Diane Montagna, di Lifesitenews, ha pubblicato una intervista al prof. Thoma Stark sull’Instrumentum Laboris del prossimo Sinodo dell’Amazzonia. Il Prof. Stark dice: “Il socialismo sta risorgendo nella Chiesa”.  E’ un socialismo deleterio che la Chiesa dovrebbe combattere perché dstrugge quello che rimane del Cristianesimo. E invece……

E’ una intervista interessante che propongo ai lettori di questo blog. Il prof. Thomas Stark ha insegnato filosofia all’Accademia di Filosofia e Teologia Benedetto XVI (Heiligenkreuz) ed è professore di filosofia all’Università di St. Pölten in Austria.

Ecco l’intervista nella mia traduzione.

 

prof. Thomas Stark

prof. Thomas Stark

 

LifeSite: Professor Stark, qual è stato l’argomento della sua conferenza e perché è importante che le persone lo sappiano?

Prof. Stark: La relazione ha riguardato il socialismo. Mi sono concentrato sul fatto che il socialismo non è qualcosa che si è appena verificato nel XVIII e XIX secolo, come molti credono. Secondo Igor Shafarevich, che ha scritto uno dei libri più importanti sull’argomento, The Socialist Phenomenon, il socialismo è una tentazione costante, un problema costante nella storia umana. 

Dobbiamo riconoscere che le strutture socialiste erano già istituite nelle prime grandi culture, ad esempio, in Egitto o in Mesopotamia o in Cina o in America Centrale, dove non esisteva la proprietà privata e dove i bambini venivano allevati dallo Stato. Il socialismo è un problema antico quanto la cultura umana avanzata, e l’argomento è oggi di estrema importanza perché abbiamo una nuova rinascita del socialismo.  

Possiamo anche trovare questo risorgere del socialismo all’interno della Chiesa, e sono molto preoccupato per il prossimo Sinodo in Amazzonia. 

 

Perché?

Perché nel documento di lavoro [Instrumentum laboris] trovo una grande influenza di un certo tipo di teologia della liberazione. Il problema è che la teologia della liberazione, condannata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede nel 1986, sotto l’allora prefetto cardinale Josef Ratzinger, si è trasformata in qualcos’altro. Al fine di sottostare a quella condanna, la teologia della liberazione si è trasformata in qualcosa di diverso. Il movimento ha lasciato il percorso marxista “conservatore”, tradizionale, e ha proposto qualcos’altro che il filosofo brasiliano Plinio Correa de Oliveira, nel suo noto libro Revolution and Counter Revolution, descrive come “tribalismo”. Secondo lui, il tribalismo è la quarta e ultima tappa dello sviluppo del socialismo – e la più pericolosa. Questa idea di tribalismo si ritrova in tutto il documento di lavoro. Si tratta di una nuova forma di socialismo che la maggior parte delle persone non conosce. E poiché non sanno di cosa si tratta in realtà, non si rendono conto di quanto sia pericoloso.

 

In che modo il “tribalismo” è socialista e che forma potrebbe assumere nella cultura occidentale? E cosa vede nel documento di lavoro del Sinodo che punta in questa direzione?

Ebbene, il tribalismo è una sorta di collettivismo, e ha un effetto di lavaggio del cervello. Sopprime l’individualità, sopprime lo sviluppo del pensiero individuale e della creatività individuale e porta tutti i membri della tribù in un’unica linea di pensiero. Allo stesso tempo, nel tribalismo non c’è proprietà individuale, né ci sono famiglie tradizionali. Le tribù normalmente allevano i figli collettivamente; non hanno la stessa comprensione del matrimonio e della famiglia; si comportano in modo promiscuo. Questo è ciò che il tribalismo ha in comune con altre forme di socialismo. 

Come si trasferisce in Europa o negli Stati Uniti? Il problema è che il nuovo tipo di socialismo cerca di imporre strutture tribali anche ai paesi sviluppati. Lo si trova nel documento di lavoro sinodale, dove ci viene detto che l’Amazzonia è un “luogo teologico” (n. 19), una regione dove avviene una nuova rivelazione, e che noi, come paesi occidentali nelle società sviluppate, dobbiamo formare e modellare le nostre società in accordo con le società tribali in Amazzonia.

Questo è ciò che ci dice questo documento, e questo è assolutamente inaccettabile. Sarebbe molto pericoloso seguire questo percorso tribale, perché distruggerebbe il resto della cultura cristiana che è rimasta dopo la storia di distruzione che è andata avanti negli ultimi 200-400 anni, a seconda che si inizi dai tempi della cosiddetta Riforma o dall’Illuminismo. 

 

Può dire qualcosa di più sulla posizione del socialismo nei confronti dell’individuo?

Uno dei problemi del socialismo, come sottolinea e dimostra Shafarevich nella sua opera The Socialist Phenomenon, è che uno degli scopi principali del socialismo è quello di distruggere l’individuo. Il socialismo cerca sempre di collettivizzare tutto e di portare tutti gli individui in una certa linea di pensiero collettivista, azione, ecc. Il socialismo distrugge la possibilità per l’individuo di sviluppare la propria creatività, di sviluppare il proprio stile di esistenza, perché si tratta di uniformità. Si tratta di una “cultura di massa” – e questo è un punto in cui il socialismo non è diverso dal fascismo. Distrugge lo sviluppo personale, la creatività e lo stile.

