne nella Chiesa è di primaria importanza – il ruolo di madre e moglie nella Chiesa domestica non viene mai menzionato. E nemmeno il ruolo di padre e marito. Allo stesso modo, nell’Instrumentum Laboris del Vaticano.

In queste omissioni risiede la radicale irrilevanza del percorso sinodale nel terzo decennio del XXI secolo. Dov’è la Chiesa cattolica, che difende il matrimonio e la famiglia, in questo momento di collasso sociale e culturale dell’Occidente?

In gran parte, quella Chiesa si troverà in Africa, dove risiede circa il 20% dell’attuale popolazione cattolica mondiale, dove le chiese sono piene la domenica e dove i bambini vengono messi al mondo maschi e femmine, come Dio li ha creati.

Il sinodo africano ha scelto di rinunciare al tema suggerito dal Vaticano – “Allarga lo spazio della tua tenda” di Isaia – a causa dell’associazione della tenda con il caos della guerra, della fuga e dello sfollamento. La Chiesa in Africa ha invece scelto come tema La famiglia di Dio. “La famiglia”, si legge nel documento, “è una struttura importante nella promozione della Chiesa sinodale e richiede una cura pastorale che si concentri sul matrimonio e sulla famiglia e sulle loro sfide nell’Africa di oggi”.

Su invito di Papa Francesco, padre Martin parteciperà al sinodo vaticano di quest’autunno, insieme ai quattro cardinali americani che hanno contribuito con dei trafiletti affermativi a Costruire un ponte.

Mi rincuora il fatto che il sinodo ascolterà anche molte voci individuali provenienti dall’Africa, dove la famiglia rimane preziosa, la gravità delle sue sfide apprezzata e la Chiesa cattolica un segno di contraddizione.

Dan Maher

 

Dan Maher è un insegnante di scuola pubblica secondaria in pensione, laureato alla Dallas Jesuit e alla Xavier University. Il suo Substack è Jesuit School e gestisce un sito web, The Jesuit School: Ensnared in the Postmodern World, per chiunque sia interessato all’educazione dei gesuiti.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments