Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Gavin Ashenden e pubblicato su Catholic Herald. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papa-Francesco-09-06-2021
Papa-Francesco-09-06-2021

 

Non possiamo dire di non essere stati avvertiti.

Durante la Giornata Mondiale della Gioventù a Rio de Janeiro nel 2013, Papa Francesco, eccitato dalle folle di giovani, ha adottato qualcosa dell’energica creatività degli adolescenti da cui era circondato e li ha esortati a fare casino:

“Voglio dirvi una cosa. Cosa mi aspetto come conseguenza della Giornata Mondiale della Gioventù? Voglio che ci sia casino. Sapevamo che a Rio ci sarebbe stato un grande disordine, ma io voglio il disordine nelle diocesi!

“Voglio che la Chiesa si avvicini alla gente. Voglio liberarmi del clericalismo, del mondano, di questa chiusura in noi stessi, nelle nostre parrocchie, scuole o strutture. Perché queste cose devono uscire!”.

Negli anni successivi, ha messo in pratica lui stesso ciò che aveva esortato a fare ai giovani della sua terra d’origine, il Sud America, e ne è seguito un disastro.

Mentre i giovani creano più spesso disordine scuotendo il sistema con interrogatori esuberanti, Papa Francesco stesso ha fatto uso di un metodo più sottile. Si è impegnato nell’ambiguità. Questo fino ai recenti “dubia”, quando la politica è cambiata e la strategia è diventata più palese. Secondo la mia interpretazione delle parole di Papa Francesco, l’ambiguità ha lasciato il posto all’azione diretta sulle benedizioni omosessuali.

La maggior parte delle persone è venuta a conoscenza dei “dubia” presentati da cinque turbati ed eminenti cardinali. Il Vaticano ha insolitamente rilasciato il testo della sua prima risposta.

Sebbene la forma di comunicazione fosse destinata a produrre un “sì” o un “no” da parte del Papa, egli ha scritto in modo più generoso. Nella sua generosità ha fatto un pronunciamento papale sulla benedizione delle coppie gay. Forse non è troppo suggerire che abbia finalmente sciolto la copertura. Con tutte le allusioni ambigue, era sempre questione di quando. Passando dal “chi sono io per giudicare?”, ha invece dato a tutto il clero il permesso di giudicare. Alcuni deducono da ciò che ha detto che ha dichiarato il suo sostegno alle coppie omosessuali attraverso il principio di facilitare le benedizioni pastorali.

Questa proposta era in risposta alla domanda dei cardinali interroganti che chiedevano se il Papa ritenesse che la benedizione delle unioni omosessuali continuasse a essere, come sempre, contraria sia alla Bibbia che alla tradizione.

Invece di fornire il semplice “sì” o “no” che i “dubia” invitano, il Papa ha spiegato il suo pensiero.

“Nel trattare con le persone, tuttavia, non dobbiamo perdere la carità pastorale che deve permeare tutte le nostre decisioni e i nostri atteggiamenti. La difesa della verità oggettiva non è l’unica espressione di questa carità, che è fatta anche di gentilezza, pazienza, comprensione, tenerezza e incoraggiamento. Per questo non possiamo diventare giudici che si limitano a negare, respingere, escludere.

“Per questo motivo, la prudenza pastorale deve discernere adeguatamente se esistono forme di benedizione, richieste da una o più persone, che non trasmettano una concezione errata del matrimonio. Quando si chiede una benedizione, infatti, si esprime una richiesta di aiuto a Dio, una supplica per una vita migliore, una fiducia in un Padre che può aiutarci a vivere meglio”.

C’era forse la speranza che all’interno di voluminosi paragrafi si nascondesse un piccolo gioco di prestigio concettuale?

Ma non è necessario guardare molto a fondo per seguire la tecnica.

L'”obiettività”, o in questo contesto, meno eufemisticamente, la “moderazione sessuale”, potrebbe essere contraddetta o annullata dalla “generosità”, o in questo contesto dall'”indulgenza pastoralmente giustificata”.

Ma se da un lato questo può aver messo in disordine il magistero, dall’altro conteneva una coerenza interna. Ci si chiede se Papa Francesco parli entro i confini del magistero della Chiesa o al di fuori di esso.

Bisogna partire dal presupposto che il Papa sta consapevolmente rompendo con la tradizione della Chiesa, ma sta usando l’autorità papale per farlo.

L’arcivescovo Fernandez lo ha detto quando, al momento della nomina, ha sottolineato l’importanza dell’incarico conferitogli da Francesco, che è quello di assicurare che tutti i dicasteri vaticani siano in linea con il “magistero recente”.

“Può succedere che si diano risposte a certe questioni teologiche senza accettare ciò che Francesco ha detto di nuovo su quelle questioni”, ha detto Fernández. “Non si tratta solo di inserire una frase di Papa Francesco, ma di permettere al pensiero di essere trasfigurato con i suoi criteri. Questo è particolarmente vero per la teologia morale e pastorale”.

Quindi ci sarà una differenza nell’insegnamento morale della Chiesa sotto Francesco. La domanda per il resto della Chiesa è se il tentativo non troppo energico di fingere di essere coerente quando è incoerente sia da prendere sul serio. La maschera, o il sotterfugio teologico, sta nell’affermare che si tratta di “sviluppo” della dottrina, e non di contraddizione.