 

Ciò dovrebbe risultare ripugnante per i giovani, che almeno negli Stati Uniti, soprattutto a livello universitario, stanno diventando sempre più sensibili al socialismo.  

Esattamente. Ogni studente o giovane che si appresta a sviluppare la sua personalità dovrebbe richiedere un ambiente che incoraggi lo sviluppo della sua personalità e non un ambiente che la sopprima. Questo è ciò che significa, ad esempio, studiare in un’università: incoraggiare le proprie capacità intellettuali, diventare una persona colta e sviluppare il proprio stile di pensiero e di comportamento. Si tratta di essere una personalità e non solo un numero.

 

Nella sua lezione, lei ha menzionato il ruolo di Saul Alinsky in questo movimento. Come si inserisce?

Saul Alinsky è stato uno dei socialisti più influenti negli Stati Uniti nella seconda metà del XX secolo, e ha influenzato molti intellettuali e politici, per esempio Hillary Clinton. Saul Alinsky era un rappresentante molto importante di quello che viene chiamato “socialismo culturale”. 

Il socialismo culturale è legato alla figura di Antonio Gramsci, noto comunista italiano. Alcuni lo considererebbero il fondatore del socialismo culturale. È anche collegato con la scuola di Francoforte, che ha operato anche negli Stati Uniti negli anni Trenta. Saul Alinsky è stato il principale rappresentante del socialismo culturale negli Stati Uniti nella seconda metà del XX secolo. 

Coloro che sono a favore del socialismo culturale sono gli stessi che sono a favore dell’aborto, dell’eutanasia e di altri gravi crimini legalizzati. Da questo punto si può tracciare una linea verso il tribalismo e l’Amazzonia perché le società tribali in Amazzonia sono state molto influenzate da tutti questi mali. L’infanticidio, per esempio, gioca un ruolo importante nella loro vita. Il rispetto per ogni vita umana è qualcosa che non si trova in queste comunità tribali dell’Amazzonia, e questo è qualcosa che collega le società tribali amazzoniche e il socialismo culturale, una sorta di socialismo culturale che, con una pressione sempre maggiore, cerca di adattare le forme di vita tribale alle civiltà occidentali. 

I socialisti culturali cercano di trasformare sempre più il nostro stile di vita, il nostro sistema politico e il nostro stile di vita in direzione del tribalismo. Ed è molto spiacevole che ci siano forze all’interno della Chiesa cattolica che sono a favore di questo. La Chiesa cattolica dovrebbe essere la prima istituzione a combatterlo.

 

Quale strategia ha utilizzato Antonio Gramsci per promuovere il socialismo culturale?

Gramsci pensava che la scintilla rivoluzionaria sarebbe saltata dall’Unione Sovietica all’Europa occidentale, e non è andata così. Ha cercato di scoprire perché. Scoprì che il marxismo classico si concentrava troppo strettamente su temi puramente economici. Ha anche scoperto che il rovesciamento di una società non può essere iniziato nel campo dell’economia ma deve iniziare nel campo della cultura. Ha inventato il termine “società civile”. Ci possono essere radici in Hegel, ma questo è troppo difficile da spiegare qui. Egli distinse tra la società civile e il sistema politico ufficiale, e disse che se si vuole ottenere il controllo della politica, quello che si deve fare prima di tutto è raggiungere quella che lui chiama “egemonia culturale”. Questo significa che devi controllare la cultura, che devi controllare quelle parti della società che non fanno parte del sistema politico ufficiale, ma del sistema culturale. Questo include il teatro, il cinema, i media, la letteratura, le arti e persino la religione, così come l’intero sistema educativo. Questo è un punto chiave. 

Se sei in grado di controllare questo sistema culturale, cioè la società civile, e sei in grado di controllare ciò a cui la gente sta pensando, e se riesci a controllare quali informazioni debbono ottenere o non ottenere, se hai guadagnato quella che Gramsci chiama l’”egemonia culturale”, allora il potere politico cade nelle tue mani come un frutto maturo, senza ulteriori azioni. Questa è l’idea alla base del marxismo culturale, e questo è ciò che la scuola di Francoforte ha ripreso, raffinato, e questo è ciò che Saul Alinsky ha adottato anche da Antonio Gramsci. 

 

Che cosa possono imparare i cattolici di mentalità tradizionale da Gramsci?

Chiunque abbia una mentalità tradizionale, se vuole riconquistare la società per la Chiesa cattolica e per il cristianesimo, e per la regalità sociale di Cristo, dovrebbe usare le migliori strategie, se non sono contro la legge naturale o i Dieci Comandamenti. Dovremmo essere molto, molto interessati a trovare le migliori strategie, in modo morale, naturalmente. E c’è molto in Gramsci che i cattolici tradizionali possono usare. Prendiamo il controllo dei media, del sistema educativo, ecc. Non possiamo farlo in poche settimane, ma dovremmo iniziare a contrattaccare ora, per recuperare le università, le scuole, il teatro, la letteratura, la musica e i media. Dobbiamo costruire tutti i mezzi di comunicazione culturale e usarli per diffondere il Vangelo e la fede cattolica. Dobbiamo essere più professionali dei nostri nemici.

 

[wpedon id=”15469″ align=”center”]

 

 

Facebook Comments
image_print
1