Rilancio un articolo scritto da Tyler Durden e pubblicato su Zero Hedge, che vi propongo nella mia traduzione.

 

 

Singapore
Singapore

 

Singapore ha appena raggiunto un livello di penetrazione della vaccinazione che molte altre economie sviluppate invidierebbero: l’80% della sua popolazione adulta è stata vaccinata. Eppure, continua a lottare con uno dei peggiori focolai ancora. Domenica, la nazione di 5,7 milioni di persone ha riportato 555 ( 837 ultimo dato, ndr) nuovi casi locali di COVID-19, il numero massimo da agosto 2020. Un giorno prima, Singapore ha registrato la sua 58a morte per COVID, un uomo di 80 anni parzialmente vaccinato con una storia di diabete, ipertensione e problemi cardiaci.

Invece di ridurre le restrizioni, la scorsa settimana il Ministero della Salute di Singapore ha vietato gli incontri sociali nei luoghi di lavoro, presumibilmente perché gruppi di lavoratori che chiacchieravano intorno al refrigeratore d’acqua hanno portato a un’epidemia. E nel loro tempo libero, agli abitanti di Singapore è stato chiesto di partecipare a un incontro sociale al giorno, al massimo.

Nonostante Singapore sia uno dei paesi più pesantemente vaccinati al mondo, non molto della vita è cambiato riguardo il peggio della pandemia di COVID. Alex Cook, un esperto di modelli di malattie infettive presso la National University of Singapore, ha riconosciuto che la vita non è migliorata “più di quanto avremmo potuto sperare”, nonostante Singapore sia uno dei paesi più vaccinati al mondo.

Una cosa curiosa è successa da quando Singapore ha raggiunto l’80%, ci ricorda Cook: “I casi della comunità sono effettivamente aumentati da quando hanno raggiunto l’80% di copertura, in parte perché stiamo consentendo più eventi sociali per coloro che sono vaccinati e, oserei dire, per la maggiore difficoltà nelle misure di controllo”, ha detto Cook all’ABC.

E le prospettive non sono esattamente positive: Gan Kim Yong, copresidente della task force multi-ministeriale, ha affermato che il “preoccupante” picco di infezioni “probabilmente arriverà a 2.000 nuovi casi al giorno”, descrivendo le prossime due o quattro settimane come “cruciali”.

È una lezione che non è unica a Singapore; “Una lezione principale da tutto il sud-est asiatico è che è incredibilmente difficile prevenire la diffusione della [variante] Delta e, come mostra Singapore, anche gli alti tassi di vaccinazione non aiuteranno molto”, ha aggiunto Cook.

Sebbene siano per lo più sintomatici, Singapore sta ancora riscontrando molte infezioni che sfondano il vaccino tra i vaccinati. A questo punto, è solo l’ultima prova a suggerire che anche il tasso di efficacia ufficiale rivisto del vaccino Pfizer non è realistico quando guardiamo ai numeri dei casi. (vedi anche qui)

Un altro scienziato ha affermato che la continua diffusione è semplicemente un segno che l’80% dei vaccinati è ancora “troppo basso per la Delta”. Leong Hoe Nam, un esperto di malattie infettive della Rophi Clinic di Singapore, ha affermato che il ceppo Delta ha spostato gli obiettivi, in termini di livellonecessario di vaccinazione comunitaria.

Ma guardando le recenti ondate di infezioni da COVID negli Stati Uniti, in Europa e in Asia, inizia a sembrare che semplicemente il virus si adatti così rapidamente che i vaccini non sono abbastanza efficaci. Forse l’immunità naturale è la rotta migliore, dopotutto.

 

 

Singapore, nuovi casi giornalieri di contagiati covid
Singapore, nuovi casi giornalieri di contagiati covid

 

 

Singapore, Totale morti per coronavirus
Singapore, Totale morti per coronavirus
Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email