Nelle discussioni su ciò che costituisce lo sviluppo della dottrina in contrapposizione all’inversione della dottrina, i predecessori di Papa Francesco sono stati energici nel condannare gli interpreti della tradizione che non cercano di svilupparla ma di invertirla. In una potente critica ai modernisti, Pio IX scrisse:

“Questi nemici della rivelazione divina esaltano il progresso umano fino al cielo, e con audacia sconsiderata e sacrilega vorrebbero introdurlo nella religione cattolica, come se questa religione non fosse opera di Dio ma dell’uomo, o una sorta di scoperta filosofica suscettibile di essere perfezionata dagli sforzi umani”.

Papa Pio X citò questa frase e la estese nella sua Enciclica Pascendi Dominici Gregis del 1907. Egli avvertì che lo spirito del modernismo si era infiltrato nel centro della Chiesa:

“I partigiani dell’errore non vanno cercati solo tra i nemici aperti della Chiesa; essi si nascondono, cosa da deplorare e temere profondamente, nel suo stesso seno e nel suo cuore… Nei ranghi dello stesso sacerdozio, fingendo amore per la Chiesa, privi della salda protezione della filosofia e della teologia, anzi, imbevendosi a fondo delle dottrine velenose insegnate dai nemici della Chiesa, e perdendo ogni senso del pudore, si vantano come riformatori della Chiesa”.

In diversi commenti recenti Papa Francesco ha suggerito che ci sono tre aree su cui la Chiesa ha cambiato idea.

Ha fatto riferimento alla schiavitù, alla pena di morte e alla sessualità come aree in cui la comprensione della Chiesa si è sviluppata in modo significativo nel corso degli anni.

In realtà si sbaglia. Questo non è corretto né storicamente né teologicamente. La visione della Chiesa sulla schiavitù è rimasta costante. Ha sempre definito il suo ripudio della schiavitù sulla base della difesa della persona umana fatta a immagine e somiglianza di Dio. Non ha mai accettato la legittimità della pratica di tale concetto e, laddove possibile, ha fatto tutto il possibile per mitigare tale pratica.

Più interessante è il suo ricorso all’esempio della pena di morte.

Brian A. Graebe, sacerdote dell’arcidiocesi di New York, ha scritto recentemente su First Things una severa critica alla strategia che il Papa ha utilizzato in relazione alla pena di morte per presentare la contraddizione come sviluppo. Ha scritto:

“Vorrei concentrarmi su quello che ritengo essere il più grave errore dottrinale di questo pontificato, ovvero il cambiamento che il Papa ha apportato al Catechismo della Chiesa Cattolica riguardo alla pena di morte. Lo definisco l’errore più grave sia per la sua natura ufficiale – non si è trattato di un’osservazione fuori dagli schemi – sia per il precedente che ha creato”.

Nel 2018, Papa Francesco ha riscritto completamente la sezione sulla pena di morte:

“Il ricorso alla pena di morte da parte della legittima autorità, a seguito di un giusto processo, è stato a lungo considerato una risposta appropriata alla gravità di alcuni crimini e un mezzo accettabile, anche se estremo, per salvaguardare il bene comune.

Oggi, tuttavia, c’è una crescente consapevolezza che la dignità della persona non viene meno nemmeno dopo la commissione di crimini molto gravi. Inoltre, è emersa una nuova comprensione del significato delle sanzioni penali imposte dallo Stato. Infine, si sono sviluppati sistemi di detenzione più efficaci, che assicurano la dovuta protezione dei cittadini ma, allo stesso tempo, non privano definitivamente i colpevoli della possibilità di redenzione.

Di conseguenza, la Chiesa insegna, alla luce del Vangelo, che “la pena di morte è inammissibile perché è un attacco all’inviolabilità e alla dignità della persona” e si adopera con determinazione per la sua abolizione in tutto il mondo”.

Pur non contraddicendo apertamente l’insegnamento morale della Chiesa fino a quel momento, la formulazione rende la pena di morte obsoleta e di conseguenza lo fa in modo occulto. La pratica può non essere sbagliata in “teoria”, ma non deve mai essere attuata in pratica.

La cosa più problematica è che Francesco dichiara che l’epoca attuale ha una consapevolezza più sensibile e raffinata della dignità della persona umana rispetto alle culture precedenti.

E questo si sposta in modo netto e sintetico dal terreno dello “sviluppo” a quello della “contraddizione”. Per due millenni la Chiesa ha ritenuto che la pena capitale fosse in alcuni casi moralmente giustificata, ma ora apprezziamo la dignità umana con una sensibilità più profonda, giungendo alla conclusione che in nessun caso è giustificata al punto da dover lavorare per la sua completa abolizione.

In risposta ai recenti “dubia”, il Papa segue lo stesso percorso che gli permette di imporre la contraddizione pur affermando lo sviluppo.

Questo rappresenta una sfida per tutta la Chiesa cattolica. Invocando la ragion d’essere della Chiesa cattolica, la continuità e l’autorità, il cattolicesimo viene messo in discussione e cambiato.

Gavin Ashenden

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments