Di seguito un articolo scritto da Neirin Gray Desai, pubblicato su DailyMail. Eccolo nella mia traduzione. 

 

 

Ecco il momento in cui l’amministratore delegato di Pfizer è stato tempestato di domande all’uscita dalla conferenza annuale del World Economic Forum di Davos.

Albert Bourla è rimasto in silenzio mentre i “cittadini giornalisti” lo seguivano per le strade svizzere innevate, ponendogli domande sul vaccino COVID-19 mercoledì.

Al capo della Pfizer è stato chiesto da quanto tempo sapesse che il vaccino non preveniva la trasmissione e quanto denaro avesse personalmente guadagnato dalla sua vendita.

Dopo un paio di minuti di quella che i due uomini che lo stavano torchiando hanno definito una “mischia ambulante”, Bourla è scappato su per una rampa di scale come indicato dai membri del suo entourage.

Questo avviene dopo che è stato rivelato che l’amministratore delegato di Pfizer ha guadagnato personalmente 50 milioni di dollari in compensi per il 2021 e il 2022 e che il fatturato dell’azienda è triplicato a oltre 100 miliardi di dollari dal 2019.

I due uomini, che si sono definiti “cittadini giornalisti”, stavano lavorando per l’agenzia di stampa Rebel News.

“Qui non siamo media accreditati. Siamo all’esterno del perimetro, quindi lui è abituato solo alle palle mosce di CNN, MSNBC e gente del genere”, ha detto uno dei due.

La clip inizia con uno dei giornalisti, il canadese Ezra Levant, che indica Bourla prima di iniziare cordialmente con la domanda: “Signor Bourla, posso chiederle?

Quando ha capito che i vaccini non bloccavano la trasmissione? Per quanto tempo lo ha saputo senza dirlo pubblicamente?”.

A quel punto l’amministratore delegato ha fatto il suo unico commento: “Grazie mille”.

Ma Levant ha insistito: “Ora sappiamo che i vaccini non hanno fermato la trasmissione, ma perché l’avete tenuto segreto?”, ottenendo solo il silenzio.

Improvvisamente, dal nulla, è apparso un intervistatore più aggressivo, che ha rivolto al boss farmaceutico domande più mirate, che sembrano aver spaventato il gruppo con cui si trovava.

“È arrivato il momento di chiedere scusa al mondo? Non si vergogna di ciò che ha fatto negli ultimi due anni? Ne è orgoglioso?”, ha chiesto l’intervistatore più spietato, prima di accusarlo di “comportamento criminale”.

“Quanti booster ci vogliono per essere soddisfatti dei propri guadagni?”, ha scherzato.

Albert Bourla è un veterinario greco-americano ed è l’amministratore delegato di Pfizer dal 2019, dopo aver lavorato per l’azienda dal 1993. Nel 2020 ha ricevuto da Pfizer un compenso di 21 milioni di dollari e appare regolarmente sulla CNBC e sul New York Times.

L’anno scorso il direttore finanziario di Pfizer David Denton ha dichiarato agli investitori: ‘Penso che se si guarda a lungo termine, il franchising diventerà multimiliardario nel senso che sarà un po’ come un’influenza, un’influenza sostenuta, ma in realtà più letale dell’influenza.

Credo che i prodotti sviluppati da Pfizer, sia dal punto di vista del vaccino che della terapia, saranno molto importanti per molti anni a venire”.

Bourla ha fatto eco a questo sentimento, dicendo agli investitori nel novembre dello scorso anno: “Per quanto riguarda i nostri prodotti COVID-19, anche se le loro vendite potrebbero diminuire rispetto ai livelli previsti per il 2022, pari a circa 55 miliardi di dollari, riteniamo che i nostri franchise COVID-19 rimarranno generatori di ricavi multimiliardari per il prossimo futuro, il che dovrebbe servire da cuscinetto per eventuali sfide impreviste con altri prodotti del nostro portafoglio”.

 

 

Alla fine dell’anno scorso ha iniziato a circolare sui social media un video in cui un dirigente della Pfizer avrebbe “ammesso” che l’azienda non aveva testato se il suo vaccino a base di mRNA riducesse la trasmissione prima di distribuirlo.

L’Associated Press ha effettuato un fact-check che ha stabilito che il video era fuorviante e mancava di contesto, ma gli aspetti rimanevano veri.

“Pfizer non sapeva se il suo vaccino COVID-19 impedisse la trasmissione del virus prima di entrare in commercio nel dicembre 2020. Ma Pfizer non ha mai affermato di aver studiato la questione prima dell’immissione in commercio del vaccino”, ha scritto.

In un resoconto del suo incontro con Bourla, Levant sembra esserne entusiasta.

“Era il momento che stavamo aspettando: uno degli uomini più odiati al mondo che passeggiava tranquillamente perché pensava di essere tra amici”, ha detto.

“Beh, non contava su Rebel News e sul nostro stile di responsabilità del giornalismo dei cittadini”.

Pfizer ha raccolto circa 80 miliardi di dollari di entrate annuali grazie alle vendite dei vaccini Covid e del farmaco antivirale Paxlovid.

In ottobre, l’azienda ha annunciato che quest’anno avrebbe triplicato il prezzo del vaccino, portandolo a 130 dollari per dose, ben lontano dai 19-30 dollari per dose pagati dal governo.

Alcuni esperti stimano che ogni singola iniezione costi solo 1,18 dollari, il che significa che il nuovo prezzo rappresenta un aumento del 10.000%.

Pfizer è stata la prima azienda a ottenere l’approvazione del vaccino COVID-19 per il mercato statunitense. I successivi obblighi di vaccinazione per il personale sanitario e militare hanno fatto lievitare ulteriormente le vendite.

Secondo le proiezioni di novembre, l’anno scorso l’azienda ha registrato un fatturato totale di oltre 100 miliardi di dollari grazie al vaccino e all’antivirale Paxlovid, più che raddoppiato rispetto al fatturato annuale del 2019 (40,9 miliardi di dollari) e del 2020 (41,7 miliardi di dollari).

Sulla scia di questi ricavi in crescita, Albert Bourla ha guadagnato personalmente 50 milioni di dollari in compensi per il 2021 e il 2022.

Neirin Gray Desai

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email